Cerca nel quotidiano:


“Nessuna criticità dopo la scossa, dal 22 scuole aperte”

Il sindaco in conferenza stampa: "Scuole e uffici da lunedì 22 riapriranno regolarmente. Se riscontreremo qualcosa nelle prossime ore faremo interventi mirati e puntuali". Nel 2011 l'ultima scossa di 3.5 di magnitudo in città

Sabato 20 Novembre 2021 — 16:56

Mediagallery

“I controlli fatti fino ad ora, e gli ultimi in corso, non hanno riscontrato criticità: oltre 100 strutture pubbliche, di cui circa 85 scuole, controllate da otto squadre nell’arco della giornata dopo il sisma. Scuole e uffici da lunedì 22 riapriranno regolarmente. Se riscontreremo qualcosa nelle prossime ore faremo interventi mirati e puntuali”. Lo ha annunciato il sindaco nel corso di una conferenza stampa (diretta Fb) convocata alle 16 al centro di protezione civile al Picchianti dopo la scossa di terremoto registrata all’alba del 20 novembre. “Un evento sismico con magnitudo 3.5 non si verificava a Livorno dal 2011”, ha detto il Coordinatore del dipartimento tecnico del Comune Leonardo Gonnelli. Il primo cittadino ha poi snocciolato come si è messa in moto la macchina comunale dopo la scossa: ore 6:21,49 secondi la scossa di terremoto più importante; alle 6:31 primo contatto sindaco, comandante polizia municipale e dirigente Protezione civile del Comune: ore 6:55 decisione del sindaco di chiudere le scuole dopo una prima valutazione; ore 7:00 aperto il Centro di Protezione civile al Picchianti; ore 7:05 invio comunicazioni alla stampa/città; alle 12:50 era già stato effettuato l’80% di controlli con nessuna criticità rilevata. “E’ il primo evento naturale di un certo rilievo gestito con il nuovo piano di protezione civile adottato a giugno. E’ stato un modo per testare proficuamente il nuovo piano di Protezione Civile – ha rilevato il responsabile della Protezione Civile Lorenzo Lazzerini, verificando la celerità di azione della protezione Civile comunale e l’ottima collaborazione con tutte le altre Istituzioni del territorio, dai vigili del fuoco alla Regione”.
“Quello che ci muove in occasione delle emergenze è un atteggiamento di massima attenzione e cautela – ha dichiarato il sindaco – Ho visto tantissime persone operare con grandissimo impegno per dare sicurezza alla cittadinanza e gestire l emergenza. la macchina della Protezione Civile e gli uffici comunali spendersi con massimo impegno su questo fronte, e di questo li ringrazio”.

A seguito delle scosse sismiche che si sono verifiche a largo della costa livornese, quattro squadre di tecnici del Servizio Edilizia scolastica della Provincia hanno effettuato una serie di sopralluoghi in tutti gli edifici scolastici degli istituti superiori di Livorno, non rilevando danni dovuti a questo evento. Tutte le scuole della città erano, infatti, rimaste chiuse in via precauzionale per valutare la presenza di eventuali criticità alle strutture. Ma vediamo nel dettaglio come si è mossa la macchina della Protezione Civile comunale, in sintesi, nel racconto del sindaco:

– 6.21 scossa di terremoto
– 6.31 allertamento Protezione Civile con contatti tra sindaco, giunta e protezione civile stessa
– 6.55 dopo primi riscontri e valutazioni sul quadro di criticità decisione del sindaco di chiusura delle scuole
– 7.05 invio allert, messaggi di informazione alla popolazione e comunicati stampa e social per informazione alla città
– 7.11 la vicesindaco e assessore alle attività educative avverte dirigenti scolastici, servizi privati e scuole paritarie
– 7.26 tutta la comunicazione effettuata e cittadinanza informata
– 8.15 Ce.Si. aperto con presidio tecnico come prevede il piano.
– 8.25 ricevute telefonate d’informazione del presidente della regione Eugenio Giani, dell’assessora regionale Monia Monni e del responsabile regionale della protezione civile
– 8.33 organizzazione e inizio dei sopralluoghi tecnici delle strutture pubbliche con dirigenti e personale comunale
– 11.10 il 60% dei controlli su strutture pubbliche già effettuato. Nessuna criticità riscontrata.
– 12.50 l’80% dei controlli su strutture pubbliche già effettuato. Nessuna criticità riscontrata.
– 15.00 in corso verifiche presso scuole Carducci, ludoteche, e nidi comunali in concessione.
– 16.45 in corso nidi comunali in concessione.
– 17.00 completata la verifica su oltre 100 edifici.

Riproduzione riservata ©