Cerca nel quotidiano:


Devastano il salone di bellezza in cerca di soldi

Nel mirino dei malviventi l'Hair Studio, in viale Italia, di Raffaella Teleschi. "Mi hanno forzato la saracinesca e spaccato la vetrata d'ingresso"

Martedì 8 Dicembre 2020 — 09:06

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Molti i danni registrati: porta a vetri all'ingresso devastata, pavimento in marmo danneggiato come alcuni macchinari professionali e alcune boccette di profumi rotte. Nessun furto consumato

Non si ferma l’onda di furti e danneggiamenti all’interno delle attività commerciali cittadine. Stavolta i malviventi si sono spostati sul lungomare. Nel mirino infatti è finito il salone di bellezza di Raffaella Teleschi, l’Hair Studio di viale Italia, 127. “Mi hanno chiamato nella notte tra domenica 6 e lunedì 7 dicembre – spiega la titolare contattata telefonicamente da QuiLivorno.it – La mattina sono arrivata sul posto e ho fatto un sopralluogo. I malviventi hanno forzato la saracinesca esterna che era chiusa a chiave. Hanno quindi devastato l’ingresso a vetri come potete vedere dalle foto e, una volta dentro, sono andati alla ricerca di denaro contante che, per fortuna, non teniamo mai in cassa. Però – continua Teleschi – hanno comunque danneggiato i macchinari, gettato a terra alcuni profumi rompendo le boccette e danneggiato il marmo del pavimento. Insomma i danni sono stati ingenti nonostante che non abbiano portato via niente dall’interno del salone”. Alla titolare non è rimasto altro da fare dunque che sporgere denuncia alle forze dell’ordine.
Il colpo (mancato) all’interno dell’attività di Teleschi non è altro che l’ennesimo di una lunga scia di furti e spaccate messe a segno dai malviventi durante l’orario del coprifuoco. Gli ultimi tre (clicca qui per leggere l’articolo) sono stati messi a segno alla gioielleria Talarico di via Grande, al chioschino di Villa Fabbricotti e da Betti Dolciumi in via Santa Fortunata. Ma la lista delle scorribande notturne, purtroppo, è molto più lunga ed inizia dai primi giorni di novembre cioè da quando sono scattate le limitazioni per le uscite dopo le 22.

Riproduzione riservata ©