Cerca nel quotidiano:


“Villaggio spazzatura”, via 108 tonnellate

Tra la vegetazione è spuntato anche un mezzo a quattro ruote ormai inutilizzato da oltre 10 anni. Complessivamente sono state rimosse circa 108 tonnellate di rifiuti indifferenziati

Venerdì 29 Luglio 2016 — 11:18

Mediagallery

Nove giorni fa il primo raid di pulizia straordinaria dell’area di via del Levante con tanto di ruspe e uomini della Municipale, della Protezione Civile del Comune di Livorno e di Aamps impegnati a far piazza pulita di vere e proprie discariche en plein air (clicca qui per vedere le foto e leggere l’articolo del 20 luglio). Alle prime luci del giorno di venerdì 29 luglio gli agenti della polizia municipale hanno dato il via al secondo round di “pulizia straordinaria”. All’interno di un canneto, all’altezza del rondò di via del Levante, poco prima di imboccare il cavalcavia sulla destra, si nascondeva un vero e proprio “villaggio-spazzatura 2.0”. Tende rimovibili, giacigli, materassi, cumuli di spazzatura e un vero e proprio “vialetto” lastricato in gomma tra i canneti per favorire il passaggio verso le discariche di spazzatura ammassate dietro piante e arbusti.
Tra la vegetazione è spuntato anche un furgone ormai inutilizzato da oltre 10 anni dal quale si è risaliti al titolare che verrà multato per abbandono di rifiuti.
In campo anche gli operatori della Protezione Civile capitanati da Leonardo Gonnelli il quale si è preoccupato di ripulire la zona affinché non si creino problemi durante i primi mesi di autunno quando si ingrosserà nuovamente il Rio Maggiore, torrente che scorre proprio sotto al ponte del Levante e che potrebbe esondare se dovesse trovare degli intralci (come cumuli di rifiuti straordinari) sul suo cammino.

Complessivamente sono state rimosse circa 108 tonnellate di rifiuti indifferenziati così distribuiti:
· 1,65 tonnellate di rifiuti ingombranti rimossi da sotto il ponte più vari elettrodomestici;
· 100 tonnellate circa di rifiuti ingombranti rimossi nell’area privata;
· 6 tonnellate di rifiuti ingombranti rimossi nelle aree di pertinenza idraulica.

“Il problema – tiene a specificare Leonardo Gonnelli, dirigente della Protezione Civile – è stato affrontato dalla stessa Protezione Civile insieme alla Polizia Municipale in quanto, la presenza di rifiuti all’interno del rio Maggiore oltre a rappresentare un rischio evidente a livello ambientale, lo è anche a livello idraulico per il corso d’acqua” . “Improvvisi rialzamenti del livello delle acque – aggiunge – adesso che ci stiamo avvicinando alla stagione più piovosa, possono favorire il trasporto in alveo di rifiuti che finiscono per ostruire luci di ponti e tombamenti “.
Da qui il grosso intervento di pulizia che è stato resopossibile grazie appunto alla sinergia di più soggetti che hanno accelerato tempi di attuazione e risolti problemi di natura burocratica.
Il dirigente Gonnelli evidenzia comunque che, aldilà della riuscita dell’operazione, è necessario incrementare azioni di controllo e vigilanza sul territorio, specie in alcune zone , come questa del Levante, in attesa di urbanizzazione.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # Giovanna

    La colpa è solo dei soliti politici. Spero che i nostri consiglieri regionali non vadano a fare i senatori, così come vorrebbe nella sua legge Renzi. Dobbiamo lottare tutti insieme contro questa classe politica inetta. Viva noi cittadini onesti, abbasso i politici

  2. # Palmiro

    Ma perchè in Italia e specialmente a Livorno, dove abbiamo il “dono” dell’accoglienza per gli stranieri (!!!!) non riusciamo ad IMPORRE a questi che si devono abituare a stare nella legalità ??? E poi si và a tassare chi ha seri problemi di vita. Questi poi (i rom) proprio non la voglino capire di starsene a casa loro e non rendere invivibili città come la nostra che già hanno tanti problemi per loro conto. Autortà TUTTE……. SVEGLIATEVI !!!!

  3. # STUFO

    BUONGIORNO. COSA AVEVO DETTO LA VOLTA SCORSA CHE LA PULIZIA ERA INUTILE TANTO QUESTI PERSONAGGI AMATI DAL BOY SCOUT RENZI DA ROSSI E DALLA BOLDRINI TORNAVANO TRANQUILLAMENTE. E OGGI VI DIRO’ CHE FRA 1 SETTIMANA MASSIMO 2 DOVRETE FARE IL TERZO ROUND DI PULIZIA, PERCHE’ TANTO NON ANDRANNO MAI VIA. COME DICE SALVINI : CI VOGLIONO LE RUSPE.

  4. # freefree

    il nostro bel paese, sta diventando terra di conquista, aperta a tutte le peggio razze

    1. # Gino

      Guarda che il nostro bel paese è da sempre che è un’accozzaglia di razze, leggiti un po’ di storia non ti farà male…

  5. # sirio

    attendiamo le ruspe sulle ville ,appena accertato eventuale non pagamento dalle tasse
    (si e allora,aspetta e spera)

  6. # claudia

    Non sono nè leghista nè razzista, ma mi sembra che il governatore Rossi ed il consigliere Gazzetti non sappiano quali sono le condizioni tragiche di tanti toscani onesti, senza lavoro e senza futuro. I due, che evidentemente con i loro lauti stipendi, da noi pagati, credono di poter far cosa vogliono, hanno, con una legge regionale, deciso che se ospiti in casa due clandestini ti danno 1000 euro al mese (esentasse), se ospiti due italiani poveri ti aumentano la tassa sui rifiuti. Se Rossi e Gazzetti vogliono essere così solidali con i clandestini lo facciano a casa loro e con i soldi loro (cioè nostri)

    1. # adriana

      lo sanno lo sanno, sanno anche che il popolo italiano ormai è incapace a qualsiasi forma di protesta.

  7. # franco

    Era ora!!!
    Ma io mi chiedo…
    Vedo sempre i soliti zingari… sono quelli che al mattino prendono il treno gratis mentre io pago l’abbonamento da sempre, sono quelli che quando torno in stazione mi hanno rotto il vetro della macchina e prima hanno visitato casa di mia nonna, sono quelli che bloccano la porta girevole dell’ospedale e che ti fanno passare sopra di loro al poliambulatorio…
    Sono quei ragazzi che da sempre vivono qui, siamo cresciuti insieme su 2 canali diversi…
    Ma come è possibile che vivano così?
    Fategli almeno pulire le spiagge!!!
    Questi rubano e basta e sono vagabondi!
    Si prende un provvedimento una volta per tutte avanti che succeda qualcosa di grave? No perchè ora un si tollerano più!!!

  8. # tuttiuguali

    Ma tutte le baracche e i contenitori che sono lungo il fosso che passa lungo il vecchio Cimitero della Misericordia in Via di Popogna entro i 300 metri di rispetto sono esentati dal controllo e la vigilanza sul territorio perchè sono di livornesi ?

  9. # Giacomo

    Che casino in testa che c’avete fra tutti. Parlare indistintamente di Rom, clandestini e rifugiati, mammamia.

    Rom volgarmente detti zingari sono etnie una volta nomadi che gironzolano in giro da decenni, molti dalle nostre parti sono di nazionalità rumena, quindi giuridicamente cittadini europei. Sono quelli di cui parla l’articolo, non scendo nei dettagli del tipico stile di vita che generalmente giudico deplorevole, per paura di essere censurato.

    Clandestino: cittadino non della comunità europea che è giunto in Italia ma vi risiede per più di 3 mesi senza un permesso di soggiorno, vedi i numerosissimi tunisini, senegalesi, marocchini, spesso qui da anni anche loro. Ma anche un Russo è un clandestino se si trattiene senza regolarizzarsi. Spesso a causa di mancata integrazione, coinvolti in attività pericolose come spaccio, ma spesso anche no, come il caso delle migliaia di senegalesi che passano la vita a vendere accendini, lavoro “nero” certo ma non mi dite che rubano il lavoro agli italiani per favore.

    Rifugiato: colui che è in fuga dal suo paese perché esposto quotidianamente a violenze o pericoli per la propria vita (ISIS?), o perché il paese è in guerra. Sono quelli che arrivano coi “barconi”, vengono accolti e schedati, e ospitati in strutture come l’albergo Atleti. A causa della consueta “furbaggine” italiana sono solo carne di scambio per cooperative e mafia che si arricchiscono incassando 35 euro al giorno per ciascun rifugiato, per lo più non facendo nulla per renderli utili alla comunità. Sono solo 400 in tutta Livorno (163000 abitanti). La burocrazia non permette neanche di poterli utilizzare in lavori socialmente utili, da cui questi disgraziati passano le giornate a sperare in una vita diversa e a pregare per i loro cari morti.

    Ognuna delle 3 categorie sopra è “un problema”, e anche io nella mia provincialità mi sentivo più sereno quando sulle panchine di piazza della Repubblica c’erano solo nonni e bambini di borgata. Ma per risolvere i problemi bisogna conoscerli, non vomitare sulla tastiere le proprie frustrazioni con parole sconnesse deliranti e zeppe di razzismo, cari freefree, claudia, stufo, palmiro etc.

  10. # adriano

    o giacomo … dati ufficiali il 97 % dei dichiarati ufficiali rifugiati sono non aventi diritto,
    vengono da noi perche li mettiamo in hotel ,e stipendiati, chiedono asilo, loro rifiutato, fanno ricorso e hanno un prolungamento del permesso di soggiorno sempre in hotel, con tutti i privilegi e con la nostra burocrazia li manteniamo non aventi diritto per anni,
    io mi sono rotto

    1. # ANARCHICO

      Loro invece dopo secoli si sono rotti di vivere in paesi che non possono garantire nessun futuro,sono nati nel posto sbagliato,scapperesti anche te…
      Sentissi mai un commento di condanna verso la vera rovina di questo sistema economico,i grandi ricchi della terra,gli evasori,gli speculatori finanziari…..

  11. # max

    Speriamo che l’attuale Amministrazione provveda a pulire e rendere decoroso pure il Borgo di Magrignano che allo stato attuale fa proprio schifo. Grazie .

  12. # Pino

    Dovrebbero anche potare un po’ di piante e creare un marciapiede per poter arrivare a piedi anche al centro Levante. Incredibile che chi abita lì dietro sia costretto a prendere la macchina

  13. # stefano

    100 tonnellate mi sembrano un po’ troppe….e’ un po meno del peso di un boieng 747…saranno 100 quintali….mah