Cerca nel quotidiano:


Al Goldoni “La Scuola” con Silvio Orlando

La storia ci porterà ancora una volta nel tempo di scrutini in una qualsiasi IV D. Un gruppo di insegnanti deve decidere il futuro dei loro studenti

Mercoledì 4 Aprile 2018 — 08:30

Mediagallery

Una commedia che ha fatto epoca, irresistibile, comica e senza tempo: è “La Scuola” di Domenico Starnone attesa mercoledì 4 e giovedì 5 aprile, alle 21 al Teatro Goldoni di Livorno per la stagione di prosa (sezione “Classica”) nell’interpretazione del bravissimo Silvio Orlando. Insieme a lui, per la regia di Daniele Luchetti, un gruppo affiatato di attori famosi: Vittoria Belvedere, Vittorio Ciocarlo, Roberto Citran, Roberto Nobile, Antonio Petrocelli, Maria Laura Rondanini.

La storia ci porterà così ancora una volta nel tempo di scrutini in una qualsiasi IV D. Un gruppo di insegnanti deve decidere il futuro dei loro studenti. Dal confronto tra speranze, ambizioni, conflitti sociali e personali, amori e amicizie, prenderanno vita personaggi esilaranti, giudici impassibili e compassionevoli al tempo stesso. Attraverso dialoghi brillanti e situazioni paradossali, emergerà un ritratto del mondo della scuola ancora eccezionalmente attuale, apparentemente lontano da quel 1992, anno in cui debuttò “Sottobanco”, spettacolo teatrale interpretato da un gruppo di attori eccezionali capitanati proprio da Silvio Orlando e Daniele Luchetti, divenuto presto un cult. Un successo che conobbe tre anni dopo una felice trasposizione cinematografica con il titolo attuale dello spettacolo, oggi prodotto da Cardellino srl, con le scene di Giancarlo Basili, le Luci disegnate da Pasquale Mari, i Costumi firmati da Maria Rita Barbera; Assistente alla regia Riccardo Sinibaldi. “Ho deciso di riportare in scena lo spettacolo più importante della mia carriera – dice Silvio Orlando –  fu un evento straordinario, entusiasmante, con una forte presa sul pubblico”. Ad oltre 25 anni di distanza è davvero interessante lasciarsi coinvolgere dalla sua innata simpatia e naturalezza e seguirlo nei panni del professor Cozzolino di Lettere: dal suo confronto serrato con i colleghi docenti emerge una situazione dell’istruzione e della scuola pubblica che sono le stesse di oggi. Un bilancio impietoso ma quanto mai attuale: la palestra diroccata in  cui si muovono i personaggi, puntellata da impalcature che avrebbero dovuto essere provvisorie ma sono divenute ormai perenni, è un esempio quasi profetico del travagliato cammino che stava intraprendendo il sistema scolastico.
Info: 0586-20.42.90 e online sul sito www.goldoniteatro.it 

Riproduzione riservata ©