Cerca nel quotidiano:


“The School of Narrative Dance” di Marinella Senatore

Mercoledì 19 Ottobre 2016 — 11:31

Mediagallery

Una giornata all’insegna dell’arte contemporanea con Carico Massimo che illustrerà sabato 22 ottobre (ore 18.30) “The School of Narrative Dance” di Marinella Senatore: il talk, con supporto di proiezione di video-documentario in cui l’artista racconterà il suo progetto, si svolgerà all’Atelier delle Arti (via Masini 3). Sarà presente l’assessore alla Cultura Francesco Belais.
Marinella Senatore sarà ospitata dall’Atelier delle Arti, centro di ricerca coreografica permanente diretto da Chelo Zoppi in collaborazione con l’Accademia sull’Arte del Gesto di Virgilio Sieni. L’artista racconterà il progetto e proietterà il video in progress che documenta il lavoro con gli studenti svolto con gli studenti.

L’incontro sarà seguito da un aperitivo ai Magazzini Generali (via della Cinta Esterna 48/50) dove si snoda “Il Nodo di Livorno” del grande Jean Luc Moulène.
L’evento è realizzato nell’ambito di “Toscanaincontemporanea2016” ed
è a cura di Carico Massimo con il supporto della Regione Toscana e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Livorno. L’appuntamento rientra in “Cantiere Toscana”, un progetto di sperimentazione per una rete per l’arte contemporanea in Toscana e l’individuazione di nuovi modelli formativi e produttivi.
“The School of Narrative Dance” è stata fondata dall’artista Marinella Senatore nel 2013 come una scuola nomade, gratuita e itinerante che propone un sistema didattico alternativo di educazione, basato sull’emancipazione dello studente, l’inclusione e l’autoformazione. La scuola si concentra sul concetto di narrazione che viene esplorato coreograficamente e come esperienza comune alle diverse discipline. Sono previste lezioni di letteratura, storia orale, carpenteria, storia dell’arte, artigianato, aritmetica, teatro, danza etc. Grazie a questa multidisciplinarietà riesce a unire molti gruppi e comunità, celebrando la varietà di talenti e competenze che ogni singolo membro può offrire o sviluppare. La scuola ha già riunito migliaia di persone provenienti da diversi paesi de mondo, tra cui attivisti, politici, artigiani, analfabeti, studenti, società operaie, pensionati, insegnanti. Per il suo carattere itinerante la scuola prende diverse forme adattandosi allo spazio che la ospita. “The School of Narrative Dance” è già stata attivata a Berlino, New York, Ecuador ed è stata invitata alla Biennale d’Arte di Venezia (2015), al MAXXI di Roma (2014), al Museo di Arte Contemporanea d Rivoli (2013).

Chi è Marinella Senatore? Classe 1977, vive e lavora tra Londra e Berlino. La sua ricerca si caratterizza per la partecipazione attiva del pubblico nel processo creativo, utilizzando diversi media, dall’installazione al video, disegno, performance dialogo tra storia orale e strutture socio-culturali. Nei progetti di Senatore chiunque può partecipare, utilizzando le piattaforme create dall’artista in molteplici modi, riformulando il ruolo dell’autore e quello del pubblico. Il suo lavoro è stato ampiamente presentato in Italia e all’estero. Tra le principali mostre ricordiamo: 54th Venice Biennial, Illuminations; Göteborg Biennial, Sweden; Contour-Biennal of moving image, Mechelen, Bel- gium; Kunsthlerhaus Bethanien, Berlin; Peres Projects, Berlin; Via Farini, Milan; Macro Museum, Rome; Madre Museum, Naples; Liverpool Biennial, UK; Petach-Tikva Museum of Art, Tel Aviv, Israel; 2nd Bienal de Montevideo, Uruguay; 12th Bienal de Cuenca, Ecuador; 30th Biennial of Graphic Arts, Ljubljana; 4th Athens Biennial; 11th Biennial de la Havana, Cuba; Moscow Biennial; Dublin Contemporary; Palazzo Grassi, Venice; Bellisario, il Gotham Prize e Premio Terna (premio speciale giuria AMACI), nel 2009 la Dena Foundation Fellowship; nel 2013 è la vincitrice della Borsa per Giovani Artisti Italiani del Castello di Rivoli-Museo d’Arte Contemporanea, nel 2014.
Lunedì 24 ottobre, alle ore 21, Marinella Senatore parteciperà al “Festival La Democrazia del Corpo” presso CANGO, in via Santa Maria 25 a Firenze
Carico Massimo nasce nel 2012 all’interno degli ex Magazzini Generali del porto di Livorno come luogo di incontro e sperimentazione tra diverse economie artistiche. Carico Massimo é un collettivo umano che produce arte a partire da materie, velocità e temperature diverse. Attualmente fanno parte di Carico Massimo: Enrico Bertelli, Federico Cavallini, Valentina Costa, Dario Gentili, Juan Pablo Macías, Gabriele Morleo, Fabrizio Paperini, Alessandra Poggianti.

Info:
www.cantieretoscana.org

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!