Cerca nel quotidiano:


“Una storia di vampiri” al Goldoni

L’appuntamento si inserisce nella rassegna Open-laboratori in scena e fa parte del Progetto Peer Education, pensato per le scuole secondarie

mercoledì 08 Maggio 2019 08:10

Mediagallery

Mercoledì 8 maggio alle 10 e alle 21 e mercoledì 9 maggio alle 17 e alle 21 al Teatro Goldoni, il Laboratorio Giovani della Bottega d’Arte presentano “Una storia di vampiri” – Studio per A Vampire Story di Moira Buffini. L’appuntamento si inserisce nella rassegna Open-laboratori in scena e fa parte del Progetto Peer Education, pensato per le scuole secondarie che propone uno spettacolo realizzato sul palco del Teatro Goldoni che assume le sembianze di una piazza in cui gli adolescenti-spettatori e adolescenti-attori condividendo lo stesso spazio entrano in sintonia e attraverso il linguaggio teatrale scambiano emozioni.

Due giovani donne arrivano in una cittadina inglese senza nome. Anche i loro nomi non sono autentici. Non dichiarano la loro età. Non hanno amici né legami. Sono sorelle, come dichiarano le loro presunte identità? O sono madre e figlia?La più grande, Claire, accetta un lavoro in un pub. La più giovane, Eleanor, va a scuola. Durante un esercizio di verità nella sua classe di teatro, Eleanor confessa di essere in vita da oltre duecento anni e di essere sopravvissuta bevendo sangue umano. Tutti i suoi compagni di classe pensano che sia completamente pazza, tutti tranne Frank che pensa sinceramente che la sua psicosi sia epica e avvincente: perché mai qualcuno potrebbe desiderare di essere non morto?I genitori di Frank credono che Eleanor sia anoressica: perché non mangia mai?

Mint, l’insegnante di teatro, incoraggia Eleanor a iniziare a scrivere la storia della sua vita come una commedia teatrale. La storia che Eleanor racconta ci porta con lei nella Londra del 19° secolo e poi nel misterioso cimitero di Bisanzio alla ricerca di un indicibile segreto. Nel frattempo, le cose nella nostra cittadina inglese stanno cadendo a pezzi. Le persone stanno scomparendo misteriosamente e al sospetto si sostituisce la paura. Eleanor e Claire sono davvero vampiri? O sono soltanto due giovani donne in fuga?

Quella che Eleanor ci racconta e che prende vita sulla scena è una storia indimostrabile, incredibile, fantastica alla quale ognuno di noi desidera segretamente credere. Eleanor ci chiede di attraversare con lei l’oscurità, di andare alla ricerca della verità più profonda, col rischio di perdere tutto o di ritrovarsi, diversi, magari cresciuti: Eleanor ci chiedere di fare, con lei, questo coraggioso atto di fede, di raccontarci e di raccontare al mondo chi siamo e chi vorremmo essere.

A Vampire Story è la storia di un vampiro oppure la storia di una giovane di 16 anni che si sente un insetto che è strisciato nell’ombra. Moira Buffini costruisce un affascinante labirinto narrativo in cui perdersi, ritrovarsi, e all’uscita del quale ognuno potrà scegliere a quale verità credere: Eleanor è un vampiro che vorrebbe vivere da essere umano, che vorrebbe smettere di distruggere, di uccidere, di nascondersi e scappare? Oppure Eleanor è una giovane adolescente con un carico di dolore che non è capace di sopportare se non rifugiandosi una realtà intensa e immaginata, smettendo di mangiare, scegliendo l’anoressia, scegliendo la morte a una vita che non le piace?

Personaggi e interpreti: Alice Perilli, Eleonora Borzatti De Loewenstern, Sara Cinelli, Zoe Notartomaso, Maria Vittoria Minervini, Marta Mancini, Giulia Papa, Sveva Caschili, GosvamiCuccu, Matteo Marrucci, Francesco Frasca, Rebecca Lucchesi, Gabriele Zanfagna, Mathilda Rossi, Agnese Mini, Ambra Passetti, Chiara Gabrini, Virginia Romanelli, Gaia Cappelli, Mattia Lombardi, Eliana Guarino. Mise en espace a cura di Annalisa Cima. Traduzione dall’inglese a cura di Federico Guerri.

Info: 0586.204237 www.goldoniteatro.it.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.