Cerca nel quotidiano:


Al Teatro Goldoni il Concerto di Capodanno

Martedì 1° gennaio alle 18 si terrà la quattordicesima edizione del Concerto di Capodanno con l'orchestra dell'istituto Mascagni

mercoledì 19 dicembre 2018 19:10

Mediagallery

di Chiara Dhimgjini e Gabriele Fiore

Per augurare un buon anno nuovo ai cittadini livornesi, la Fondazione Livorno, insieme al Teatro Goldoni ed il conservatorio Pietro Mascagni, si sono uniti per realizzare il tradizionale Concerto di Capodanno (foto di Simone Lanari).
Il concerto si terrà martedì 1° gennaio 2019 alle 18 per la sua 14esima edizione ed il programma musicale scelto per l’occasione sarà popolare e con brani classici che la tradizione colloca nei concerti dell’atmosfera tipicamente natalizia (clicca qui per consultare il programma).
In apertura di serata due brani di John Philip Sousa, compositore e direttore di banda statunitense, The fairest of the fair, una delle più melodiche, e Mother Goose, un medley di brani per bambini. A chiudere la prima parte del concerto è Peer Gynt, suite n. 1 op. 46, una delle Suite sinfoniche di Edvar Grieg.
Ad aprire la seconda del programma è l’opera Ouverture da La gazza ladra di Gioachino Rossini, sempre più nel vivo di una festa gioiosa, ci porteranno le tre composizioni di Johann Strauss figlio. Con The Typewriter di Leroy Anderson si compie un incursione nel ‘900. A concludere questa giornata di festa la Radetzky March di Johann Strauss padre.
“Dal 2013 la fondazione sente l’esigenza di augurare ai cittadini le cose più belle che esistono, e da anche uno stimolo a se stessa per garantire l’attivata che svolge ormai da tanti anni – racconta Marcello Murziani, vicepresidente della Fondazione Livorno – la Fondazione svolge varie attività, si occupa anche dei settori artistico e culturali, la musica proprio in quest’ultimo occupa una parte importante. Vi sono destinati infatti circa 200 mila euro annui”.
“La miglior maniera di salutare l’anno nuovo è farlo assieme ai giovani, oltre alla manifestazione musicale c’è anche questo aspetto insito nel nostro lavoro al conservatorio – dice Marco Luise, Presidente Conservatorio Pietro Mascagni – fare spazio ai giovani mettendo in mostra quello che riusciamo a fare al conservatorio. Si esibiranno insieme maestri e studenti, un’occasione per mostrare tutto ciò che il progresso di ciò che facciamo all’interno del conservatorio”.

“Il fatto che Livorno si ritrovi il primo dell’anno ad ascoltare la propria tradizione musicale, le nostre radici, per augurarsi buon anno significa che abbiamo qualcosa da vantarci del nostro passato per guardare in faccia le sfide che verranno – dice Marco Leone, direttore generale Fondazione Teatro della Città di Livorno C.Goldoni – è un valore simbolico molto forte e significa che abbiamo voglia i stare insieme per affrontare tutte le sfide che verranno “.

Riproduzione riservata ©

STA PER NASCERE LA NUOVA APP DI QUILIVORNO.IT.  SARA’ ONLINE SU APPLE STORE E PLAY STORE CON FUNZIONI MAI VISTE FINO AD ORA IN CITTÀ. AVVISA PARENTI E AMICI.

LA REDAZIONE DI QUILIVORNO.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.