Cerca nel quotidiano:


L’ammiraglio giapponese in visita al Comune

L’assessore al sociale Ina Dhimgjini ha ricevuto in visita amichevole l’ammiraglio Hiroyuki Nanaura e tutta la delegazione di ufficiali appena sbarcati dalla nave scuola Kojima

Mercoledì 22 Giugno 2016 — 15:28

Mediagallery

Nella mattinata del 22 giugno, l’assessore al sociale Ina Dhimgjini ha ricevuto in visita amichevole l’ammiraglio Hiroyuki Nanaura (leggi qui – i cadetti giapponesi ricevuti in Accademia e clicca qui per leggere della visita a Palazzo Rosciano) e tutta la delegazione di ufficiali, appena sbarcati dalla nave scuola Kojima, in porto nella nostra città per alcuni giorni. Il sindaco assente da Livorno per motivi istituzionali, ha delegato l’assessore Dhimjini per fare gli onori di casa. Durante l’incontro l’assessore ha consegnato all’ammiraglio lo stemma della città e ricevuto in dono la riproduzione della nave Kojima.

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # Marco

    Peccato speravo che il comandante giapponese arrivasse sulla leggendaria corazzata Yamato….

    1. # Bernie

      ma quella trasformata da capitan Harlock col cannone a onde moventi

  2. # MAIROSSO

    Non è che possono portarsi in Giappone Nogarin e tutta la sua giunta?

    I livornesi sarebbero eternamente grati…. i giapponesi probabilmente ci dichiarerebbero guerra entro un anno o risanerebbero di tasca loro AAMPS ma con la preghiera di riprenderceli…

    1. # Iribar

      L’HANNO DATO IL GAGLIARDETTO DEL lIVORNO…….LI DOVEVANO DA’ ANCHE LA MAGLIA DI PROTTI

    2. # Hiro Niko

      La lingua batte dove il dente duole ! Notizia di ieri di un sindaco PD appena eletto ( uno dei pochissimi ) e subito arrestato..

    3. # STU

      Parla per te…ammesso che tu sia livornese

    4. # Dario

      Ma invece di dire chi deve andare via perchè non propone chi metterci? Altrimenti sono discorsi lasciati al vento

  3. # Mauro73

    quanto rosicate……………… dopo Torino e Roma la prossima scoppolata sarà il referendum di ottobre . . . . . . . mamma mia che scoppolate riprendete . . . . . . Renzi stai sereno.