Cerca nel quotidiano:


Silver 2, il robot che pulisce i fondali dalle plastiche

Grande accoglienza all'ex Teatro Lazzeri dov'è in corso la mostra Coop 70_Valori in scatola. Il robot pesa 20 chili, può raggiungere i 200 metri di profondità e ha sei gambe per saltare. L'idea è nata in una pausa caffè

sabato 02 Novembre 2019 13:15

di Tommaso Lucchesi

Mediagallery

Il futuro è green e con un pizzico di livornesità. Infatti il granchio robot presentato all’ex Teatro Lazzeri giovedì 31 ottobre – nell’ambito della mostra “Coop_70 Valori in scatola“, visitabile gratuitamente dal giovedì alla domenica fino al 14 dicembre all’ex teatro Lazzeri – può vantare tra i suoi realizzatori molti giovani ingegneri labronici e i test principali del suo funzionamento sono stati effettuati nei pressi dello Scoglio della Regina. Si chiama Silver 2 ed è uno dei grandi progetti finanziati dall’azienda Dario Arbi Spa in collaborazione con gli Istituti di Biorobotica e di Management della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa all’interno del programma di Blue Resolution, una serie di iniziative a favore della pulizia e della difesa del mare dalle plastiche. Il robot pesa 20 chili e può raggiungere i 200 metri di profondità. Ha sei gambe per saltare sul terreno senza provocare danni e superare ogni ostacolo simulando proprio le movenze dei granchi. E’ inoltre dotato di sensori e videocamere per riprendere tutte le scene ed è comandato a distanza. L’idea è nata per caso durante una pausa caffè vicino al mare, come ci racconta Marcello Calisti, ingegnere della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa: “Anche stavolta tutto è partito osservando la natura che ci circonda e i suoi principi fondamentali. In questo caso l’animaletto che ci ha maggiormente ispirato è stato il granchio, vista la sua rapidità di muoversi sott’acqua e la capacità di afferrare oggetti in profondità. L’idea si basava sul portare in superficie rifiuti o campioni di sabbia con presenza di microplastica ma senza intaccare l’ecosistema e inquinarlo ulteriormente. Proprio l’elasticità e la leggerezza del granchio facevano al caso nostro per evitare sommovimenti del suolo marino. Per i detriti più vistosi siamo ricorsi ad un braccio meccanico in silicone, facilmente integrabile con il granchio”.
Ha aperto la presentazione del granchio l’assessore all’ambiente Giovanna Cepparello con un elogio ai livornesi per l’ottima risposta avuta durante l’estate dopo la proibizione della plastica monouso e ha esortato la politica ad aderire sempre di più a iniziative di questo genere capaci di coniugare perfettamente scienza, ricerca e rispetto per la natura. Dello stesso avviso si è detto il consigliere regionale Pd Francesco Gazzetti che ha voluto sottolineare quanto la Toscana abbia anticipato molte politiche dedicate al plastic free e la transizione verso una maggiore sostenibilità ambientale con progetti all’avanguardia e azioni concrete. Renata Pascarelli, Direzione qualità Coop Italia, in veste di rappresentante della catena di supermercati, ha evidenziato la grande attenzione che la Coop ha sempre rivolto verso le tematiche ambientali anche in tempi pionieristici precorrendo molte iniziative di oggi. Si è definito orgoglioso l’amministratore delegato dell’Arbi Spa Alessandro Arbi “per aver contribuito attivamente alla nascita di un macchinario così importante per la salvaguardia del mare e la riduzione dell’impatto dell’uomo sulla natura. La nostra associazione Blue Resolution – ha continuato Arbi – si fonda proprio sulla cooperazione continua e fertile tra tecnica e sostenibilità per la scoperta di vie sempre nuove per proteggere un patrimonio inestimabile dell’umanità”. A chiusura della giornata è seguito un aperitivo nella cornice della mostra “Coop 70_Valori in scatola”. Per qualsiasi altra informazione su Silver 2: www.blueresolution.it.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.