Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Toscana Pride, attese 15mila persone

Mercoledì 15 Giugno 2022 — 07:53

Ritrovo alle 16 in piazza della Repubblica, con partenza alle 17 e arrivo in Terrazza Mascagni. A seguire gli spettacoli sul palco allestito per l'occasione. L'assessore al sociale Andrea Raspanti: "Il progresso civile di un Paese si basa anche su questi temi". “Fuori e sempre controvento” lo slogan della manifestazione dell’orgoglio LGBTQIA+* che finalmente, dopo la programmazione del 2019 annullata causa pandemia, vedrà Livorno protagonista

di Giulia Bellaveglia

“Un evento che accade per la prima volta nella storia della città. Una festa dei diritti e delle libertà personali di tutti. Una grande opportunità di incontro e di aggregazione, coerente con un messaggio che ci siamo sforzati di diffondere in questi anni: il progresso civile di un Paese si basa anche su questi temi, temi su cui la politica è molto indietro. Ci sono arrivati echi di qualche preoccupazione assolutamente non fondata. Le persone devono essere libere di vivere la propria vita come meglio credono, finché non fanno del male agli altri, ma per questo esistono già le leggi. Come si fa non essere ancora d’accordo con questo aspetto fondamentale?”. L’assessore al sociale Andrea Raspanti, apre la conferenza stampa dedicata al Toscana Pride 2022, in programma per sabato 18 giugno, con parole semplici ma di forte impatto emotivo e riflessivo. Accanto a lui ci sono il sindaco Luca Salvetti, il presidente del Toscana Pride Luca Dieci, la vicepresidente Rita Rabuzzi, il segretario Cesare Bonifazi Martinozzi e due tra i protagonisti (Fabrizio Torsi ed Eleonora Zacchi) degli spettacoli che avranno luogo, a conclusione della parata, sul palco allestito negli spazi della Terrazza Mascagni (punto di arrivo, la partenza è prevista alle 17, con ritrovo alle 16, da piazza Della Repubblica). “Fuori e sempre controvento” lo slogan della manifestazione dell’orgoglio LGBTQIA+* che finalmente, dopo la programmazione del 2019 annullata causa pandemia, vedrà Livorno protagonista. “Fuori perché dopo la pandemia sarà importante rivedersi in presenza – dice Dieci – Controvento perché in Toscana e a Livorno tira un vento bellissimo, in Italia no, ma noi non ci abbattiamo. Ecco perché siamo qui a rivendicare i nostri diritti senza i quali si rischiano rigurgiti fascisti che non possono essere tollerati”.
Per quanto riguarda i dettagli tecnici Comune e Autolinee Toscane hanno messo a disposizione 6 navette che dalle vicinanze di Terrazza Mascagni porteranno le persone fino al parcheggio del Modigliani Forum. Il corteo si snoderà per le strade del centro percorrendo viale Degli Avvalorati direzione mare, piazza Del Municipio, via Cogorano, via Grande direzione mare, via Cialdini, scali Novi Lena, via D’Alesio, piazza Orlando e viale Italia (strade interdette per l’occasione sia al transito che alla sosta). Presenze stimate, circa 15mila. Previsto un servizio di “social taxi” attivo dalle 15.30 alle 20.30 completamente gratuito e dedicato alle persone con mobilità ridotta. (Prenotazioni al numero 334/3617092). Verrà inoltre fornito un supporto logistico tempestivo per chi fosse in difficoltà a proseguire la manifestazione. Al termine della parata, a partite dalle 21.30, l’after party in Fortezza Nuova.

Condividi:

Riproduzione riservata ©