Cerca nel quotidiano:


Ecco svelato il mistero dell’evento “top secret” del 6 aprile ideato dagli studenti del Classico

Cos'è accaduto? Niente. Un evento, o meglio dire esperimento sociale, che, di fatto, non esiste se non nella sua propaganda e nel suo autoalimentarsi di attesa spasmodica

Mercoledì 6 Aprile 2022 — 17:43

Mediagallery

Siamo finalmente arrivati al 6 aprile, la tanto sponsorizzata data dagli alunni del liceo classico Niccolini “capitanati”, ma meglio dire coordinati e diretti, dal professore di storia e filosofia Lamberto Giannini. Erano stati proprio i suoi alunni che, grazie ad un progetto lanciato a scuola avevano promosso l’evento “Dice che il 6 aprile” creando hype e aspettativa tra i tanti curiosi che hanno iniziato a seguire la loro pagina Instagram. Nel frattempo molti gli indizi disseminati sui social e un countdown spasmodico che ha seminato davvero tanta aspettativa. Bene, siamo dunque arrivati al 6 aprile e cosa è accaduto? Niente. Un evento che, di fatto, non esiste se non nella sua propaganda e nel suo autoalimentarsi di attesa spasmodica.
“Era uno scherzo, evidentemente uno scherzo – dicono gli alunni creatori del progetto sociale – L’enorme propaganda ad un evento che non esiste, non è stato fatto per prendervi in giro ma per fare un esperimento sociale che ci ha permesso di dimostrare come molto spesso sia possibile costruire un’idea sul niente, grazie al potere della comunicazione. La filosofia di Nietzsche ci insegna che il nulla è. Quindi il giocare sul reale ed irreale, su finizioni e realtà non è una volontà bizzarra ma un qualcosa che ci ha permesso di dimostrare come tutto e niente possano essere comunicati”.
I liceali vanno avanti e rilanciano, spiegando dunque quali saranno le prossime mosse. “La nostra idea – raccontano gli studenti – era quella di fare una pagina sulla bellezza in tutti i campi della cultura. Ci siamo chiesti se aprendo un profilo Instagram con al centro la bellezza questo poteva avere dei feedback significativi da parte vostra e siamo giunti alla conclusione che sarebbe stato molto faticoso. Questo esperimento sociale ci permetterà di avervi coinvolto in anticipo per poter riflettere insieme a voi sulla profondità di questo tema. Da oggi in poi – concludono porteremo contenuti riguardanti arte, filosofia e letteratura perché siano una fonte di cultura a disposizione di tutti. Alle 19 di mercoledì 6 aprile uscirà il primo post di questo nuovo tema. Speriamo che possa essere di vostro interesse e susciti riflessioni e opinioni. Sperando di essere compresi non chiediamo scusa a nessuno”.

Riproduzione riservata ©