Cerca nel quotidiano:


La guerriglia urbana di via Buontalenti finisce al Tg1. Salvetti: “Cittadini preoccupati”

Il primo cittadino ai microfoni della Rai: "Abbiamo il dovere di portare queste situazioni sul tavolo di chi gestisce l'ordine pubblico"

Giovedì 16 Settembre 2021 — 14:55

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Sul suolo sono state trovate spranghe, accette, coltelli e perfino una sciabola per non parlare di un bossolo di un colpo di pistola esploso durante il fronteggiamento tra quelle che gli inquirenti hanno individuato come "due bande" rivali di nordafricani

“I cittadini giustamente sono preoccupati e abbiamo il dovere di portare queste situazioni sul tavolo di chi gestisce l’ordine pubblico”. E’ questo quanto ha dichiarato il primo cittadino Luca Salvetti ai microfoni del Tg1. La guerriglia urbana della pazza serata di mercoledì 15 settembre di via Buontalenti (angolo via del Fante) è finita nell’edizione del telegiornale delle 13,30 di giovedì 16 settembre (clicca qui al minuto 17:36 per vedere il servizio della Rai).
Intanto gli inquirenti sono alacremente al lavoro per cercare di ricostruire per filo e per segno l’inizio di questa mega rissa, i motivi che hanno scatenato tanta violenza in pieno centro intorno alle 21,30 di un tranquillo mercoledì sera, e soprattutto i protagonisti e i responsabili di questi gesti sconsiderati.
Al momento massimo riserbo da parte delle forze dell’ordine sull’accaduto. “Siamo al lavoro”, è il massimo commento che hanno rilasciato alla stampa all’indomani dell’escalation di violenze che ha portato a vivere momenti da film in stile “Guerrieri della notte” a due passi dalla zona del mercato cittadino.
Sul suolo sono state trovate spranghe, accette, coltelli e perfino una sciabola per non parlare di un bossolo di un colpo di pistola esploso durante il fronteggiamento tra quelle che gli inquirenti hanno individuato come “due bande” rivali di nordafricani. Nel servizio del Tg1 si vedono i video che in queste ultime ore sono passati quasi ininterrottamente sui social, girati dai residenti della zona, e le immagini dell’immediato post-rissa con i segni di devastazione lasciati sull’asfalto.
Il sindaco poi nel pomeriggio di giovedì 16 settembre ha anche affidato un commento a questi fatti ad un post lasciato sulla sua pagina Facebook corredato dalla foto della riunione del Cosp (Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica) tenutosi in prefettura.
“Ciò che abbiamo visto in via Buontalenti è un episodio che, come viene attestato dai video e dai filmati delle telecamere, è stato di una violenza inaudita – scrive Salvetti – Al centro di questa rissa ci sono evidentemente due gruppi di malviventi che si sono dati appuntamento per una sorta di regolamento di conti.
Non possiamo accettare che nel cuore della città si verifichino fatti del genere senza mostrare tutto il nostro sdegno e senza richiedere in maniera forte che i colpevoli siano individuati, arrestati e possibilmente non fatti più circolare per le strade della nostra città. Sin da ieri sera mi sono messo in contatto con il Questore per capire come le forze dell’ordine stavano indagando sull’accaduto e stamani mattina d’accordo con il Prefetto abbiamo fissato un Comitato di ordine e sicurezza pubblica. Dalla riunione è emersa l’intenzione di chi tutela l’ordine pubblico di dare un segnale chiaro che a Livorno certe cose non devono accadere, la procura ha aperto un fascicolo e porta avanti un’indagine in maniera molto convinta e aggressiva. È emersa chiara poi la necessità di adoperarsi affinché Livorno possa avere un organico completo per rispondere al meglio alle esigenze di una città grande e con molti rischi da gestire”.
Il sindaco prosegue poi sottolineando altri aspetti.  “Una notazione sui tempi di intervento delle forze dell’ordine che molti cittadini mi hanno segnalato – specifica il primo cittadino – A Livorno come nel resto del paese da qualche mese è diventata operativa la riforma con il 112 numero unico emergenze, una razionalizzazione per zona delle richieste di intervento, questa razionalizzazione ha indubbiamente rallentato l’allertamento delle forze dell’ordine e questo è un tema che non ci trova d’accordo e che segnaleremo al Ministero. La città di Livorno in questa estate ha mostrato come possa proporre una convivenza sociale bella e stimolante, In mezzo alle tante cose positive ci sono stati alcuni comportamenti deprecabili di gruppi di giovani che nel cuore della notte nel quartiere della Venezia e in altre zone si sono lasciati andare a gesti di vandalismo e inciviltà, su questo tutte le istituzioni, ognuno per ciò che gli compete, vogliono intervenire per limitare i fenomeni. Ma quello che è successo in via Buontalenti ha evidentemente una matrice diversa che necessità di un approccio duro e convinto nei confronti di soggetti che niente hanno a che fare con la nostra città e con i valori che in questa città si sono storicamente affermati e sviluppati. I cittadini chiedono questo e fanno bene, noi amplifichiamo questa loro richiesta e abbiamo il dovere di portarla sui tavoli di chi gestisce l’ordine pubblico, chi invece proverà a strumentalizzare l’accaduto con infimi giochi politici sappia che farà solo il male della città”.

Riproduzione riservata ©