Cerca nel quotidiano:


Blitz della polizia negli uffici olandesi della Share’ngo di Yousif

Nubi nere all'orizzonte della trattativa tra la famiglia Spinelli e l'imprenditore libanese titolare della Share'ngo

Martedì 26 Maggio 2020 — 17:13

Mediagallery

Come riportano alcuni siti di informazione olandese, gli uffici delle auto elettriche di proprietà di Yousif, sono stati oggetto di un blitz della polizia: sequestro di auto e cani anti-droga in azione

Nubi nere all’orizzonte sopra l’imprenditore libanese Majd Yousif. Nella mattina di martedì 26 maggio, infatti, la polizia olandese ha bussato alla porta dei suoi uffici della Share’nGo in Olanda nel paesino di circa ventimila anime di Albasserdam. A riportarlo, in primis,  sono stati diversi siti di informazione dei Paesi Bassi tra cui proprio il quotidiano online di riferimento del paese con tanto di reportage fotografico (clicca qui per consultare l’articolo in lingua originale) che ritrae gli agenti davanti all’ingresso della sede olandese delle macchine elettriche. L’imprenditore, interessato all’acquisto del Livorno Calcio, è da tempo ormai in contatto con la famiglia Spinelli per la cessione della società di via Indipendenza. Una cessione che ha avuto molte fasi e molti chiaroscuri. Già a febbraio sembrava fatta con l’incontro a Genova a cui partecipò anche il sindaco Salvetti con tanto di strette di mano e sorrisi. Poi il lockdown, la frenata, i dubbi, le bozze di contratto che viaggiavano via mail dall’Olanda al quartier generale degli imprenditori genovesi in Liguria, fino ad oggi con questa batosta che potrebbe seriamente compromettere il proseguo della trattativa.
Traducendo l’articolo letteralmente dalla lingua originale all’italiano si può leggere questo: “La polizia ha confiscato un certo numero di auto elettriche in una compagnia sulla Newtonweg ad Alblasserdam martedì 26 maggio 2020. Dozzine di ufficiali sono coinvolti nel raid. Vengono utilizzati anche cani anti-droga. Dentro e intorno agli edifici erano state viste spesso macchine sportive molto costose come la McLaren, la Mercedes, la Lamborghini. Queste auto però non sono state trovate ad Alblasserdam martedì. Le operazioni di polizia sono in corso anche altrove nel Paese. La polizia non vuole ancora dire esattamente cosa stia succedendo mantenendo, al momento, il massimo riserbo”.

Riproduzione riservata ©