Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Successo per il 1° Concorso Internazionale “Voci Mascagnane”. I vincitori

Lunedì 7 Febbraio 2022 — 16:00

Cinque i premi ufficiali messi a bando: ai primi tre classificati, oltre un premio in denaro, verrà offerta la possibilità di partecipare ad un evento nell’ambito della prossima edizione del “Mascagni Festival”

Tanti applausi hanno accompagnato in Goldonetta gli splendidi 11 finalisti del 1° Concorso internazionale “Voci mascagnane”: dopo due intense giornate di selezione, la giuria presieduta da un artista famoso in tutto il mondo come Roberto Scandiuzzi, ha decretato i 5 vincitori della manifestazione, organizzata dal Dipartimento Mascagni Festival della Fondazione Teatro Goldoni. Cinque i premi ufficiali messi a bando: ai primi tre classificati, oltre un premio in denaro, verrà offerta la possibilità di partecipare ad un evento nell’ambito della prossima edizione del “Mascagni Festival”; analoga partecipazione per chi si è aggiudicato il premio “Amaro Artista” questa la classifica finale:

– Primo premio al baritono Jungmin Kim

– Secondo premio al soprano Giorgia Teodoro

– Terzo premio al soprano Arianna Cimolin

– Premio speciale “Galliano Masini” offerto dall’omonimo Circolo lirico al soprano Valentina Corò

– Premio speciale “Amaro Artista”, sponsor livornese medaglia d’oro nella categoria Bitter/Amari al World Spirits Award, al soprano Noemi Umani

“Sono davvero felice per la riuscita del primo concorso “Voci Mascagnane” – ha dichiarato il direttore artistico del Mascagni Festival Marco Voleri – felice per la partecipazione, che ha visto concorrere 66 partecipanti da 15 paesi e riunito oltre 150 persone al concerto di premiazione finale in Goldonetta. Felice per la qualità artistica della finale, dove tutti avrebbero meritato un premio. Felice, infine, perché Livorno meritava una competizione vocale che abbracciasse, nello stesso momento, la figura di Mascagni, il repertorio verista e della giovane scuola italiana ed un grande cantante lirico labronico che ha fatto la storia del melodramma: Galliano Masini”.

Un ottimo risultato per la prima edizione del Concorso, che si propone di diventare nel tempo un punto di riferimento per un repertorio difficile quanto appassionante quale quello mascagnano e verista: “E’ una cosa importantissima veder nascere questo tipo di concorso, per un repertorio che è decisamente importante ma non così sfruttato nei concorsi; ed è importante dare fiato a questo filone, nutrirlo di energia e interesse – ha dichiarato il presidente di giuria Scandiuzzi – Risultati ed intenti confermati da un altro giurato d’eccezione Daniele Bordiquez responsabile del Dipartimento Musica dell’Accademia della Scala di Milano: “E’ apprezzabile questa iniziativa che ci dà spazio e spunto per approfondire la figura di Mascagni e dei compositori della giovane scuola del Novecento”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©