Cerca nel quotidiano:


Sanzionate 200 auto in 5 ore, caos in Borgo.
Street control: 4 mesi, 365 multe

Nel weekend, dalle ore 21 alle 2, elevate 200 sanzioni alle auto in sosta sulle strisce pedonali e agli scivoli per disabili. Migliora la situazione in Venezia, via Marradi e via Ricasoli. Rimane critica in piazza Giovine Italia

lunedì 06 giugno 2016 06:36

Mediagallery

La Polizia Municipale dispone di due pattuglie serali impegnate prioritariamente nel rilievo di sinistri stradali e interventi a carattere di urgenza (leggi qui – street control: 365 multe in 4 mesi. I dati) . Per tutelare la sicurezza stradale e la mobilità pedonale, nonché per dare risposta ai numerosi esposti dei cittadini sulle “soste selvagge” serali, quando possibile vengono organizzati servizi serali speciali. Venerdì 3 giugno, dalle ore 21 alle 2, sono state elevate 200 sanzioni a carico di veicoli in sosta sui marciapiedi, sugli attraversamenti pedonali, nelle aree pedonali, agli scivoli per i disabili e in punti critici per la viabilità (corsie stradali ed intersezioni con limitata visibilità).

Di seguito i dati:
39 via delle Bandiere-Cavour , E. Rossi
21 Gramsci, Corso Amedeo
40 Giovine Italia, P.zza Mazzini
30 Viale Italia ,Via del Mare
9 Venezia interno ztl
30 Venezia fuori ztl
10 Via Fiume, P.zza Micheli
7 via Marradi
0 Via Ricasoli
14 area mercatale

Rispetto ai controlli svolti nel 2015 si evidenzia la risoluzione delle problematiche di viabilità all’interno della Venezia dove venivano sanzionati circa 60 veicoli che creavano spesso problemi di transito nella via della Venezia e piazza del Luogo Pio (adesso una decina in tutta l’area). Positivo il controllo di via Marradi dove nel 2015 venivano sanzionati più di 50 veicoli, mentre la via Ricasoli è risultata tutta libera da veicoli. Critica la situazione in piazza Giovine Italia dove erano presenti 17 veicoli. Il controllo è stato ripetuto anche alle 23 di sabato 4 ed erano presenti 15 veicoli, tutti di non residenti, parcheggiati dai frequentatori dei locali lungo la corsia, riducendo così lo spazio di transito per i mezzi di soccorso, davanti ai cassonetti impedendone l’utilizzo e totalmente sui grandi marciapiedi caratterizzati dalla pavimentazione bianca che viene macchiata dai veicoli stessi. La Polizia Municipale disporrà controlli anche sul rispetto delle fermate bus e delle corsie dedicate al trasporto pubblico urbano per favorire e rendere sicura la fruibilità delle nuove corse serali.

Riproduzione riservata ©

27 commenti

 
  1. # Dilvo

    Meno male.
    Multate anche il dirigente che ha fatto mettere i pali in mezzo al marciapiede in via della meridiana.
    Mi auguro che i soldi incassati vadano per migliorare la situazione per i portatori di handicap e no per far corsi per passare di livello retributivo i vigili.
    Continuare così ok

  2. # commerciante

    bravi così si va tutti alla coop

    1. # Pippo

      Almeno si risparmia e si trova roba fresca!

  3. # Meglio populista che pidiota

    Avanti cosi

    1. # Pinolo

      Siete tutti bravi a sentenziare in borgo precisamente a porta a mare dove sono i 700 posti auto che dovevano essere fatti? Le case le hanno fatte ma i parcheggi per i residenti dove sono?

      1. # mah

        sotto la coop ce ne sono 10mila! ah gia ma te li volevi gratis. potrebbero togliere tutti i marciapiedi della zona e fare parcheggio a lisca di pesce in tutte le strade, ti andrebbe bene cosi??

  4. # Martina

    Bene Bravi! avanti cosi! Era ora che qualcuno rimettesse in riga gli incivili livornesi!

  5. # Nerd

    Non mi stancherò mai di ribadire che tutto questo è frutto del giustizialismo che negli ultimi periodi va tanto di moda a Livorno. Eppure è ampiamente dimostrato che la linea dura è non appagare qualcuno ma in realtà si ripercuote contro chi la applica e contro una fascia di cittadini più deboli perchè quello che alla fine si dispera è il cittadino che con 1000 euro tira avanti una famiglia e con grande leggerezza il comune gli salassa 200 euro e invece chi ha le possibilità perchè chi ha soldi riscatta anche i punti persi con delle lezioncine e chi non ha soldi magari non può neppure a andare a lavorare perchè il suo comune ha infierire contro di lui nel nome di una giustizia empirica e spietata. Poi sentendo parlare la gente in giro adesso i vigili sono visti come il nemico e non come un punto di riferimento. Ciò che si semina si raccoglie.

    1. # johnnie rico

      fammi capire…. quindi le infrazioni e i reati andrebbero puniti in base al reddito del trasgressore?
      chi e’ ricco deve essere multato, chi no può infrangere a piacere le norme?

      1. # Nerd

        Ti voglio solo dire che prima il vigile era una persona e come tale interpretava meglio l’infrazioneadesso invece si manderebbe alla sedia elettrica con cinismo anche un ladro di polli se la legge lo prevedesse. Che progresso!!!

    2. # Marco

      Man per favore!
      Le multe se vuoi non le prendi, non è che le fanno a chi non infrange il codice stradale.

    3. # Walter

      Forse chi guadagna 1000 euro al mese non ha voglia di parcheggiare il suv sul marciapiede o sulla carreggiata impedendo la circolazione. E comunque io ci passerei sopra con una ruspa a chi fa certe soste. Basta con lo scempio di Livorno da parte di chi vuol fare sempre come gli pare.

    4. # Fulmine

      No!!!! È frutto dell’inciviltà e della mancanza di educazione di persone che pensano di fare sempre e comunque come cavolo gli pare !!!!!

    5. # Malizioso Troll

      Esatto. Chi “semina” la macchina a cavolo “raccoglie” farfalle sul parabrezza.

    6. # Giacomo

      Nerd… forse la mia visione non sarà così ispirata e sociale come la tua, ma nella foto vedo una bella audi da 40mila euro che invece che essere parcheggiata nel parcheggio di porta a mare a 50cent per due ore a 150 metri da li se ne sta in mezzo ad un marciapiede dove dovrebbero passare anziani carrozzine e carrozzelle. E non lo vedo solo dalla foto lo vedo tutti i giorni perché abito in zona. Per questo genere di ignoranza e degrado per me altro che giustizialismo…

      1. # Venio Polveroni

        ora de hai ragione su tutto ma farlo sentire anche importante a dirgli che e’ un audi da 40000 euro mi sembra un po’ esagerato. a 10000 euro su autoscout di audi TT ne trovi a bizzeffe.

  6. # beppe

    Correggere il modo di fare, non solo il caffè. Avanti cosi, per migliorare la vita di tutti. Grazie

  7. # Franco

    ahahahaahah bene! Ne ho piacere! O smettetela di fare i galletti e parcheggiare dove vi pare!!!! Chiamateli durini!!!!

  8. # Olmo

    Adesso il livornese è diventato uccello padulo ma non c’è da stupirsi,quale razionalità ti vuoi aspettare da una città dove ci sono più cucce che culle? Si ragiona da cani.

  9. # Teseo

    Quando si disegna una Piazza Giovine Italia che è un insulto al buon senso per i marciapiedi ridondanti che strozzano il traffico dalle rotatorie, si possono fare anche le multe agli idioti che mettono le macchine in corsia di scorrimento, ma si è falliti come gestori del traffico.

  10. # POTTO

    Ma non è che poi la metà di queste multe cadono dopo ricorso al giudice?

  11. # Pietro

    Anche negli anni 90 venne adottata la strategia del terrore e grazie ad essa uccisero mio nonno. Ai tempi quando compravi un ciclomotore il negoziante al primo tagliando ti toglieva i fermi senza dirti un bel niente,era la prassi tra virgolette di quei tempi,poi d’un tratto arrivò il giustizialismo e pattuglie di vigili fermavano anche 10 ciclomotori alla volta per sincerarsi se il mezzo ad un primo controllo aveva avuto delle modifiche. Il mio povero nonno ai tempi aveva 76 anni e con grande gioia si comprò una vespina nuova,seguì la prassi,gli dissero di fare il tagliando non specificandogli assolutamente che sarebbero stati tolti i fermi che non sapeva neppure cosa fossero e l’uomo durante un controllo si vide confiscare il motorino nuovo per poi essere rivenduto all’asta. Il nonno di li a poco morì dal dispiacere,cadde in una forma di sconforto tale che non ripose più fiducia nelle istituzioni,si ammalò e di li a poco morì. Questo trattamento venne riservato a migliaia di persone che sicuramente ringrazziano tutt’oggi il comune. La legge è una cosa e la giustizia un’altra. (Però i livornesi non erano cinici come adesso).

    1. # Marco

      Pietro ma lo vedi chi è che scrive su questo forum? Sono sempre i soliti utenti sempre con le medesime battute. Una decina di persone e poco più ma a Livorno ci sono ben 160 mila abitanti…. Il cinismo e la frustrazione di certa gente trova sul web l’unica occasione di visibilità. Fuori sono degli inascoltati che probabilmente ogni tanto si accorgono delle fesserie irreali che dicono ( o meglio scrivono).

  12. # MONICA

    MA BASTA PASSARCI ANCHE IL POMERIGGIO 16.00 ALLE 20.00
    IO ABITO IN BORGO NON C’E UN AUTO CHE ABBIA IL CONTRASSEGNO
    MA I VIGILI DOVE SONO ???

  13. # EMI

    Vedrai che se non gliela porti via l’auto li fai dimorto. Ci fanno l’aereoplanini con le multe.

  14. # Salvo

    Vorrei segnalare quanto succede nel triangolo inizio via Carlo Bini corso Mazzini inizio via Corcos.
    Sono mesi che la mattina e il pomeriggio si vedono movimentare pancali con carrelli da movimentazione
    Mi domando come può siccedere tutto questo in una zona di grande viabilita ,nonostante ciò che succede sia stato segnalato ai vigili

  15. # andrea

    Io sono contrario allo street control in quanto cosi come è adesso di favorisce gli scooteristi che fanno i furbi e si sanziona solo le autovetture e io sono contrario. fare chiarezza. Forse non ci siamo capiti che gli scooteristi che sfrecciano a tutta la velocità nel centro urbano e non vengono mai multati e sanzionati e non va bene che la fanno sempre franca questi fenomeni di scooteristi che fanno i furbi e la devono smettere di alzare la voce contro gli autombilsti deveono essere sanzioanti con il pugno di ferro e tolleranza zero per gli scooteristi fanno i furbi . ADESSO SANZIONARE A TAPPETO SENZA TREGUA GLI SCOOTERISTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive