Cerca nel quotidiano:


Scenari di Quartiere, il 18 giugno Arianna Scommegna a San Marco

Appuntamento venerdì 18 giugno alle 19.30 al Parco delle Mura Lorenesi con La Molli - Divertimento alle spalle di Joyce. Prenotazione obbligatoria

Giovedì 17 Giugno 2021 — 12:48

Mediagallery

Penultimo appuntamento con “Scenari di quartiere”, il Festival di Teatro di narrazione arrivato felicemente alla sua sesta edizione e sempre organizzato dalla Fondazione Teatro Goldoni e dal Comune di Livorno con la direzione artistica di Marco Leone e Fabrizio Brandi ed il contributo dell’Associazione Quartieri Uniti. Protagonista della serata, venerdì 18 giugno ore 19.30, al Parco delle Mura Lorenesi nel quartiere San Marco con La Molli – Divertimento alle spalle di Joyce, Arianna Scommegna attrice lombarda che da un quindicennio – cioè da quando comparve sulla scena e fu tra le fondatrici della compagnia ATIR – ha saputo imporsi non solo grazie al suo forte temperamento, ma anche e soprattutto perché capace, grazie a un impressionante ventaglio di registri espressivi, di recare a ogni suo personaggio qualcosa di struggentemente personale. Ma Arianna ha saputo imporre il suo talento anche nel monologo e ne sarà prova questo spettacolo di confidenze sussurrate, confessioni bisbigliate; proprio quelle della Molli.
Punto di partenza dal quale Gabriele Vacis, regista, e Arianna Scommegna, attrice, prendono le mosse è il monologo di Molly Bloom che conclude l’Ulisse di Joyce. Il personaggio di Molli viene calato in una quotidianità dalle sonorità milanesi, traslando il testo in una trama di riferimenti culturali, storie e canzoni che hanno il sapore del nostro tempo. Arianna Scommegna è sola sul palcoscenico, seduta al centro della scena; il suo monologo intenso, irrefrenabile, senza punteggiatura, senza fiato, è stretto tra una sedia, un bicchiere poggiato a terra e una manciata di fazzoletti ad assorbire i liquidi tutti, sacri e profani, di una vita di solitudine e insoddisfazione, come una partitura incompiuta. Il fiume di parole è lo stesso flusso di coscienza del personaggio di Joyce che riempie una notte insonne di pensieri e bugie, mentre aspetta il ritorno a casa del marito, Leopold, come la Molli aspetta Poldi.
L’attrice, in bilico tra il romanzo e la vita, ripercorre la propria esistenza di poco amore, infinite attese, occasioni mancate, dal primo bacio a un rosario di amanti da sgranare per mettere a tacere il vuoto, dal dolore di un figlio perduto fino a un finale ‘sì’ pronunciato comunque in favore della vita, dell’amore da una donna mai piegata alla rassegnazione. Le note dolenti si stemperano sempre nell’ironia e in una levità che tutto salva; il testo gioca sempre, costantemente, con il doppio registro denunciato fin dal sottotitolo, Divertimento alle spalle di Joyce. Frammenti di vita raccontati in modo ora scanzonato ora disperato, storie di carne e sangue, vita che scorre come lacrime, che si strozza in un grido o si scioglie in una risata.

Inizio spettacoli ore 19.30. Prenotazione obbligatoria, costo 3€, acquistabile alla biglietteria del Teatro Goldoni o su scenaridiquartiere.it La biglietteria Teatro Goldoni (tel.0586 204290) sarà aperta dal 5 giugno da martedì a sabato ore 10/13 – Informazioni 0586 204237. Come ogni anno gli spettacoli saranno accompagnati dai tour gratuiti sulla storia dei quartieri curati da Fabrizio Ottone Inizio ore 18.30 – Prenotazione obbligatoria tramite messaggio whatsapp al 347.4814455.

Riproduzione riservata ©