Cerca nel quotidiano:


Michele Placido, successo per il monologo su Pietro Mascagni in Fortezza Vecchia

Intervallati dai movimenti di Daniela Maccari, come omaggio a Lindsay Kemp, i tre atti hanno ripercorso la vita del compositore livornese più famoso

Martedì 27 Luglio 2021 — 18:00

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Pietro Mascagni aveva un rapporto molto stretto con il mare della sua Livorno e questa relazione così intima è stata il fulcro del monologo di Chiara Atalanta Ridolfi portato sul palco della Fortezza Vecchia da Michele Placido la sera del 25 luglio (foto tratta dalla pagina Fb Mascagni Festival). Intervallati dai movimenti di Daniela Maccari, come omaggio a Lindsay Kemp, i tre atti hanno ripercorso la vita del compositore livornese più famoso. A partire dalla sua nascita in piazza delle Erbe da una famiglia di umilissime origini, alla sua volontà di studiare musica e non di diventare avvocato come invece avrebbe voluto il padre. I suoi viaggi a Milano con Giacomo Puccini e a Napoli dove conobbe la disfatta e si ritrovò solo. Da qui l’unione a una compagnia teatrale e alla donna che gli darà un figlio, il quale però non riuscirà a sopravvivere. È da questa sofferenza che nasce la sua opera più conosciuta, Cavalleria Rusticana. Prima di avviarsi alla conclusione e agli ultimi anni di vita di Mascagni lo spettacolo si è fermato e ha atteso che scendessero dalle navi i passeggeri in arrivo: i rumori di sottofondo avrebbero potuto disturbare la conclusione di un monologo così intimo. Le battute finali erano infatti dedicate al ritorno al Livorno del nostro musicista, il primo a scrivere per il cinema muto, per ricordare ciò che è stata la sua vita, intrisa di fama ma anche di lutti, con un figlio morto in fasce e l’altro in guerra. Il ricordo vano di ciò che è stato chiude la rappresentazione e riporta Placido alla contemporaneità, al saluto a Paolo Virzì e alla moglie Micaela Ramazzotti, con i quali ha cenato prima di arrivare in Fortezza e alla giovane attrice ventiduenne Rachele Luschi, che ha lavorato proprio con il grande attore e regista pugliese nel film “L’ombra di Caravaggio” che presto uscirà nelle sale.

Riproduzione riservata ©