Cerca nel quotidiano:


Tosti e le sue canzoni nel salotto musicale della Villa del Presidente

Mercoledì 16 Novembre 2016 — 11:33

Mediagallery

La Villa del Presidente, in via Marradi 116 torna a vibrare delle note musicali che sicuramente animarono molte serate a cavallo tra ‘800 e ‘900. Il salone delle feste al primo piano era sicuramente punto d’incontro per la società bene della Livorno di quei tempi. Il bell’ingresso, l’ampio scalone di accesso, gli spazi a verde intorno alla villa, oggi scomparsi, furono meta di passeggiate e soste galanti, mentre nel salone, complice,un pianoforte e qualche bella voce, si  intonavano canzoni in voga, anima e vita del salotto romantico.

Giovedì 17 novembre alle ore 18, grazie al prezioso lavoro del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo, questo bellissimo spazio restituito alla città,  tornerà a risuonare di musica e canto, in un concerto tutto dedicato al ricordo di Francesco Paolo Tosti, in occasione del  centenario della sua scomparsa.

Se Verdi e Puccini furono i re dei Teatri, Tosti fu in re dei salotti della buona società italiana ed inglese, riverito e ricercato da due case regnanti, da nobili e alta borghesia.

Questo azzimato abruzzese, amico intimo di Gabriele D’Annunzio, compose nell’arco di circa 36 anni più di 500 canzoni, attingendo a piene mani alla sua facile ed avvincente linea melodica.

I giornali dell’epoca riportavano con pedissequa attenzione tutti i suoi innumerevoli spostamenti in tutta Europa, le notizie dei suoi successi in Teatri e sale da concerto erano sotto gli occhi di tutti.

La società bene faceva a gara per averlo ospite o organizzatore di serate mondane, la Regina Vittoria lo reputò tanto importante da dedicargli molti appunti sui suoi diari personali.

Tenore delicato ed appassionato, insegnante di canto reputato il migliore d’Italia, compositore di canzoni tra le più belle mai scritte, i suoi interminabili successi si interruppero improvvisamente quando a 70 anni morì a causa del cuore. I funerali a Roma furono grandiosi, una folla immensa accompagno il feretro ed in questa folla erano mischiati nobili, ricchi uomini d’affari ed il popolino che fischiava le sue canzoni per strada.

Giovedì 17 una bella scelta delle melodie di Tosti saranno eseguite dal Soprano Laura Peschiera e dal Baritono Paolo Morelli, accompagnati al pianoforte dal Maestro Giorgio Maroni. Le arie ed i duetti saranno precedute da brevi e significativi cenni sulle attività e sulla vita di Tosti

L’ingresso, a donazione libera, è curato dall’Associazione “Amici del Museo di Storia Naturale”, la prenotazione, non indispensabile, ma consigliata, potrà avvenire telefonando al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo 0586 266711 – 34 o scrivendo alla mail : [email protected]

Riproduzione riservata ©