Cerca nel quotidiano:


Jacopo, a 20 anni in Scozia per studiare neuroscienze

Colloquio via Skype fra il nostro cronista e Jacopo Razzauti, livornese di 21 anni all’Università di Dundee in Scozia, tra i sette universitari italiani selezionati nel 2019 da Amgen Scholars di cui ha parlato anche La Stampa

domenica 29 Settembre 2019 00:01

Mediagallery

Jacopo Razzauti, oggi 21enne (ne compirà 22 il 12 ottobre), dal 2017 studente di neuroscienze all’Università di Dundee in Scozia, diploma al Cecioni in Scienza Applicate, è uno dei sette universitari italiani selezionati nel 2019 fra 90 candidature da Amgen Scholars, un progetto di Fondazione Amgen realizzato, come si legge in un articolo de La Stampa, con l’Harvard University che prevedeva due mesi di tirocinio estivo retribuito in quattro prestigiosi centri di ricerca europei: il Politecnico ETH di Zurigo, l’Istituto Pasteur di Parigi, l’Università Ludwig-Maximilians di Monaco (che ha ospitato Razzauti a luglio e agosto per lo studio di Optogenetica) e il Karolinska Institutet di Stoccolma. “Uscito dal liceo – spiega Jacopo contattato via Skype da Quilivorno.it – ho preso un anno semi-sabbatico. Da sempre ho avuto la passione per gli animali, in particolare per i primati, però non volevo studiarli a livello clinico. Ho deciso di andare all’estero, in Scozia. Volevo fare qualcosa di esotico. E alla fine ho scelto neuroscienze”.
Grazie al suo tutor, prima di intraprendere l’esperienza del tirocinio 2019 nel centro di ricerca di cui abbiamo parlato sopra, nel giugno 2018 il giovane ha avuto la possibilità di andare a studiare per due mesi un progetto di ricerca riguardante i sifaka ed altri lemuri nella regione settentrionale del Madagascar. “È stata un’esperienza bellissima. Mi ha insegnato anche a capire i miei limiti di sopportazione. Per capirci, ho vissuto in mezzo alla foresta senza doccia, solo riso e fagioli come cibo. Dovevo stare attento ai coccodrilli quando ero a ridosso del fiume per lavarmi”.
Le passioni antropologiche del ventenne livornese lo hanno anche proiettato, nel settembre 2018, secondo anno accademico scozzese, in Canada dove fino a maggio 2019 ha potuto perfezionare le sue conoscenze in neuroscienze. “Quello che ho fatto è l’evoluzione delle mie pescate alle Onde del Tirreno da piccolo – confessa scherzosamente Jacopo – Quei pesci che prima mettevo nel secchiello e osservavo come si muovevano adesso li ho studiati in uno degli istituti migliori al mondo e proprio quando torno a Livorno cerco di spiegarlo a quello accanto di cabina. Mi affascina spiegare cosa faccio. Da pura passione potrebbe diventare lavoro”. Al termine del tirocinio al Maximilians di Monaco, Jacopo ha illustrato all‘università di Cambridge i risultati e attualmente sta proseguendo all’università scozzese il suo terzo e ultimo anno.

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Forse ho sbagliato mondo

    Complimenti….. Sono sempre di piu i ragazzi che studiano all’estero… E che probabilmente non torneranno più!!!!! Che tristezza!!!!

  2. # Opos

    In Italia non c’è futuro. Bravo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.