Cerca nel quotidiano:


Il Teatro va a scuola con il Progetto Accoglienza

Organizzato dal Teatro Goldoni con il sostegno del CRED viene proposto da anni all’interno delle scuole ed è dedicato alle classi prime delle scuole medie inferiori e superiori

Giovedì 16 Settembre 2021 — 16:22

Mediagallery

Mercoledì è suonata la prima campanella per gli studenti livornesi e, alcuni di loro, troveranno in classe degli insegnanti speciali, i docenti dei laboratori teatrali della Bottega d’Arte del Teatro Goldoni, del Centro Artistico Il Grattacielo, del Nuovo Teatro delle Commedie.
Il Progetto Accoglienza organizzato dal Teatro Goldoni con il sostegno del CRED viene proposto da anni all’interno delle scuole, dedicato alle classi prime delle scuole medie inferiori e superiori di Livorno, quest’anno sono 60, comprende micro-percorsi della durata di 2 ore che hanno come obiettivo quello di facilitare la conoscenza tra gli studenti e di renderli consapevoli dell’importanza del contributo individuale nella costruzione del gruppo-classe e di un ambiente di apprendimento costruttivo e sereno. Le due ore del Progetto Accoglienza saranno divise in due momenti: il primo sarà un incontro di presentazione, sviluppato attraverso il gioco ed il racconto di sé, che prevede prima un lavoro in coppia e successivamente uno di relazione del singolo con l’intero gruppo-classe; nel secondo momento il gruppo sarà incoraggiato a raggiungere un obiettivo insieme, sempre attraverso un gioco collaborativo. L’operatore, dopo aver facilitato l’incontro iniziale e incoraggiato la presa di parola di ogni studente di fronte ai coetanei, sfiderà il gruppo con un gioco-attività che consisterà nel raccontare una storia insieme seguendo alcune regole molto specifiche e restrittive che l’operatore comunicherà ad inizio attività. Il gioco diventerà il pretesto per la messa in campo di strategie di squadra, per la riflessione collettiva su quali comportamenti sono efficaci e quali invece non facilitano la collaborazione, su quali sono le cose che sappiamo fare insieme e quali invece quelle su cui dovremo allenarci per affrontare con maggiore serenità la convivenza nei cinque anni di scuola che abbiamo di fronte. L’obiettivo dell’operatore teatrale è che siano i ragazzi stessi a prendere la parola, a raccontare le scoperte fatte, i dubbi e gli stupori. Incoraggiare a fare domande e a dire la propria opinione permette ai ragazzi di trovare la propria voce nel gruppo.

Queste le scuole coinvolte: IIS Vespucci Colombo, Liceo Enriques, ITIS Galilei, ISIS Niccolini Palli per le secondarie di secondo grado (43 classi); Michelangelo, Pistelli, Borsi, Pazzini, Mazzini, Bolognesi per le secondarie di primo grado (17 classi).

Per ulteriori informazioni e richieste riguardo a questo o ad altri percorsi ed interventi progettati per il mondo della Scuola (destinati agli studenti o al corpo docenti) potete contattare l’Ufficio Formazione del Teatro Goldoni a partire dal 4 ottobre, al numero 0586 204206 o per mail all’indirizzo [email protected]

Riproduzione riservata ©