Cerca nel quotidiano:


Il Mascagni Festival sbarca… alla Meloria con Michele Placido e alla Terrazza con Danilo Rea

Evento clou di questa seconda edizione il monologo concertato (evento gratuito) alle Secche della Meloria in programma il 25 luglio con Michele Placido (voce narrante) e Gabriele Baldocci (pianoforte)

Martedì 11 Maggio 2021 — 13:13

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Tra i tanti protagonisti il ritorno del direttore d'orchestra Beatrice Venezi e quello di Danilo Rea, acclamato pianista jazz, chiamato a deliziarci con qualche frammento mascagnano visto e rivisitato da lui in uno spettacolo in programma sabato 4 settembre sempre alla Terrazza Mascagni

Nomi di primo piano come Michele Placido, Danilo Rea, Beatrice Venezi, Gianna Fratta, Gabriele Baldocci e La Rappresentante di Lista, ma anche luoghi di spettacolazione imprevisti e incredibili come le Secche della Meloria, Castel Sonnino e il Lago Alberto di Guasticce, ma anche collaborazioni oltre confine come quella israeliana del Jerusalem Opera Studio (clicca sul link al pdf in fondo all’articolo per consultare IL PROGRAMMA completo della manifestazione).
Un’edizione, quella del 2021 del Mascagni Festival, il cui conduttore è “#Musicasalmastra” che si preannuncia davvero irripetibile e imperdibile con ben 18 eventi totali (alcuni gratuiti ed altri a pagamento) e che terrà compagnia a Livorno e a tutti coloro i quali verranno in città per goderne, per quasi tre mesi: in pratica per un’estate intera.
Tra gli eventi clou infatti da annoverare, domenica 25 luglio, il monologo concertato alle Secche della Meloria con voce narrante di Michele Placido e le note scandite al pianoforte da uno dei numeri uno in assoluto e tutto di casa nostra, Gabriele Baldocci. L’evento sarà gratuito e sarà necessaria però la prenotazione (modalità che verrà resa nota nelle prossime settimane).

L’organizzazione, come specificato in conferenza stampa dal sindaco Salvetti, avrà modo, con modalità che verranno spiegate in maniera dettagliata soltanto in seguito, di poter fornire un determinato numero di “posti a sedere galleggianti” a chi sarà sprovvisto di una barca o un mezzo natante.
Tra le cose belle di questa seconda edizione anche L’Amico Fritz che verrà eseguito al Lago Alberto dove si svolgerà anche uno show nello show grazie al video-mapping di Immersiva (lo scorso anno assoluta protagonisti con le proiezioni sulla facciata dell’Hotel Palazzo) che si mischierà alle note mascagnane e all’atmosfera unica della serata.
Ma anche la Mascagni Night del 13 agosto con una passeggiata musicale da Ardenza ad Antignano con delle “stazioni” musicali tra i quartieri sud di Livorno in collaborazione con l’Istituto Musicale Pietro Mascagni di Livorno.
Il 2 settembre il The Cage di Toto Barbato porterà alla Terrazza Mascagni il tandem che a Sanremo ha fatto ballare e cantare molti: La Rappresentante di Lista.
Il giorno dopo, venerdì 3 settembre, torna il direttore d’orchestra Beatrice Venezi con uno spettacolo intitolato “Da Mascagni a Morricone”.
Toccherà poi a Danilo Rea, acclamato pianista jazz, a deliziarci con qualche frammento mascagnano visto e rivisitato da lui in uno spettacolo in programma sabato 4 settembre sempre alla Terrazza Mascagni.
Si chiude il tutto il 16 settembre con il concerto della Fanfara della Polizia di Stato.
Ma il Festival Mascagni andrà anche in “trasferta” con Terre Mascagnane con tre appuntamenti “fuori porta” in programma a Campiglia Marittima, Bolgheri e Bibbona.

Ad illustrare le finalità e gli appuntamenti, durante la conferenza di presentazione, il sindaco di Livorno e presidente della Fondazione Goldoni, Luca Salvetti, l’assessore alla Cultura del Comune di Livorno Simone Lenzi, il direttore della Fondazione Goldoni Mario Menicagli e il direttore artistico del Mascagni Festival Marco Voleri.

La musica colora gli occhi di chi la guarda e rimane, inconfondibile, in qualche angolo della mente. Un po’ come quando si fa il bagno in mare d’estate. Si esce, ci si asciuga ed il salmastro rimane sulla pelle, a ricordarci il mare che ci ha ospitato per qualche momento. Lo stesso accade con la musica: ospita, ricorda, protegge. Ora esalta, ora rattrista”.
Con queste parole parte l’intervento alla presentazione per la stampa del direttore artistico del Festival, maestro Marco Voleri, che prosegue: “#Musicasalmastra è il titolo dell’edizione del Mascagni Festival 2021. Una manifestazione che farà di tutto per rimanere sulla pelle e negli occhi di chi ascolta. Sarà un viaggio nella musica mascagnana, con contaminazioni ora moderne, ora sullo stile Listziano. Un viaggio nelle composizioni di Mascagni e nei luoghi che ha vissuto: da piazza delle Erbe a Castel Sidney Sonnino, da Lago Alberto alla terrazza Mascagni, fino alle secche della Meloria. Un viaggio nella musica pieno di debutti e prime assolute. Oltre ad una serie di concerti del Mascagni Festival in Italia e all’ estero parte il progetto #terremascagnane, che avrà negli anni la finalità di creare un fil rouge tra il Mascagni Festival ed i luoghi mozzafiato della provincia livornese. Grazie alla musica l’uomo ritrova in sé l’armonia con il mondo, in un viaggio che percorre le stagioni della vita. Questa edizione del Mascagni Festival nasce con la volontà di rimanere sulla pelle a lungo”.

Il Festival è promosso dall’Amministrazione Comunale insieme con la Fondazione Teatro Città di Livorno “Carlo Goldoni”. Per la città, come ha spiegato il sindaco Luca Salvetti, è un’importante ripartenza economica e sociale che vuole puntare proprio sulla cultura. “La scorsa estate – ha sottolineato il sindaco nel suo intervento alla conferenza stampa – il Festival ha avuto un enorme successo. Per questa edizione abbiamo deciso di coinvolgere l’intera Provincia attraverso l’iniziativa #terremascagnane. D’altra parte abbiamo voluto approfondire anche lo stretto rapporto che noi Livornesi abbiamo con il mare, che lo stesso Mascagni sentiva dentro di sé. Infatti l’evento di apertura si svolgerà addirittura in mezzo al mare, alle Secche della Meloria, un luogo di rara bellezza e fascino.  Dopo tanti mesi così difficili, vogliamo tutti tornare a vivere iniziando da un sorriso, e questa è un’iniziativa che fa bene all’anima”.

Tra i protagonisti di questa edizione anche la “Mascagni Academy” è un’accademia di alto perfezionamento per cantanti lirici che si propone fin dalla sua prima edizione di scoprire e valorizzare nuovi interpreti. Partita lo scorso 6 maggio, fino al 27 giugno riunirà una rosa di questi giovani talenti nella tenuta Bellavista Insuese sull’Oasi Spondone (Guasticce), per un percorso musicale che trova il suo naturale sbocco proprio nel Festival.

Ecco il video-spot della manifestazione:

Riproduzione riservata ©