Cerca nel quotidiano:


Centro accoglienza alle ex scuole Gamerra? Il sindaco: “Terremo gli occhi ben aperti”

Il progetto per la riqualificazione della struttura prevederebbe la realizzazione di una Rsa al piano terra e al primo piano, mentre al secondo dovrebbero essere realizzati 6 appartamenti

Sabato 7 Ottobre 2017 — 10:11

Mediagallery

Decine di segnalazioni alla nostra redazione e sulla scrivania del primo cittadino. L’argomento è quello relativo alle ex scuole Gamerra in Coteto (nella foto in pagina di Paolo Mura). Quale futuro? In tanti hanno parlato dell’ipotesi di un centro accoglienza per immigrati. Ecco la risposta del sindaco Filippo Nogarin affidata alle pagine virtuali della sua bacheca facebook. “Da settimane ricevo messaggi e mail di cittadini preoccupati dall’ipotesi che le ex scuole Gamerra, quartiere Coteto, possano essere trasformate in un centro per l’accoglienza dei migranti – scrive Nogarin –  Al momento non abbiamo alcuna prova che il proprietario voglia andare in questa direzione ma posso assicurare i residenti del quartiere che terremo gli occhi ben aperti”.
Poi il sindaco entra nel merito della questione. “La struttura – specifica nel suo post – che si sviluppa su tre piani, è di proprietà di una società immobiliare. Il progetto prevederebbe la realizzazione di una Rsa (Residenza sanitaria assistenziale) per non autosufficienti al piano terra e al primo piano, mentre al secondo dovrebbero essere realizzati sei appartamenti”.
I controlli – “Ho già dato mandato ai tecnici del Comune di Livorno di esaminare tutte le carte – conclude il sindaco – e capire se le procedure seguite siano conformi al nostro regolamento urbanistico. Insomma, stiamo tenendo gli occhi ben aperti da tempo, per evitare di avere sorprese”.

Riproduzione riservata ©

35 commenti

 
  1. # Gennaro

    rimane il fatto che l’immobile e’ privato
    e il proprietario ne puo’ disporre come vuole nei limiti della legge

  2. # Livornese tranquillo a bestia

    Anche io voglio essere accolto facciamo una cosa caro Sindaco ….rimango a casa mia ed il mutuo me lo pagate voi , per la spesa vengo in comune tutti i sabati mattina prediligo frutta verdura e carni bianche. La bici ed il cell li ho gia’ quindi non importa siamo d’ accordo ?

    1. # beata ignoranza

      concordo, prima però ti fai in sei mesi l’attraversata del deserto, ti fai 4 giorni in mare senza acqua e magari due sprangate nella schiena, quando vai in Comune a chiedere di darti accoglienza ci vai lasciando casina tua, la macchina, la tv, sky, la scuola , il lavoro, l’estate ai bagni a giocare alla gabbionata, le ferie se lavori, la pensione se ce l’hai, il caffè al bar e il ponce dopo cena al ristorante…vai vediamo se sei capace

    2. # Adriana

      Hai perfettamente ragione!!

      1. # Populista e Leghista

        Raccontatelo a qualche livornese che vive nei camper come quelli che stanno in via stenone

  3. # carmelo

    Sai de. E’ stato aperto per dei livornesi che stanno sotto un ponte.

  4. # Liburnico

    Terremo gli occhi aperti??? Cosa significa??? Il sindaco non potra’ fare altro che applicare le leggi! Ora vi sentiti tutti molto meglio vero??? … si si … va vai…

  5. # Lorenzo65

    Un paese che vive solo di economia legata ai sussidi statali per l’accoglienza, è un paese che dura poco.

    1. # amaranto67©

      la scelta di creare un economia assistita a livorno non è certo frutto di una volontà recente. dal dopoguerra in poi è iniziata, grazie a scelte politiche locali, un opera sistematica di smantellamento e disincentivazione di ogni iniziativa industriale riconducibile al “capitale” a favore di attività statali, iper sindacalizzate dove ogni posto di lavoro ha rappresentato per il potere locale la possibilità di sistemare amici e simpatizzanti. oggi che questo sistema non regge piu ci accorgiamo tutti di vivere in una città impoverita, priva di una classe imprenditoriale capace e con prospettive assai negative e di tutto questo non possiamo incolpare che noi stessi.

      1. # Ippolito

        Infatti gli imprenditori locali sono degni di questa situazione e finiti i vecchi imprenditori gli eredi vivono di rendita e non sono capaci di fare industria. …….Altro che colpe politiche sono imprenditori livornesi.assumo guadagno col minimo sforzo. Gli enti locali secondo loro devono mettere i soldi e loro ci mettano l’amministratore delegato poi vai al nido loro pagano il minimo e te dipendente un monte più di loro…..ma di osa ragioni

        1. # amaranto67

          ippolito di quel che hai detto non si è capito niente.

          1. # Ippolito

            Carissimo Amaranto 67 volevo dire che l’imprenditori livornesi sono atipici rispetto a loro simili di altre realta’. I vecchi imprenditori storici livornesi hanno creato qualcosa dopo la guerra, ma i loro eredi hanno goduto di questi lasciti senza sviluppare niente di nuovo, accontentandosi di una rendita magari affittando anche strutture ereditate e godersi una vita agiata ….diciamo alla livornese. Attualmente questa categoria di imprenditori vittime della politica hanno anche la forza per aderire a progetti misti pubblico privato ma non vogliono mettere capitali ma paradossalmente l’amministratore delegato.

      2. # madmax68

        Caro Amaranto67 parzialmente vero quello che dici ma manca il finale…. L’economia di cui parli porta come risultato l’aumento del divario fra i ricchi ed i poveri…i quali ricchi in tutto il mondo, Italia compresa , si rivolgono sempre agli stati per l’assistenza tenendo cosi sempre sotto scacco le persone più povere. È innegabile che nonostante la crisi chi aveva più soldi ora ne ha di più. Forse una riflessione togliendosi di mezzo le ideologie ma pensando al futuro sarebbe auspicabile, senza parlare di comunisti o fascisti ma di prospettive future. X ora l’incentivi agli imprenditori non hanno mai funzionato come neanche la statalizzazione delle imprese che in paesi come l’Italia hanno solo aumentato le posizioni di rendita. Forse cominciare a responsabilizzare tutti senza accusare solo una parte comportandosi da tifosi potrebbe farci uscire da questa mancanza d’idee….

        1. # amaranto67

          bisognerebbe iniziare un discorso piu ampio relativo ai capitani d industria italiani e sul sistema economico meno dannoso per le masse ma la cosa ci porterebbe lontano, ti assicuro che il mio discorso ha ben poco di ideologico, mi limito a capire quello che è successo in questa citta dalla fine della guerra ad oggi, i dati sono impietosi, da essere l ’11ma città italiana per dimensioni, ricchezza e capacità industriale siamo arrivati ad essere 25mi per popolazione e 58mi per pruduzione di PIL… il discorso esula dalla critica gratuita al comunismo, in altre zone di italia (vedi emilia romagna ed anche nella toscana interna) le giunte di sinistra hanno saputo dare impulso all’economia e attraverso questo assicurare alla cittadinanza una ricchezza che alla fine ha permeato ogni stato di quelle società garantendo meno disoccupazione e disagio sociale. qua purtroppo le cose son andate diversamente, sia per scarsa attitudine dei nostri politicanti che per questioni prettamente ideologiche e di calcolo…. ora livorno vive di pensioni, questa è una bomba ad orologeria che diventa difficile disinnescare.

      3. # Liburnico

        Ti quoto in pieno! In poche righe hai fatto un’analisi completa e dettagliata e … purtroppo molto veritiera!

  6. # puzo roberto

    come siamo bravi noi italiani ,in questo caso i livornesi, tutti per l’accoglienza ma quando questa accoglienza e’ vicino casa nostra brontoliamo, troppo facile……………

    1. # abitanti

      Allora tutti a casa tua … vediamo se un ti lamenti

  7. # pinabellato

    ….se terrete gli occhi ben aperti come per. ultima alluvione ………siamo messi benino! Comunque Mi sembra già strano che piano terra e primo per RSA e al secondo piano appartamenti per abitazioni ordinarie !?…….. Vedremo!!!!!

    1. # Cinzia

      Si, a me sembra che gli occhi siano foderati di prosciutto! Appartamenti in una R.S.A! Se gli occhi erano aperti non davate i permessi per l’esecuzione, e comunque se in futuro la destinazione d’uso fosse diversa da quella che è ora , basta non dare i permessi! Tanto facile caro Sindaco

  8. # ilfuturo

    farci un asilo no? c’è pieni bambini che sono fuori dall’asilo comunale e statale. Giovani insegnanti che non lavorano .Costretti chi può permetterselo,a mandarli in istituti privati,quasi sempre dalle suore. vergogna.

    1. # Marione

      Ottima idea, compra l’edificio e fallo! Se no chetati!

  9. # morgiano

    Prendiamo atto che per il Sindaco, un centro di accoglienza alla luce del sole è una struttura pericolosa, tanto che bisogna sorvegliare che non venga realizzata. Molto meglio sub affitti con 3/4 persone, al nero, per stanza, senza nessun controllo su chi va e chi viene.

  10. # PirataTirreno

    Caro Sindaco, sarebbe possibile sapere qual è il limite (in percentuale) di rifugiati/richiedenti asilo per la città di Livorno?
    Quanti “ospiti” per ogni livornese?
    Perchè credo che sia l’unica cosa che, se impugnata, potrebbe far desistere la Prefettura dal continuare ad ospitare i profughi nel nostro comune.
    Mi sembra che siano già molti, ma di numeri non se ne parla mai.
    Grazie.

  11. # Nomad

    Perché non li metti in una di quelle ville abbandonate dopo Chioma” tipo poco prima del moletto di Scaglietti”…..o ancora meglio in qualche casolare verso castingioncello???

  12. # GIUSTO

    Pirata Tirreno non ha tutti i torti….

  13. # Marcello Ardenza

    NON CREDETE SAREBBE ORA DI SMETTERLA DI SCAGLIARSI OGNI QUALVOLTA CONTRO IL SINDACO? VI SEMBRA COSA FACILE PRENDERE IN MANO LE REDINI DOPO ANNI ED ANNI DI CATTIVA GESTIONE? MA NON VE NE STA BENE MAI UNA CAVOLO!!!! SEMPRE PRONTI A CREITICARE!

    1. # Morchia

      E te sei sempre pronto a difendere l’indifendibile…

      1. # Dilvo

        Ti potrei passare qualcosa…ma pensa cosa non ha combinato lui.

      2. # Devil

        Dovreste chiederlo al PD. La politica, ed i quattrini, fondamentalmente, la gestiscono loro. I sindaci non possono altro che dare esecuzione ad atti governativi.

        1. # fabio1

          Sempre della serie “è colpa degli altri” questa è veramente una perla degna di nota. A maggior ragione, mandiamo tutta la giunta a casa e facciamo gestire il tutto dalla Regione.

    2. # u8go

      ma a Ardenza hanno lo stesso sindaco di Livorno?

  14. # sabrina vinci

    Ardenzino: fatti la domanda è datti la risposta

    1. # Marcello Ardenza

      GIA’ FATTO CARA SABRINA VINCI, FORSE TU E TUTTI QUELLI COME TE DOVREBBERO SMETTERE CON LE VOSTRE PERFORMANCE POLITICHE OPPOSIZIONISTICHE, DI ATTACCARE CHI STA CERCANDO DISPERATAMENTE DI TIRARE FUORI DALLA MELMA UNA CITTA’ DISTRUTTA NEGLI ANNI DA UNA PESSIMA ED INEFFICACE GESTIONE COMUNALE. MA DOVE VIVETE????????

      1. # Morchia

        Io non so che film hai visto ma qui non l’hanno passato. Cosa starebbe facendo questo Sindaco secondo te??????? Ma dai!!!!!!

  15. # roberto casarelli

    Non voglio entrare in una polemica asettica e demagogica,ma un Sindaco che risponde “Terremo gli occhi aperti,per evitare sorprese” la dice lunga su come paragoni la soluzione di un problema sociale ad una invasione di cavallette.
    Sicuramente ha visto solo le lettere ,a lui inviate,da chi si lamentava e si è spaventato schierandosi con codardia invece di dare risposte istituzionalmente valide.
    Personalmente non ho niente contro il Sig. Nogarin,ma devo riconoscergli l’assoluta mancanza di responsabilità civica ed istituzionale e quindi ritengo che non sia adatto a fare il Sindaco di una città.