Cerca nel quotidiano:


Visita tematica guidata al Museo di Città

informazione pubblicitaria. Domenica 1° settembre, alle 17,30, percorso guidato all'interno della collezione d'arte contemporanea e il “Premio Modigliani”. INFO: 0586-82.45.51. Ingresso gratuito al museo

mercoledì 28 Agosto 2019 17:48

Mediagallery

Domenica 1° settembre alle 17,30 all’interno del Museo di Città-Luogo Pio Arte Contemporanea di Livorno, il Comune di Livorno e Coop. Itinera proporranno un percorso guidato all’interno della collezione d’arte contemporanea del Museo.
I visitatori saranno accompagnati alla scoperta della ricca collezione di opere di arte contemporanea esposta negli interni barocchi della chiesa sconsacrata del Luogo Pio. Fra queste il Grande Rettile di Pino Pascali, La corsa di Alma di Emilio Isgrò, e le opere di altri nomi importanti del Novecento quali Nigro, Manzoni, Tancredi Parmeggiani, Trafeli, Uncini, Castellani. Del tutto priva di un’antica tradizione artistica, Livorno ha sempre avuto una vocazione spiccatamente moderna. L’attenzione per il contemporaneo e, soprattutto, il desiderio di aprire l’orizzonte oltre i confini della città, affiorarono con forza nel secondo dopoguerra, quando – pur sfiancata dai terribili bombardamenti – Livorno tempestivamente iniziò a riorganizzare le proprie istituzioni culturali. Si pensò allora di aprire un nuovo museo d’arte contemporanea, indipendente dalla collezione storica dei macchiaioli. A tale scopo, numerosi acquisti furono compiuti in occasione delle mostre della Casa della Cultura (dal 1951) e, soprattutto, nelle otto edizioni del Premio Modigliani (tra il 1955 e il 1967). Il progetto poté concretizzarsi nel 1974, quando nacque il Museo Progressivo d’Arte Contemporanea di Villa Maria, grazie  anche all’intervento di un prestigioso comitato scientifico, composto da Zeno Birolli, Vittorio Fagone, Lara Vinca Masini e Aldo Passoni – molti protagonisti della scena artistica italiana donarono o vendettero a un prezzo simbolico i loro lavori alla città di Livorno. Per alcuni anni, entro gli spazi di Villa Maria furono ordinate mostre tematiche, conferenze e altre iniziative volte a registrare l’avanzare della ricerca artistica. dell’importante Premio Modigliani (1955-1967) e le sue otto edizioni.

Domenica si proporrà un viaggio “contemporaneo” attraverso la ricostruzione della cultura artistica cittadina di un periodo importante per Livorno che, uscita provata dalla guerra mondiale e dalla occupazione nazista, affrontava la propria ricostruzione forte della volontà di rinascita e rinnovamento. Il Premio Modigliani, istituito per celebrare il grande artista livornese, ha rappresentato il più importante appuntamento artistico della città fino ad assumerne valenza nazionale. L’obiettivo principale della manifestazione fu quello di garantire alla città di Livorno una raccolta di opere d’arte contemporanea che affiancasse quella storica dei dipinti dell’Ottocento intitolata a Giovanni Fattori. La narrazione guidata approderà negli ambienti della settecentesca Chiesa del Luogo Pio che ospitano la collezione d’arte contemporanea e si focalizzerà sulle opere acquisite e donate durante le edizioni del Premio Modigliani, lavori di artisti di fama nazionale e internazionale giunti a Livorno: Piero Guccione, Titina Maselli, Mario Nigro, Giulia Napoleone, Mino Trafeli, Pino Pascali.

Quando: domenica 1° settembre ore 17.30

Destinatari
: giovani, adulti

Pagamento: 4 euro a partecipante (ingresso al museo è gratuito per la prima domenica del mese).

Prenotazione anticipata consigliata: segreteria museo di città telefono 0586-82.45.51 da martedì a sabato orario 10-19 oppure inviare una mail a: [email protected], indicando nominativo e recapito telefonico.

informazione pubblicitaria 

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.