Cerca nel quotidiano:


A Quercianella un’isola ecologica per residenti e villeggianti. Carta e cartone: via al mese del riciclo

La postazione, videosorvegliata 24 ore su 24, sarà fruibile solo ed esclusivamente per i residenti del quartiere ed i proprietari delle seconde case della frazione omonima e potrà essere utilizzata solamente dopo aver ricevuto una tessera di riconoscimento, completamente gratuita

Mercoledì 7 Marzo 2018 — 15:25

Mediagallery

Nuova isola ecologica collocata da Aamps in via della Stazione a Quercianella. E’ stata inaugurata dal sindaco la mattina del 7 marzo ed è già attiva (clicca qui – via al mese del riciclo di carta e cartone). “Siamo di fronte ad un ulteriore miglioramento della qualità del servizio che offriamo alla cittadinanza – ha sottolineato Nogarin – sintomo di un’azienda che guarda apertamente al futuro ed è in continuo automiglioramento. La raccolta porta a porta sta funzionando molto bene, con la differenziata che supera ampiamente il 75%. Merito dell’impegno dei cittadini e in particolare di Eugenio Vincenti, amministratore di quasi tutti i condomini della zona, che ci ha dato una grande mano nella fase di passaggio dal vecchio sistema a quello nuovo. Un aiuto prezioso cui voglio dare un riconoscimento pubblico con questa comunicazione”.
size-medium wp-image-275714″ src=”http://www.quilivorno.it/wp-content/uploads/2018/03/IMG-20180307-WA0018-600×400.jpg” alt=”” width=”300″ height=”200″ />La postazione, videosorvegliata 24 ore su 24, sarà fruibile solo ed esclusivamente dai residenti, dai proprietari delle seconde case o di case non in condominio (es. villette singole) o da parte di utenti in affitto in un immobile ad uso abitativo sporadico o limitato nel tempo situato in un residence. La stazione ecologica potrà essere utilizzata solo dopo aver ricevuto una tessera di riconoscimento, completamente gratuita. “Ci sono pervenute moltissime richieste da parte dei villeggianti – ha spiegato e continuato Paola Petrone, direttore generale Aamps – circa la difficoltà di seguire il calendario del porta a porta. I residenti invece dovranno continuare a seguire gli orari del porta a porta, utilizzando l’isola solamente in casi speciali”.
Per richiedere la tessera si dovrà compilare un apposito modulo reperibile sul sito www.aamps.livorno.it oppure in formato cartaceo dall’amministratore di condominio di riferimento. Ulteriori informazioni e l’elenco degli amministratori di condominio coinvolti sono disponibili sul sito Aamps o possono essere richiesti inviando una mail a [email protected]

Riproduzione riservata ©

13 commenti

 
  1. # Giusy

    E perchè a Livorno non si può fare?

    1. # Gino

      Perchè quercianella è pisa?

      1. # u8go nogarin sono otto

        difatti a pisa l’hanno fatto…

    2. # enzo

      Quoto in Pieno.

    3. # Maurizio

      Il porta a porta garantisce il corretto conferimento (un operatore può’ rifiutare la raccolta per esempio di carta in sacco di plastica). Una stazione ecologica non presidiata non può’ garantirlo.

  2. # Ig

    Vero, sarebbe meglio fare così anche a Livorno. Suggerisco un sistema: l’indifferenziata venga, solo questa, raccolta porta a porta, in appositi sacchetti venduti da aamps, se si usano altri sacchetti la spazzatura non verrà ritirata e chi lo fa multato. Mentre quella differenziata sarà buttata in apposite isole ecologiche come a Quercianella, controlli a campione chi sbaglia la differenziazione per tre volte multa.
    La tassa della spazzatura non si paga più, si pagano i sacchetti della indifferenziata….più differenzi meno paghi.
    Così funzionerebbe. Invece di avere tutti sacchetti sbranati in giro per strada e la differenziata fatta con dubbia precisione.

  3. # mau

    si potrebbero mettere in centro, magari in zona mercato Buontalenti.
    Fare il porta a porta li,mi sembra un vero problema, già ora i cassonetti stracolmi sono in balia di decine di gabbiani che puntualmente spargono immondizia per strada.

  4. # Lorenzo65

    Ma sarà meglio dare sicurezza e benessere ai cittadini? Qua si mettono controllori e telecamere per sorvegliare la spazzatura, mentre la delinquenza la fa da padrona ! Conta di più la spazzatura o la sicurezza dei cittadini? La raccolta della spazzatura deve essere al servizio del cittadino e non il cittadino schiavo dei ritmi della raccolta della spazzatura.

  5. # fabio1

    Ma pensa…. un sindaco che adotta due misure per lo stesso peso….
    Da un lato adotta, in una città, un sistema di gestione e ritiro poco valido e delle isole ecologiche nelle quali non si può conferire l’umido (per esperienza diretta); dall’altro, in un borgo, adotta un sistema con cassonetti grandi che viene eliminato dalla grande città, però all’avanguardia.
    Credo che con un collegamento wi fi, l’AAMPS possa verificare anche come il possessore della tessera gestisca la differenziata.
    Costa tanto un sistema così all’avanguardia che controlli la differenziata di tutti? ma se lo facciamo per noi e per un futuro migliore, è giusto che si trovino queste risorse senza farle pesare ulteriormente alle famiglie. L’alternativa è non fare niente, senza fare proclami di ciò che non potete fare.

    1. # elit

      Dici bene. A Livorno è stata fatta la scelta di gestire la differenziata con la raccolta porta a porta a carico dei cittadini, che tra l’altro pagano anche una notevole tassa annuale sui rifiuti. La scelta dei cassonetti era senz’altro all’avanguardia e poteva essere adottata in maniera scaglionata nel tempo se il costo dell’adeguamento era troppo elevato.

  6. # gaspare

    Non sarò molto tecnologico, ma vi sfido a compilare il modulo on line per il rilascio della tessera. Buona giornata.

  7. # luca

    ma l’articolo l’avete letto fino in fondo? Perché nella parte finale spiega i motivi, ed hanno anche una certa logica

  8. # Ig

    Ma il cittadino deve essere al servizio dell’ambiente…e lo deve mantenere pulito, oppure te faresti i tuoi comodi a casa tua lasciandola tutta sporca? Perché non fare bene la differenziata significa sporcare l’ambiente….ed é peggio di una rapina.