Cerca nel quotidiano:


“Il grande sonno” con Humprey Bogart stasera in Goldonetta

Una delle migliori creazioni della letteratura poliziesca, il cui titolo, riferito alla morte, rappresenta la frase finale dell'omonimo romanzo di Raymond Chandler

lunedì 26 Febbraio 2018 08:10

Mediagallery

Lunedì 26 febbraio, alle ore 21 alla Goldonetta la rassegna “Cinema è… racconti in prestito” fa un salto nel tempo proponendo alla visione un’imperdibile  pellicola del 1946 considerata tra i capolavori in bianco e nero: “Il grande sonno” di Edward Hawks. 

Memorabile la figura del detective Philip Marlowe interpretata da un Humprey Bogart ironico e romantico, solitario e cinico quanto basta, che trovò in una stupenda Lauren Bacall un’antagonista perfetta dal primo fotogramma, con le ombre dei titoli di testa che si accendono una sigaretta, fino all’ultima ripresa, con le due battute folgoranti: “Cos’hai che non va?” “Nulla che tu non possa sistemare”.

Una delle migliori creazioni della letteratura poliziesca, il cui titolo, riferito alla morte, rappresenta la frase finale dell’omonimo romanzo di Raymond Chandler (1939) da cui è stata tratta la pellicola: ne parlerà Carlo Da Prato della Fondazione Goldoni nella sua presentazione prima della proiezione.

La rassegna è organizzata dall’Associazione Amici del Cinema “La Goldonetta” e Amici Teatro Goldoni. L’ingresso è libero riservato ai Soci le cui iscrizioni si ricevono direttamente in Goldonetta la sera della proiezione. Tutta la programmazione sulla rassegna su www.goldoniteatro.it

 

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.