Cerca nel quotidiano:


DecaMETROn, ecco il gioco per gli allievi della Bottega d’Arte del Goldoni

Il gioco è ispirato al famoso Decameron di Giovanni Boccaccio e fa anche riferimento al metro, la distanza che oggi ci separa gli uni dagli altri. Il gioco è visibile sul sito del Teatro e per il momento è dedicato solo agli allievi della Bottega

Giovedì 2 Aprile 2020 — 15:01

Mediagallery

In un periodo duro come questo il Teatro Goldoni crede che l'immaginazione, il saper creare, possano essere una buona medicina se ben utilizzata

Dopo pochi giorni dalla chiusura imposta dal Ministero per la pandemia del Corona Virus, il Teatro Goldoni o meglio la sua Bottega d’arte ha subito pensato ad un’iniziativa che potesse coinvolgere tutti i suoi allievi, organizzando un gioco ispirato al famoso Decameron di Giovanni Boccaccio ma che facesse anche riferimento al metro, la distanza che oggi ci separa gli uni dagli altri: è nato cosi il DecaMETROn, un modo per mantenere aperti i canali della formazione del teatro attraverso un progetto comune per tutti i corsi di teatro e musica. Passare il tempo, trasformare la noia in avventura attraverso formule, ricette e invenzioni, rimanere vicini anche se virtualmente, per alzare il sistema immunitario con il buon umore. Questo è un periodo intenso e duro, siamo costretti a stare in casa per il bene nostro e delle persone a cui teniamo. E mentre tutti combattono questo virus restando a casa, altri continuano ad uscire prodigandosi per garantire i servizi essenziali e e soprattutto per curare. E proprio in un periodo duro come questo, il Teatro Goldoni crede che l’immaginazione, il saper creare, possano essere una buona medicina se ben utilizzata. Per questo, attraverso questo gioco “il DecaMETROn – cosa ci sta dentro a un metro” si è pensato di aprire uno spazio di creazione comune. Per curare noi e le persone intorno a noi con l’immaginazione.

Ma come funziona questo gioco? Prima di tutto è visibile da tutti sul sito del Teatro Goldoni ma, per il momento è dedicato solo agli allievi della Bottega. Ogni tre giorni viene proclamato dai docenti della Bottega d’Arte un Regno, ad ogni Regno corrisponde un tema, tutti coloro che vorranno partecipare dovranno inviare entro i tre giorni della della durata del regno un elaborato, potranno essere video, testi, disegni, ciò che ognuno preferisce senza porre limite alla propria fantasia. Tanti i temi sui quali gli allievi hanno lavorato: il tempo, l’amore, le metropoli, musica, musicisti e poeti. Il fine di questo gioco? Creare evasione, rendere questo periodo un po più felice, far sognare, alimentare la fantasia, cercare di far uscire tutti da questo isolamento arricchiti, cercando di portare avanti le relazioni, fondamento del fare teatro, ma, essendo un gioco verrà anche proclamato un Vincitore per ogni Regno. I Re e le Regine del DecaMETROn: Re Claudio, Principessa Deborah, Imperatrice Laura, Regina Niki, Duchessa Rita, Granduchessa Sara, Arciduchessa Silvia, Imperatrice Paola, Duchessa Annalisa, Duca Mauro, Regina Alessandra e Re Paolo. Ringraziamo per la loro creatività la squadra talentuosa dei “DisegnAttori” che hanno realizzato tutta la parte grafica del gioco: Leonardo Corti, Francesco Poggiali, Matteo Morsellino, Samuele Bartolini.

Per saperne di più vai sulla home page del sito del Teatro Goldoni e clicca sul link DecaMETROn

oppure visita le pagine Facebook e Instgram dedicate: Bottega d’Arte _ Formazione Teatro Goldoni

www.goldoniteatro.it

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.