Cerca nel quotidiano:


Cinema in Goldonetta con “Amabili resti”

Il libro, crudo ed appassionante, si è imposto al mondo intero nel 2002 senza alcuna pubblicità, pago di un successo dato solo dalla sua capacità di raccontare, prima che una storia, delle forti emozioni

Lunedì 12 Marzo 2018 — 00:12

Mediagallery

Lunedì 12 marzo, alle  21 alla Goldonetta la rassegna “Cinema è… racconti in prestito” propone alla visione il film “Amabili resti” di Peter Jackson, il regista contemporaneo che forse più, dopo Spielberg e Lucas, è riuscito a rivoluzionare l’intera industria cinematografica americana negli ultimi 20 anni. Si tratta della trasposizione cinematografica dell’omonimo bestseller di Alice Sebold: una decisione impegnativa che, però, in mano a Jackson, diventa, più che una sfida, una promessa. Il libro, crudo ed appassionante, si è imposto al mondo intero nel 2002 senza alcuna pubblicità, pago di un successo dato solo dalla sua capacità di raccontare, prima che una storia, delle forti emozioni. Formula che il regista neozelandese ha tentato di replicare in modo molto rigido, senza stravolgere né rivoluzionare il romanzo originale, mettendo in scena l’universo sospeso e poetico di una quattordicenne rimasta imprigionata nel suo limbo personale dopo essere stata brutalmente assassinata e raccontando dettagliatamente un’insolita storia d’amore, quella tra Susie e suo padre, legati da un vincolo indissolubile che abbatte le barriere imposte da vita e morte. Nel cast Mark Wahlberg, Rachel Weisz e Susan Sarandon.

Il film sarà preceduto da una presentazione di Carlo Da Prato della Fondazione Goldoni.

 

Riproduzione riservata ©