Cerca nel quotidiano:


A Villa Trossi un viaggio nella romanza da salotto

“L’alba separa dalla luce l’ombra”, conversazione-concerto martedì 12 luglio alle ore 18 nell’ambito degli Appuntamenti di Estate a Villa Trossi. Fulvio Venturi compie un viaggio nella romanza da salotto italiana

Lunedì 11 Luglio 2016 — 08:36

Mediagallery

Con “L’alba separa dalla luce l’ombra”, la conversazione-concerto che si tiene martedì 12 luglio alle ore 18 nell’ambito degli Appuntamenti di Estate a Villa Trossi, Fulvio Venturi compie un viaggio nella romanza da salotto italiana.
Genere musicale fortunatissimo, alla romanza da salotto si accostarono moltissimi compositori dell’800 ed ebbe notevole diffusione nei salotti aristocratici e borghesi dell’epoca. Ogni composizione risultava come un quadro a sé stante e l’argomento delle romanze era sempre l’amore, e accanto all’amore, la bellezza femminile. Nella seconda metà dell’Ottocento il successo della romanza da salotto divenne planetario, numerosi musicisti si specializzarono nella composizione di questa profumata forma musicale, i vari Denza, Tirindelli, Donaudy e soprattutto Francesco Paolo Tosti diventarono famosissimi. Anche i versi della romanza da salotto subirono una notevole evoluzione e uscirono dalla penna dei più raffinati poeti di fine secolo come Tarchetti, Ada Negri, Mario Rapisardi, Gabriele D’Annunzio. “L’alba separa dalla luce l’ombra” è infatti il titolo della romanza più famosa del ciclo che Francesco Paolo Tosti compose sui testi delle Quattro canzoni d’Amaranta, dolente raccolta poetica dedicata da D’Annunzio alla sfortunata amante Giuseppina Mancini. Il baritono Paolo Morelli e il soprano Francesca Scarfi, accompagnati al pianoforte da Giorgio Maroni, faranno ascoltare molte celebri melodie di Tosti, Respighi, Mascagni che andranno ad intersecarsi con la narrazione di Fulvio Venturi.
Villa Trossi, martedì 12 luglio ore 18.

Riproduzione riservata ©