Cerca nel quotidiano:


Tutto esaurito per il concerto d’apertura del Mascagni Festival

L’apertura è per domenica 2 agosto, alle 21.15 nella storica Fortezza Nuova con il concerto lirico “Con occhi dove un’anima sognava”: un appuntamento salutato con un "sold out" già in prevendita

Venerdì 31 Luglio 2020 — 13:28

Mediagallery

L’intento della serata sarà quello di presentare al pubblico l’intero repertorio di Pietro Mascagni con almeno un brano tratto da ogni sua opera, in un’alternanza di arie, ariosi e duetti popolari, conosciuti ed anche rari

Il 2 agosto 1945 si spegneva a Roma, nel suo appartamento in cui viveva da due anni, Pietro Mascagni: il pubblico l’aveva applaudito nella sua ultima apparizione artistica un anno e mezzo prima al Teatro dell’Opera della capitale, ancora una volta sul podio a dirigere la sua Cavalleria rusticana, l’opera con cui aveva fondato il filone verista aprendo un capitolo nuovo nella storia di tutto il melodramma. Nel 75° anniversario della sua scomparsa, domenica 2 agosto alle ore 9.30 il Sindaco di Livorno Luca Salvetti, accompagnato dall’Assessore alla cultura Simone Lenzi e dal Direttore artistico del Mascagni Festival Marco Voleri, deporrà una corona di fiori al Mausoleo di Mascagni presso il cimitero della Misericordia. Una commemorazione che aprirà nello stesso giorno il primo Festival internazionale che l’Amministrazione comunale e la Fondazione Teatro Goldoni hanno organizzato e promosso nel nome del grande compositore livornese: “Dedicare un Festival a Mascagni, musicista eclettico e sopraffino, è una operazione culturale che si deve all’Italia e al mondo intero – ha sottolineato il M° Voleri – nella consapevolezza che la cultura deve essere al servizio della società e farsi strumento di diffusione, conoscenza e confronto. Livorno merita un Festival Mascagnano, per la sua storia e per l’appartenenza che questa città deve vantare con fierezza rispetto ai suoi figli illustri”.

L’apertura è per domenica 2 agosto, alle 21.15 nella storica Fortezza Nuova con il concerto lirico “Con occhi dove un’anima sognava”: un appuntamento salutato con un “sold out” già in prevendita e che vedrà protagonisti artisti affermati in importanti teatri e festival italiani ed internazionali come i soprani Maria Billeri e Francesca Maionchi, il mezzosoprano Rossana Rinaldi, il tenore Samuele Simoncini, il baritono Sergio Bologna; al pianoforte Laura Pasqualetti; Andrea Gambuzza e Ilaria Di Luca voce recitante; introdurrà il musicologo Fulvio Venturi.

Le biografie di tutti gli artisti sono su www.goldoniteatro.it e www.mascagnifestival.it

L’intento della serata sarà quello di presentare al pubblico l’intero repertorio di Pietro Mascagni con almeno un brano tratto da ogni sua opera, in un’alternanza di arie, ariosi e duetti popolari, conosciuti ed anche rari. Dal ricco programma sarà possibile riconoscere anche i tre grandi periodi che contrassegnano l’attività del Maestro: quello giovanile, verista, che va da Cavalleria rusticana (1890) a Guglielmo Ratcliff (1895); quello della maturità, lungo e articolato, che inizia con Zanetto (1896) e termina con Lodoletta (1917); quello finale che dal gran successo del Piccolo Marat (1921), porta a Pinotta (1932) ed alla sua ultima opera Nerone (1935). Un percorso artistico di quasi mezzo secolo, che sarà arricchito da una narrazione che toccherà alcuni momenti salienti della sua vita, dei suoi rapporti personali e con le personalità del suo tempo: “E speriamo che accada nuovamente oggi quanto raccontava il soprano Gemma Bellincioni, la prima interprete di Cavalleria – ha affermato il Sindaco Salvetti –  quando Livorno, se c’era di mezzo Mascagni, si riempiva di appassionati, con il teatro che rigurgitava di spettatori, treni espressi che venivano dalla provincia, banchetti, luminarie, feste in onore del Maestro”. Un invito a ri-scoprire Mascagni, la ricchezza del suo teatro ed anche la sua città natale: “Oggi, purtroppo – conclude Salvetti – siamo in un momento particolare,  le norme antiCovid impediscono assembramenti e concentrazione di pubblico, ma i nostri grandi spazi cittadini come appunto la Fortezza nuova ed a settembre la Terrazza Mascagni protesa sul mare garantiscono la presenza di tanti spettatori che mi auguro arrivino numerosi per farsi rapire dalle note di  questo grande livornese”.

INFO: 0586-20.42.90; www.goldoniteatro.it e www.ticketone.it.

Riproduzione riservata ©