Cerca nel quotidiano:


Goldoni, Federico Maria Sardelli apre la stagione sinfonica con L’Affare Vivaldi

Fine settimana (sabato 13 alle 21) con la grande musica al Goldoni e il ritorno del direttore livornese sul podio di Modo Antiquo

Mercoledì 10 Novembre 2021 — 12:24

Mediagallery

Uno spettacolo piacevolissimo nella forma di concerto-reading interamente dedicato all’opera di Antonio Vivaldi: l’autore delle celeberrime “Quattro stagioni”, si svelerà sabato 13 novembre, alle 21 al Teatro Goldoni di Livorno, in un affascinante percorso musicale affidato alla narrazione di uno dei più grandi conoscitori e studiosi della sua opera come Federico Maria Sardelli. La serata, che inaugura la stagione sinfonica della Fondazione Goldoni, prende il titolo “L’Affare Vivaldi”, ispirandosi all’omonimo romanzo storico edito da Sellerio, con cui Sardelli vinse il premio Comisso 2015 per la narrativa: un’appassionante ricostruzione di un grande enigma culturale. La storia della discesa nell’oblio della musica del “Prete Rosso”, passato di moda dopo una vita di successi e che lo vide morire in miseria e indebitato fino al collo. I suoi manoscritti con la sua musica inedita, raccolta in centinaia di partiture autografe, passarono di mano in mano fra bibliofili e lasciti ereditari, scomparendo per quasi due secoli, per riemergere, seguendo vie accidentate e occulte. Lo spettatore avrà così l’opportunità di seguire, sia sul piano musicale che storico, l’affascinante percorso di un enorme patrimonio che ha rischiato di andare perduto: “La storia della riscoperta dei manoscritti di Vivaldi è davvero andata così – ha affermato Sardelli – Diversamente dalla frase che i romanzieri pongono di solito alla fine del loro lavoro, io devo invece assicurare che i fatti narrati sono realmente accaduti, e solo in pochi casi ho dovuto inventare. La concatenazione degli eventi, per quanto bizzarra possa sembrare, è dovuta alla storia. Se conosciamo Vivaldi quanto lo conosciamo oggi, oltre le Quattro stagioni, ciò è dovuto alle peripezie dimenticate, assurde, incredibili, comiche, cariche a volte di suspense, intricate come uno spettacolo drammatico e farsesco, che questo romanzo storico rivela”. Con la drammaturgia dello spettacolo curata dal suo stesso autore, “L’Affare Vivaldi” vedrà protagonista l’affermato direttore livornese alla guida di Modo Antiquo, l’orchestra barocca da lui fondata nel 1984 con cui svolge attività concertistica in tutta Europa, ospite delle maggiori sale come il Concertgebouw di Amsterdam o il Théâtre des Champs-Elysées di Parigi oltre ad essere presente nei maggiori festivals di musica antica.
In programma l’esecuzione del Concerto in Re min. RV 813, della Sonata in Sol magg. RV 820, Concerto in Sol magg. RV 438, Sonata in Re min. Op. I, n. 12, RV 63 La Follia e del Concerto in Mi min. La Stravaganza op. IV, n. 2, RV 279. Modo Antiquo è formato da Federico Maria Sardelli, direzione, flauto, narrazione – Federico Guglielmo, violino solista – Raffaele Tiseo, Paolo Cantamessa, violini – Pasquale Lepore, viola – Bettina Hoffmann, violoncello – Nicola Domeniconi, contrabbasso e Gianluca Geremia, tiorba. In conclusione, uno spettacolo che chiunque abbia ascoltato con piacere la musica di Vivaldi dovrebbe vedere – e che rimane piacevolissimo anche per chi si approccia per le prime volte al barocco!

Biglietti disponibili (Platea  € 15,00 – Giovani under 25 € 10) presso il botteghino del Teatro Goldoni, aperto il martedì e giovedì ore 10/13 e il mercoledì, venerdì e sabato ore 16.30/19.30. La vendita dei biglietti è anche On line su www.goldoniteatro.it – www.ticketone.it e nei punti vendita Ticketone.  E’ ancora possibile abbonarsi a tutta la Stagione sinfonica al prezzo promozionale di € 69 (8 concerti + in omaggio il Concerto dell’Epifania). Tutte le informazioni su www.goldoniteatro.it.

Riproduzione riservata ©