Cerca nel quotidiano:


Goldoni, al via Quartieri distanti ma uniti

Dopo l'esperienza molto partecipata del DecaMETROn, il Teatro ha pensato di estendere il gioco a tutta la città con un viaggio da casa nel proprio quartiere. Per partecipare [email protected]

Venerdì 24 Aprile 2020 — 11:48

Mediagallery

#iorestoacasa ma il Teatro Goldoni e la sua Bottega d'Arte restano con te. Da oggi online sul sito del Goldoni

In questi giorni di tempo sospeso il Teatro Goldoni di Livorno propone ai suoi cittadini un nuovo esercizio di creazione collettiva che sarà on line dal 24 aprile sul sito del Teatro. Dopo l’esperienza molto partecipata del DecaMETROn, attività pensata solo per i propri allievi, il Teatro Goldoni e la sua Bottega d’Arte in collaborazione con I Quartieri Uniti Eco Solidali, hanno pensato di estendere ed ampliare il gioco a tutta la città, una sorta di fase due che possa coinvolgere più persone possibile. Tutto il Teatro Goldoni crede che l’immaginazione, il saper creare, siano una buona medicina, se ben utilizzata. Per questo abbiamo pensato di aprire uno spazio di creazione comune per la nostra città: per curare noi e le persone intorno a noi con l’immaginazione.
Quartieri distanti ma uniti è un modo per rimanere insieme anche adesso, anche a distanza. Per raccontarci e raccontare la città da casa nostra; per riportare, da casa nostra, nei quartieri, nelle periferie e nella città, quelle voci che adesso mancano per le strade. Se in questi anni ci siamo impegnati a portare il Teatro nella città, a rendere ogni singolo quartiere un palcoscenico, in questo momento chiediamo a voi di aiutarci a farlo: raccontateci delle scoperte fatte, dei desideri per il futuro, delle vostre opere artigiane e d’ingegno nate dall’insolito tempo a disposizione, del vostro lavoro stando a casa, di come è cambiata la vostra vita o il vostro modo di lavorare. Raccontateci delle speranze, delle nuove conoscenze, delle cose che non volete dimenticare, dei nuovi desideri che sono maturati e di come immaginate il lento riprendere la vita fuori casa. Raccontateci ciò che volete, storie e creazioni. Raccontate, mandate video, audio, disegni o quello che vi va. L’unica cosa che viene richiesta è che siano contributi fatti con cura. Creazioni confezionate con attenzione. Regali fatti dai cittadini ai cittadini per coltivare insieme la speranza. Aiutateci a far sì che Quartieri distanti ma uniti sia un luogo virtuale dove partecipare ad una ricostruzione culturale della città. Un luogo dove la città di Livorno possa collezionare storie della Livorno di oggi. Storie che potranno avere la forma di cartoline, lettere, racconti scritti o filmati, video, interviste impossibili, scatti insoliti, liste di buoni propositi, di scoperte fatte, di promemoria utili per il domani di tutta la città.
Come funziona? Inviate i vostri contribuiti all’indirizzo: [email protected], in ogni mail dovrà essere specificato in oggetto, il nome, il cognome e il quartiere del partecipante. I contributi saranno pubblicati sul sito del Teatro Goldoni alla pagina dedicata. Dopotutto Livorno resta la città che fin da subito ha reagito alla quarantena giocando una tombola collettiva tra le finestre e i balconi. E quando i giornalisti hanno chiesto al conduttore del gioco cosa ci fosse in palio, lui ha risposto: “Nulla, solo il tempo da trascorrere insieme”.
Si ringraziano i docenti della Bottega d’Arte Annalisa Cima, Mauro Pasqualini, Paola Martelli, Niki Mazziotta, Claudio Monteleone, Deborah Di Girolamo, Laura Brioli, Alessandra Donati e la squadra talentuosa dei “DisegnAttori” che hanno realizzato tutta la parte grafica del gioco: Leonardo Corti, Francesco Poggiali ,Matteo Morsellino, Samuele Bartolini.

Per tutte le informazioni tecniche sui formati e approfondimenti visita il sito: www.goldoniteatro.

 

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.