Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Conservatorio Mascagni, inaugurato l’anno accademico 2022-23

Martedì 13 Dicembre 2022 — 14:27

La cerimonia, partecipatissima da allievi, istituzioni e docenti, è stata anche l’occasione per festeggiare l’avvenuto passaggio a conservatorio statale. L'assessora regionale Nardini: "Il Conservatorio realtà riconosciuta nel panorama nazionale ed internazionale". Pergamena ai laureati dell’anno accademico 2021-2022 e intermezzo musicale

di Giulia Bellaveglia

Un bel pomeriggio quello che il 12 dicembre ha animato gli spazi del Teatro 4 Mori per celebrare l’inaugurazione dell’anno accademico 2022-2023 dell’Istituto superiore di studi musicali Pietro Mascagni. La cerimonia, partecipatissima da allievi, istituzioni e docenti del passato e del presente, è stata anche l’occasione per festeggiare l’avvenuto passaggio a conservatorio statale. “Questo è per noi l’inizio di una nuova vita – dice il presidente Emanuele Rossi – Abbiamo la saggezza di un 70enne perché siamo nati nel 1953, il senso di responsabilità di un 60enne perché nel 1964 abbiamo costituito un consorzio con Comune e Provincia che tutt’oggi ci sostengono concretamente, la maturità di un 45enne perché nel 1978 siamo stati equiparati a Conservatorio di Stato e l’entusiasmo di un 20enne perché dal 1999 facciamo parte del sistema Afam. Infine, abbiamo lo stupore di chi ha appena aperto gli occhi sul mondo, perché da un mese siamo un conservatorio statale: abbiamo bisogno di farci le ossa, sicuramente, ma il futuro ci appartiene”. “Come amministrazione siamo soddisfatti di poter vivere questa svolta – aggiunge il sindaco Luca Salvetti – e lo facciamo con un invito e una curiosità: l’invito a proseguire il percorso che ha visto l’ente affiancare l’amministrazione, le fondazioni e gli altri soggetti che contribuiscono a fare di Livorno una città che nella cultura e negli eventi ha dato qualcosa di importante, e la curiosità di vedere come l’istituto riuscirà ad affermare le proprie caratteristiche migliori attraverso il lavoro dei nuovi vertici”. Presente alla cerimonia, tra gli altri,  anche l’assessora regionale ai rapporti con l’università Alessandra Nardini. “Un traguardo importante e soprattutto meritato – commenta – noi daremo gambe a questa riforma cercando di potenziare il rapporto con le istituzioni. L’obiettivo è quello di garantire maggiori e migliori opportunità a tutti ragazzi e la Toscana, da questo punto di vista, è ricca perché promuove i talenti dei ragazzi cercando di valorizzare una realtà bella e riconosciuta nel panorama nazionale ed internazionale”. L’evento è stato anche l’occasione per consegnare una pergamena ai laureati dell’anno accademico 2021-2022 che, successivamente, si sono esibiti in un breve intermezzo musicale. Questo l’elenco dei laureati: diploma accademico di primo livello per Matteo Bizzarri, Chiara Brugnoni, Giuseppe Cigna, Daniele Cofano, Leonardo Evangelisti, Samuele Giannotti, Irene Giovannetti, Leonardo Giuntoli, Lavinia Golfarini, Filippo Grassi, Asia Guarguaglini, Chiara Pastorino, Federica Pedditzi, Sofia Pieraccini, Gionathan Satariano e Valentina Toni, diploma accademico di secondo livello per Tommaso Alfaroli, Paola Barsacchi, Eugenia Belli, Martina Catarsi, Adele Ceccanti, Radames Ceccarelli, Alessandra Donati, Vania Franchi, Ginevra Guerrini, Christian Nunez, Federica Pulizia, Tiziano Puntoni, Silvia Remaggi, Francesco Saviozzi, Filippo Tenisci ed Eleonora Visinoni.

Condividi:

Riproduzione riservata ©