Cerca nel quotidiano:


Cavalleria Rusticana e Suor Angelica inaugurano la stagione teatrale del Goldoni

Il capolavoro di Mascagni e l'opera di Puccini, Suor Angelica, per la prima volta, dal 1972, sul palco insieme sabato 19 alle 20,30 e domenica 20 ottobre alle 16. L'assessore Lenzi annuncia un festival mascagnano

giovedì 10 Ottobre 2019 09:25

di Jessica Bueno

Mediagallery

L’opera che inaugurerà la stagione del Teatro Goldoni sarà Cavalleria Rusticana, capolavoro di Pietro Mascagni, in scena sabato 19 alle 20,30 e domenica 20 ottobre alle 16. Un titolo acclamato e rappresentativo di Livorno nel mondo che verrà rappresentato, per la prima volta dal 1972, insieme all’opera pucciniana “Suor Angelica” a significare la grande unione e amicizia tra i due compositori. Il binomio è il risultato di una coproduzione col Teatro Coccia di Novara ed il Teatro Sociale di Rovigo. Ad inscenare le due opere liriche i cantanti del Mascagni Opera Studio, che attira e lancia giovani talenti del mondo canoro, con la regia di Gianmaria Aliverta, la direzione artistica del Maestro Daniele Agiman, i costumi di Sara Marcucci, le luci di Elisabetta Campanelli e l’assistente alla regia Silvia Giordano. “Siamo molto emozionati – ha affermato durante la conferenza stampa Marco Leone, direttore della Fondazione Goldoni – Si tratta di una grande coproduzione ed il fatto che sia proprio Mascagni ad inaugurare la stagione è significativo: rappresenta le radici della tradizione musicale del teatro e della città stessa”.  Il ritorno di Cavalleria Rusticana nel cartellone dà l’input per il lancio di un festival mascagnano. Lo ha infatti annunciato l’assessore alla cultura Simone Lenzi nel corso della conferenza stampa: “L’amministrazione comunale adesso è concentrata nella mostra dedicata a Modigliani. Ma non ci dobbiamo dimenticare di far leva su un altro pilastro culturale che potrebbe farci riallacciare i contatti col mondo: Mascagni, appunto. Appena la questione Modigliani sarà conclusa ci metteremo al lavoro per organizzare un festival che omaggi questo importante personaggio livornese”. “Il festival Mascagnano è un sogno nel cassetto – prosegue Alberto Paloscia, direttore artistico della stagione lirica del Goldoni – Andranno in scena due opere significative e amatissime a Livorno e simboliche del profondo legame tra Puccini e Mascagni. Sono felice che sul palco ci siano talenti scovati nel Mascagni Opera Studio”.
La lettura data alle due opere non mira a stravolgerne trama e composizione musicale, ma cerca di suscitare domande ed interrogativi negli spettatori per far loro provare il contrasto tra fede e oppressione della Chiesa anche tramite le scenografie di Francesco Bondì. Lo spettacolo comincerà con Suor Angelica per poi proseguire con la trama della Cavalleria Rusticana. “E’ bello essere nuovamente a Livorno – conclude il direttore d’orchestraAgiman – La maggiore vitalità del teatro la possiamo trovare nei teatri di tradizione come il Goldoni. E’ importante rimettere al centro con convinzione il verismo come momento fondante della modernità italiana”.

Info biglietteria: dal 17 settembre al 30 novembre sarà aperta dal martedì al sabato in orario 16.30-19.30. Dal 3 dicembre a fine stagione sarà aperta il martedì e giovedì in orario 10-13 e il mercoledì, venerdì e sabato in orario 16.30-19.30. Nei giorni di rappresentazione sarà aperta a partire da due ore prima dell’orario di spettacolo. I biglietti sono acquistabili anche online e per consultare le varie fasce di prezzo è possibile visitare il sito del teatro Goldoni. Tel: 0586.204290.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.