Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Marco: “Vi presento la mia nuova scultura di sabbia”

Lunedì 15 Agosto 2022 — 20:00

Nelle foto la bellissima scultura di acqua di mare e sabbia realizzata da Marco Quercioli: 45 cm di larghezza, 100 cm di profondità, 35 cm di altezza, 34 colonne

Dopo il castello della Disney tirato su nel 2021, il nostro lettore Marco Quercioli ha realizzato un Tempio di 34 colonne fatto di sola sabbia e acqua di mare. "Ecco come l'ho realizzata. Grazie al "mio" bagno Uappala per la collaborazione"

Ecco la scultura di sabbia 2022 realizzata dal nostro lettore Marco Quercioli a Tirrenia nello stabilimento che frequenta. Dopo il castello della Disney tirato su nel 2021 stavolta Marco ha realizzato una scultura che, come spiega, “prende ispirazione dal Tempio della Concordia sito nella valle dei templi di Agrigento”. Per realizzare l’opera, Marco ha dapprima studiato il contesto storico e preparato dei disegni in scala per cercare di riportala più vicina possibile alle dimensioni reali. Successivamente è stata necessaria una mezza giornata circa per realizzare uno stampo smontabile, con delle tavole, così da dare la forma rettangolare alla struttura. “A questo punto – prosegue – venerdì sera ho preparato in spiaggia al bagno Uappala che ringrazio per la disponibilità nel mettermi a disposizione varie attrezzature e spazi di lavoro, il cumulo di sabbia dove la mattina successiva ho posizionato la struttura in legno. Durante la giornata di sabato ho scolpito le varie colonne e i gradini del tempio. Fortunatamente domenica mattina il tutto era ancora in piedi e ho potuto fare le ultime rifiniture”.
Le dimensioni? Indicativamente sono 45 cm di larghezza per 100 cm di profondità e 35 cm di altezza, con un totale di 34 colonne. “Mia moglie mi ha supportato nel mantenimento della struttura, in quanto ha la necessità di essere continuamente nebulizzata. È stato realizzato soltanto con sabbia e acqua di mare”. Ormai facendo queste opere da circa sei anni per il bagno è diventato quasi un appartamento fisso, atteso un po’ anche dagli altri bagnanti, che durante la realizzazione seguono con curiosità e interesse l’opera. Bravo Marco!

Condividi:

Riproduzione riservata ©