Cerca nel quotidiano:


Maltempo, danni e alberi caduti. Auto in panne: in 4 salvati dai vigili del fuoco

Strade allagate nella notte e maxi lavoro per protezione civile, pompieri e polizia municipale. A causa della mareggiata è stato chiuso un tratto del lungomare per circa due ore

Sabato 21 Dicembre 2019 — 21:10

Mediagallery

Tantissimi gli interventi dei pompieri nella notte nelle prime ore della mattina di domenica 22. In via Costanza, nella foto principale, alberi caduti su auto in sosta

Il Centro funzionale della Regione Toscana ha emesso un nuovo bollettino che evidenzia un peggioramento delle condizioni meteo nella notte fra sabato 21 e domenica 22 dicembre. Per motivi di sicurezza dovuti alla forte mareggiata in corso, la Protezione Civile comunale ha chiuso al traffico il viale Italia per circa due ore (dalle 9,30 alle 11.45).
Nel corso della notte si sono registrati interventi legati ad allagamenti relativi al sottopasso di via Firenze con soccorso a quattro persone bloccate in una autovettura in panne. Altri allagamenti sono stati registrarti in viale Carducci e viale Ippolito Nievo sempre a Livorno. I vigili del fuoco sono intervenuti per alberi caduti o pericolanti soprattutto in provincia (Nugola, Rosignano M., Cecina, San Vincenzo, Porto Azzurro, Marciana). A Salviano, in via Costanza, a causa del forte vento, alcuni alberi sono caduti sulle auto parcheggiate in un cortile (nella foto principale) danneggiandole notevolmente.
Altri interventi per dissesti statici e caduta intonaci sono stati fatti in città in via Modigliani e via della Bassata). Complessivamente gli interventi effettuati dai pompieri sono stati, alle 10 del mattino di domenica 22, 31 in tutta la provincia dei quali 18 su Livorno, 3 zona Cecina- Rosignano – San Vincenzo, 6 in zona Piombino – Campiglia e 4 sull’isola d’Elba.
La quasi totalità degli interventi è dovuta al forte vento che ha spirato da ovest (da 275°) con velocità di  circa 70 km/h.
Continuano a pervenire richieste ed il Comando ha provveduto a potenziare gli organici ordinari con richiami di personale libero da servizio. Aperta la Sala Crisi in contatto con Prefettura, Provincia e comuni. Molti gli interventi portati a termine anche dai volontari della protezione civile della Misericordia di Montenero intervenuti nei luoghi di maggior criticità (come si può vedere dalle foto in pagina).
Nel dettaglio, per Livorno, permane l’avviso di criticità gialla per temporali forti e per rischio idraulico e idrogeologico del reticolo minore dalla mezzanotte alle 8 di domenica 22 dicembre. Criticità di colore giallo anche per rischio idraulico del reticolo principale fino alle 14 di domenica 22 dicembre. La criticità di colore giallo per vento passerà invece ad allerta arancione dalla mezzanotte di domenica 22 alle 23.59 di lunedì 23 dicembre. La criticità di colore giallo per mareggiate diventerà allerta arancio per mareggiate dalle 8 alle 23.59 di domenica 22 dicembre. A farne le spese il tratto finale del moletto San Jacopo in Acquaviva.

Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all’interno della sezione “Allerta meteo” del sito della Regione Toscana, all’indirizzo www.regione.toscana.it/allertameteo.

Riproduzione riservata ©

19 commenti

 
  1. # marco brilli

    Ore 11,45 Viale italia riaperta al traffico.
    Marco Brilli

  2. # Pasqua Gandolfi

    Un vento come quello di stanotte io non lo avevo mai sentito. Abito al V piano di un palazzetto di 7 piani in zona Magenta. Uscita sul balcone per ritirare oggetti che si spostavano, alle 5 e un quarto, mi sono spaventata. Il vento non mi lasciava camminare. La tenda che avevo legata alla ringhiera si è completamente stracciata e in parte è volata chissà dove.

  3. # Paolo

    Sarebbe opportuno togliere i pini dalla città, servono solo a creare danni a persone e cose, a sporcare con gli aghi, la resina, dissestare le strade , intasare le fogne ecc. ecc.. Bisogna agire il più presto possibile per salvaguardare l’incolumità dei cittadini, e non come al solito di aspettare le disgrazie, il clima sta cambiando dobbiamo correre ai ripari.

    1. # Livornina d’oro

      Bisognerebbe togliere la città da intorno ai pini.

  4. # Alessandro Ponticelli

    I pini sono belli, ma non adatti alle zone urbane. Hanno radici superficiali che possono causare il crollo dell’albero e dissestano le strade in maniera irreparabile (perché puoi tagliare la radice, ma così favorisci il crollo). Rami anche grossi e pine possono cadere su auto e soprattutto persone… Non sono nemmeno piante indigene, vengono dall’Oriente.. Mettiamo dei lecci, piuttosto…

    1. # pinetino

      Vengono messi con il beneplacito degli uffici giardini e anche di molti amministratori di condominio perchè costano poco, crescono alla svelta e fanno bella figura però vengono potati malamente nei rami più bassi alterandone l’equilibrio e poi vengono giù improvvisamente !

  5. # Simone

    Concordo con il commento sopra, io abito poco lontano da dove é stata scattata la foto di copertina, salviano é invasa dai pini, posti a pochi metri dalle finestre e proprio sulla strada, dove con le loro radici creano ingenti danni sia al manto stradale che alle auto, più di una volta abbiamo chiesto la loro rimozione ma niente, qui ci vuole una petizione con raccolta di firme da tutti i residenti

  6. # Marco

    La gente si incatena ai pini quando vogliono abbatterli e questi sono i risultati. I pini sono piante fragili. I grossi rami si impregnano come spugne quando piove appesantendosi e troncandosi, oppure non sono abbastanza flessibili per reggere il forte vento e si spezzano.

  7. # Virgilio

    Bravo, magari anche una bella gettata di cemento al posto del pino che causa aghi, resina etc…
    Finiamola con questi ragionamenti. I pini andrebbero piantati. A Milano Marittima ho visto pini che nonostante sia stato costruito a fianco delle abitazioni passano dentro i terrazzi e lei mi viene a dire di abbatterli.

    1. # 0586

      Infatti….basta potarli e mantenerli a dovere e non succede nulla,ma la gente parla parla tanto per dovere di cronaca!

    2. # Valerio

      Non si dice di toglierli e farci una gettata di cemento, magari sostituirli con alberi che non creino disagio…

  8. # Jhonny

    I pini vanno benissimo per il centro urbano..bisogna solo provvedere alle potature puntualmente e con professionalità..è normale che se non vengono potati bene si alzano troppo o si sbilanciano.

  9. # Immobilismo

    Io credo che una città che ha passato una tragedia come quella dell’alluvione non possa e non debba svegliarsi con le strade allagate per la pioggia della scorsa notte. È evidente che ci sono ancora molti problemi irrisolti e molte manutenzioni mia fatte da fare. Cosa aspettano le amministrazioni qualunque colore siano a mettere in sicurezza il territorio? Tanto per fare un esempio il sottopasso di via Firenze che si allaga da quando ero in fasce.

  10. # Marcello Adenza

    Vogliamo invece parlare di scarsa manutenzione del verde? Inutile girarci intorno, un pino potato regolarmente tiene bene il vento e le radici si fortificano, si puo’ benissimo convivere con pini sani e robusti ma se l’uomo non interviene si parla del nulla.

  11. # Marco

    I pini vanno piantati nei parchi non sopra strade, case e automobili. Per il verde urbano ci sono tanti altri tipi di alberi che non mettono in pericolo nessuno. Le foto parlano da sole. Un pino che cade butta giù anche una casa.

  12. # carla

    cari Virgilio e Marco i pini stanno bene nelle pinete come quella tra Cecina e Bibbona, ottimo tombolo verde , ma non nei brevi spazi tra palazzine o nei piccoli giardinetti dei palazzi di sette piani come in via Goito.
    In questi ultimi possono creare danni perchè crescono oltre il rapporto spazio-costruzioni. Ed allora meglio scegliere altre piante con altre radici e peso.

    1. # Valerio

      Concordo con la sig. Carla accanto a case i pini hanno delle radici che ramificandosi rompono asfalto e fognature quindi sostituirli con altra specie….

    2. # Virgilio

      Le ripeto…io non condivido…i pini vanno tenuti bene e non tolti…poi magari per piantare un alberello da 200 euro che tra 20 anni sarà ad altezza uomo…anche in Banditella stanno facendo per un nuovo nato un albero…ma sono piccoli…vedrai i benefici tra 20 anni….

  13. # Evaristo

    Gli eucaliptus crescono rapidamente, sono economici, non cadono e danno pure un buon profumo balsamico che allontana le zanzare. Come mai non vengono mai piantati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.