Cerca nel quotidiano:


Ghiomelli ricevuto dal sindaco

Ghiomelli: "Apprezzato il senso di responsabilità del sindaco nel portare avanti progetto che guardi ad ora e a dopo il Natale". Salvetti: "Da subito al loro fianco". Si lavora per aprire da novembre la tensostruttura in via Firenze

Lunedì 7 Settembre 2020 — 18:46

Mediagallery

Nelle foto gentilmente concesse dalla famiglia Ghiomelli quel che resta della struttura dopo l'incendio

E’ stato un incontro di un’ora e più quello avvenuto in Comune, mercoledì 2 settembre, tra Riccardo e la sorella Paola Ghiomelli da una parte e Luca Salvetti dall’altra. Un incontro, il primo, per fare il punto della situazione dopo l’incendio del 29 agosto (nelle foto gentilmente concesse dalla famiglia la struttura vista dall’interno). “C’è stata piena convergenza di vedute tra noi e il sindaco che colgo l’occasione per ringraziare”, spiega Riccardo raggiunto telefonicamente da QuiLivorno.it il 7 settembre. Al centro del colloquio il gettare le basi fin da subito per il post periodo natalizio, con particolare riferimento al “dove” riaprire, e per farlo, per essere cioè operativi da subito, occorreva parlarne ora esponendo esigenze e questioni reciproche. Per il futuro più immediato invece, è stato fatto presente nel corso dell’incontro, rimane in campo l’ipotesi anticipata dallo stesso Riccardo a QuiLivorno.it nell’articolo del 31 agosto e cioè quella di una tensostruttura in via Firenze da inaugurare ad inizio novembre. “Per il futuro post natalizio – prosegue Riccardo – siamo aperti ad eventuali alternative che sarebbe prematuro annunciare ora. L’importante è che sia la volontà da entrambe le parti di portare avanti un progetto comune e da questo punto di vista non possiamo che apprezzare il senso di responsabilità manifestato dal primo cittadino proprio nel portare avanti un progetto che guardi a dopo il Natale. Una cosa è certa: solo restando uniti, tutti, potremo pensare di ottenere un risultato”. Dal canto suo il sindaco spiega che “come sindaco e come amministrazione ci siamo messi subito al fianco dei Ghiomelli prima nel momento più difficile dell’incendio e poi subito dopo nella valutazione dell’impatto sul quadro economico e imprenditoriale. Abbiamo voluto incontrarlo per capire come si stava muovendo e per capire attraverso gli uffici quali sono le strade per poter dare un aiuto a lui e agli undici lavoratori che sono all’interno della struttura. Magari con una soluzione provvisoria che riguarda il Natale per poi vedere come procedere assieme all’impegno dei Ghiomelli come imprenditori”.

Riproduzione riservata ©