Cerca nel quotidiano:


Drupi ringrazia l’amico Ballantini per il “Soli” cantato al Goldoni. IL VIDEO

Il cantante di origini pavesi ha ringraziato il nostro Dario Ballantini per aver portato il suo brano del 1982 sul palco dello spettacolo "Perché il Goldoni è il Goldoni". Ecco la clip ripresa da un fan di Drupi e inviata all'artista livornese

Lunedì 28 Marzo 2022 — 18:32

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Dario Ballantini (nella foto pubblicata sulla sua pagina Facebook dal Teatro Goldoni) non ha certo bisogno di presentazioni. E’ un artista poliedrico, multiforme, scanzonato e riflessivo allo stesso tempo, ironico e profondo, sa passare dal giocoso al drammatico in un amen, ma soprattutto è un professionista vero e dannatamente bravo in ogni sua sfaccettatura. Così quando Mario Menicagli lo ha invitato insieme ad un gruppo di altri colleghi e altri personaggi provenienti da altri ambiti per lo spettacolo di beneficenza “Perché il Goldoni è il Goldoni”, dove l’obiettivo era mettersi in gioco portando sul palco una canzone di Sanremo, il nostro Dario non ci ha pensato su un attimo e, tra mille impegni e mille chilometri percorsi, ha deciso di interpretare, come solo lui sa fare, “Soli” di Drupi.
Una canzone portata sul palco dal cantautore di origini pavesi per il festival della canzone italiana nel 1982 che si classificò terza dietro a Storie di tutti i giorni di Riccardo Fogli e Felicità di Al Bano e Romina Power.
L’artista labronico aveva annunciato, nei giorni scorsi, al suo amico Drupi cosa sarebbe andato a fare al Goldoni e ha poi inviato un piccolo video clip con la sua esibizione ricevendo i complimenti, via cellulare, dal cantante.
Ma non finisce qui. Nella serata di domenica 27 marzo, durante un suo concerto, è lo stesso Drupi a ringraziare Ballantini pubblicamente raccontando al pubblico in sala cosa fosse accaduto a Livorno e pregando i suoi fan di riprendere con un video i suoi ringraziamenti per poi inviarli allo stesso Dario. Ecco il video di quanto accaduto, i ringraziamenti a Ballantini e l’interpretazione di “Soli” del suo stesso autore.

Riproduzione riservata ©