Cerca nel quotidiano:


Il pianista giapponese Kenichiro Kojima in Goldonetta

Appuntamento in programma venerdì 17 gennaio alle 21 per "Classica con Gusto". L'artista asiatico eseguirà Schumann, Brahms ed una suite di Yoshimatsu

Mercoledì 15 Gennaio 2020 — 18:04

Mediagallery

Si era aggiudicato il primo premio assoluto e due premi speciali lo scorso anno al Livorno Piano Competition, il concorso internazionale che la prossima settimana richiamerà nella nostra città per la sua quarta edizione centinaia di pianisti provenienti da tutto il mondo, ed aveva bissato il successo affermandosi tra l’altro al prestigioso Manhattan Concert Artists Award, con il conseguente debutto nella Carnegie Hall di New York: è il pianista giapponese Kenichiro Kojima, artista di spiccate qualità dotato di grande personalità e comunicativa, che venerdì 17 gennaio, alle 21 sarà protagonista in Goldonetta di un nuovo appuntamento della stagione di “Classica con gusto”, la rassegna di musica da camera con il progetto artistico di Carlo Palese in collaborazione con Menicagli pianoforti.

Da anni Kojima vive tra  Germania ed Austria ed ha scelto per l’occasione un programma che accosta la grande storia musicale europea alla tradizione, altrettanto antica, del Giappone. La serata sarà così aperta dalle “Scene infantili op.15” di Robert Schumann, un’opera romantica altamente melodica e poetica, che comprende tredici brani dai temi dolcissimi (tra cui il celeberrimo “Träumerei” – Sogno) capaci di restituire all’ascoltatore aspetti quotidiani del mondo dei bambini, dei loro sentimenti, giochi ed affetti. Seguirà lo straordinario ciclo delle “Fantasie” opera 116 di Johannes Brahms, sette pezzi meravigliosi, di atmosfera intensamente poetica in cui non mancano pagine ora focose e brillanti. Sarà quindi la volta della Suite “Tapiola Visions” di Takashi Yoshimatsu, uno dei massimi compositori giapponesi viventi. Il brano è tanto fascinoso e ipnotico quanto spettacolare nella sua difficoltà; l’esecuzione è infatti affidata alla sola mano sinistra.

Kenichiro Kojima è nato a Tokyo nel 1991 e si è presto affermato in molti concorsi nazionali e internazionali. Si è esibito in importanti festival e sale da concerto in tutta Europa e Giappone; la Hamburger Klang Werk, il Festival Internazionale Puplinge Classique e Les Renconters Musicales de Champery in Svizzera, Musikhalle e Kampnagel di Amburgo, la Gasteig a Monaco, laDuke’s Hall presso la Royal Academy of Music London, il Palau de la Musica a Barcellona, la Suntory Hall di Tokyo e lo Spring Green Music Festival 2019 a Kanazawa.

Biglietti ancora disponibili al botteghino del Goldoni, aperto il martedì e giovedì dalle 10 alle 13 ed il mercoledì, venerdì e sabato dalle 16.30 alle 19.30.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.