Cerca nel quotidiano:


“Chiederemo gli autovelox per il lungomare”

Il sindaco deciso a dire "basta alle morti sulla strada. Scriveremo al Ministero". I familiari di Denise Fugi si faranno promotori per sensibilizzare i giovani sulla sicurezza stradale

lunedì 24 settembre 2018 13:52

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

“E’ una strage silenziosa. Dobbiamo dire basta a queste morti di nostri ragazzi sulla strada. Per far questo, oltre che cercare di intervenire a livello culturale nelle giovani generazioni, è necessario provare a far qualcosa da un punto di vista strutturale, come richiedere al Ministero una revisione del codice della strada, o delle sperimentazioni in deroga come è stato fatto per gli attraversamenti pedonali cromatici, che ci consenta di installare gli autovelox fissi sul lungomare, dal Metamare al ponte Santa Trinita” (clicca qui, in tema di viabilità,per la notizia sul semaforo di piazza Mazzini).
A parlare davanti ai media locali è il primo cittadino di Livorno, Filippo Nogarin, con a fianco (nella foto in pagina di Simone Lanari), i familiari di Denise, la 25enne che soltanto pochi giorni fa ha perso la vita all’altezza della curva dei Tre Ponti dopo uno scontro avvenuto mentre era a bordo del suo scooter con un’auto alle 3,45 del mattino. Saranno proprio loro ad essere i primi testimonial di una campagna per la sicurezza stradale che l’amministrazione comunale vorrà portare alla ribalta proprio partendo dai più giovani, dagli studenti delle elementari fino ai tanti adolescenti in odore di patente. “Ringrazio i signori Fugi – dice il sindaco Nogarin – la cui loro testimonianza nel dolore per noi livornesi deve rappresentare un gioiello. Con grande coraggio si trovano qui oggi con noi al fine di potersi fare portavoce nei confronti di tutti i ragazzi che si mettono alla guida dei loro scooter o delle loro auto ogni giorno e durante il weekend”.
“Gli amici di Denise hanno creato un fondo economico – spiega Stefano Fugi, padre di Denise – grazie al quale vorremmo dedicare, insieme al Comune, uno spazio verde cittadino dove creare degli eventi di sensibilizzazione alla sicurezza stradale in nome di Denise. Ma anche uno spot da poter far passare sui social e da proiettare agli studenti livornesi”.

Riccardo Pucciarelli foto Simone Lanari

Riccardo Pucciarelli (foto Simone Lanari)

Autovelox quindi e maggior attenzione alla guida lungo, specialmente, gli assi viari più “larghi” e dove solitamente si tende ad andare più veloce. “Non solo lungomare quindi – fa eco il comandate della polizia municipale Riccardo Pucciarelli – ma anche via Firenze, viale Boccaccio e viale Carducci. Anche qui sarebbe necessario poter richiedere l’installazione di autovelox fissi che al momento, sappiamo, non sono previsti nei centri abitati dal codice della strada”.
Il comandante Pucciarelli è poi passato ad enucleare, in questo senso, il numero degli incidenti rilevati dagli agenti nel periodo compreso dal 1° giugno al 15 settembre del 2018. “Sono 13 in tutto gli incidenti registrati– continua Pucciarelli – di cui due purtroppo mortali avvenuti nel nostro Comune (un terzo, in questo stesso periodo, relativo alla morte di Filippo Arpesani, si è verificato nel territorio del Comune di Collesalvetti ndr). Di questo numero totale, sette sono stati con omissione di soccorso, di cui per tre casi ancora non rintracciato l’autore. In un caso specifico dei tredici annotati in questi tre mesi, una persona alla guida è stata trovata positiva all’alcol test e in un altro caso, un’altra trovata in stato di alterazione dettata dall’assunzione di sostanze stupefacenti. Sei di questi incidenti, sul totale, hanno avuto esiti importanti da un punto di vista clinico con lesioni gravi o gravissime. Questi sono soltanto alcuni dati – conclude Pucciarelli – per ribadire come sia sempre troppo alto il numero di incidenti registrati nella nostra città. Ogni anno, lo ribadisco alla festa del Corpo, troppi incidenti. Nel periodo che va da giugno 2017 a giugno 2018 abbiamo registrato circa 1600 sinistri che per una città con la nostra morfologia, popolazione e conformazione rimangono sempre un numero fin troppo elevato. Bisogna agire da un punto di vista culturale, andando nelle scuole e intercettando gli studenti giovanissimi. La sanzione poi, non è che l’ultima soluzione”.

Riproduzione riservata ©

64 commenti

 
  1. # Emiliano

    Occorre installare le telecamere, la maggior parte degli incidenti sono dovuti a inversione.

    1. # MAsquared

      La mia opinione non è contro ma vuole confortarle tutte.
      Ciò che serve è che ognuno collabori a creare una migliore coscienza civica nel proprio nucleo e quello prossimo.
      La repressione non serve, serve la prevenzione e quindi insistere nel far comprendere.
      Non si puà avere timore di dire: non buttare gli oggetti per strada oppure ci sono un limite di velocità e delle regole da rispettare.
      Tanti di noi tacciono solo per timore di essere aggrediti, in questo le forse dell’ordine in generale dovrebbero avere un comportamento più collaborativo.
      I cittadini dovrebbero essere tutti più civili.

  2. # stefano 59

    Bene..sono d’accordo..più ce ne sono e meglio è..è diventato impossibile viaggiare in scooter con automobilisti che non mantengono distanza di sicurezza e vanno forte sfiorandoti e rischiando di darti una botta..negli ultimi 6 mesi mi hanno tamponato 3 volte! Ci sono persone assurde che vanno come pazzi! W gli autovelox!!

    1. # Marco

      hahahaha. gli automobilisti non mantengono la distanza agli scooter? semmai è il contrario a livorno è regola che gli scooter non mantengano la distanza di sicurezza e facciano sorpassi azzardati ambo i lati. quando guido oltre a guardare la strada devo anche schivare gli scooteristi

    2. # Abitante

      Ti hanno tamponato 3 volte perche magari passo a destra e tagli la strada ? O magari buchi stop o precedenze ? Siamo tutti indisciplinati ma fidati gli scooter fanno dei numeri da circo

    3. # gabriella

      caso mai sono le moto che viaggiano a velocita’ sostenuta, fanno gimkane e una cosa che mi resta impressa quando girano a destra per esempio, si allargano a sinistra e poi lo fanno,come se avessero un suv anziche’ una moto…via…

    4. # Elisa

      Scherza vero? È sempre l’esatto contrario .
      Io non so quante volte ho rischiato di essere investita sulle strisce, da questi guapponi 50 enni sugli scooteroni che vanno a velocità folle …

  3. # adriano

    viale di antignano viaggiano a oltre 100 km orari, con continui sorpassi nonostante la doppia riga continua

  4. # Aldo

    Non state facendo più i controlli stradali nè la municipale nè le altre polizie. La velocità non è l’unica infrazione pericolosa . Sul viale Italia inversionu a U, sorpassi su doppia linea continua, telefono sempre in mano, attraversamento pedoni fuori dalle strisce…
    Serve maggiore presenza delle forze dell’ordine a sanzionare i comportamenti irresponsabili.

  5. # Biclawyer

    Caro sindaco.. ormai è noto che gli autovelox servono solo per fare cassa… sopratutto quelli in postazione fissa.. una volta saputo dove sono basta rallentare… occorrono piani educativi per i giovani e la consapevolezza della guida..
    Teniamo conto poi che specie in scooter o più in generale sulle due ruote già a 50 km/h ci si può fare molto male.. quindi a quanto li tariamo gli autovelox? A passo d’uomo? … via via…

    1. # Ema

      Infatti hanno inventato successivamente i tutor

    2. # Ciuco74

      Quoto…soldi buttati…occorre piú educazione…come sempre

  6. # frapab

    Speriamo davvero che qualcosa si muova! Anche se la competenza è ANAS, prego il Sig. Sindaco di farsi partecipe per l’installazione di autovelox, nonché di telecamere, anche sul Romito e a Quercianella (qui erano stati promessi lo scorso anno, ma non si è visto niente!), dove i pericoli sono altissimi e le trasgressioni frequentissime.

  7. # Carlo

    vorrei che inoltre si usasse tolleranza zero ( VERAMENTE !!!!) per coloro che parlano al cellulare in auto, moto, scooter ed addirittura bici.
    Ieri una madre, in bici, con bambino piccolo sul seggiolino, con le borse della spesa al manubro, parlava al cell. e fumava anche una sigaretta …insomma una vera acrobata … quando io le ho fatto notare la pericolosità, da buona livornesa, mi ha ricoperto di insulti !!!

  8. # Nerd

    Caro sindaco, sono molto meglio i posti mobili con l’autovelox anche se a voi costa di più. Quelli fissi è risaputo che il giorno dopo vengono sabotati.

  9. # enzo

    La sanzione poi, non è che l’ultima soluzione”. Questo perchè non riuscite a incassarla! Abbiate il ( coraggio ) di multare , chi passa con il rosso chi telefona chi tiene bambini in collo chi tiene cani in giro per l’ auto,senza asicurazione senza revisione,ecc…. Troppo facile fare multe per divieto di sosta dove non è presente l’interessato. Io qualunque sia il colore la vedo una propaganda politica.

    1. # E basta

      L’una non esclude l’altra…sempre infrazioni da multare.

  10. # Stefano

    Signori,ok per l’autovelox, ma facciamo più controlli mirati all’abuso di alcool,e sostanze stupefacenti assunti,specialmente dal venerdì notte alla domenica notte.
    Consiglio anche di mettere un punto fisso di controllo alcol test all’uscita del Calafuria.

    1. # Rita

      Il pericolo è ovunque. Venite ad osservare cosa succede in via grotta delle fate. Quì sia macchine che motorini superano i 100km/h
      in qualsiasi orario. In questa strada abitano bambini ed hanno aperto un centro ludico un paio di mesi fa’. Vi prego di intervenire il prima possibile. È una via dove moltissime persone corrono, fanno camminate veloci e ci sono spesso donne in carrozzina che passeggiano verso il mare.
      È pericolosissimo. GLI AUTOVELOX sono i benvenuti.

  11. # Dredd

    Togliete i vigli in piazza Cavallotti a giocare a guardie e ladri con gli extracomunitari e mandateli a fermare quelli che con lo scooter pensano di essere immortali. Attendo di sapere quante multe sono state elevate per mancata precedenza sulle strisce pedonali. A cosa servirebbero gli autovelox? A darti a quanto andavi dopo che ti sei schiantato contro un muro?

    1. # fraLI

      Perfettamente d’accordo. Vedere quelle pattuglie di Vigili in piazza che passeggiano è una vergogna. Servono solo al consenso elettorale dei bottegai.

  12. # marco

    ma perche a firenze citta tutti i viali sono pieni di autovelox ? hanno cambiato la qualifica della strada come a corrimento veloce , ma anche qui queste strade sono a scorrimento veloce

  13. # Giorgio

    Con gli autovelox fissi succede come con quelli sulle strade extraurbane; tutti rallentano qualche metro prima e poi ripartono a tutta birra! Meglio sarebbero quelli mobili usati con continuità, ma senza quella legge “Acchiappacitrulli” che obbliga a segnalarli prima. Quando si circola in città si sa che non bisogna superare una certa velocità, per cui se qualcuno non la rispetta è giusto che debba pagare.

  14. # Monia

    Io farei controlli a tappeto, sia di sostanze stupefacenti che di uso di alcool all’uscita da ogni locale notturno o pub..e tanti autovelox o rallentatori. Nel punto dell’uscita della discoteca Calafuria più illuminazione e controlli.

  15. # Marco Sisi

    Se gli autovelox fissi in città non sono previsti dal Codice della Strada, com’è che a Firenze c’è pieno?

    1. # Karl

      Molti non sono più attivi, quelli attivi sono dove è stato riconosciuto alto grado di pericolosità.

  16. # Fabio1

    considerato che da tempo vi sentiamo parlare di modifiche alla viabilità, sarebbe opportuno che modificaste i vostri progetti tralasciando la realizzazione delle rotatorie ma realizzando dei dossi artificiali aumentando gli attraversamenti pedonali.
    in questo modo avremmo velocità più contenute da tutti i mezzi; traffico comunque scorrevole; senza l’installazione dei costosi (per l’acquisto la manutenzione e per il sanzionato) autovelox.
    La soluzione c’è, basta solo metterla in atto. Sono almeno 4,5 anni che ne parlate ma siamo allo stesso punto di 4,5 anni fa.
    Lodevole il gesto dei genitori di Denise nel voler sensibilizzare, soprattutto i ragazzi, a rispettare le norme di sicurezza in strada. Grazie

  17. # orco labronico

    Basta mettere i dossi dissuasori per rallentare il traffico nel rispetto del codice della strada. costano poco e si mettono in 1 giorno cad.
    Se tergiversiamo potremmo avere altri feriti o peggio con l’arrivo del tempaccio.

    1. # Gianluca

      Lo sa vero che rallentano anche i mezzi di soccorso?

      1. # Amaranto67

        C’avete fatto una testa con questi mezzi di soccorso! E devono rispettare il codice come tutti gli altri altrimenti anche loro sono un pericolo!

        1. # Gianluca

          Apparte che il codice della strada (art. 177) esonera i veicoli di emergenza della strada. Quindi quando una ambulanza va su un codice rosso, i vvf vanno su un incendio, le forze dell’ordine vanno su una rapina, solo per fare qualche esempio, secondo te devono fare 50 km/h, fermarmi ai semafori e tutto il resto. Per delucidazioni parla con chi ga questo lavoro, anzi, vieni a fare un po di volontariato su una ambulanza così quando parli lo fai a ragion veduta.

        2. # Cetriolo

          Si informi!

          Art. 177 comma 2 Codice della Strada:
          I conducenti dei veicoli di cui al comma 1, nell’espletamento di servizi urgenti di istituto, qualora usino congiuntamente il dispositivo acustico supplementare di allarme e quello di segnalazione visiva a luce lampeggiante blu, non sono tenuti a osservare gli obblighi, i divieti e le limitazioni relativi alla circolazione, le prescrizioni della segnaletica stradale e le norme di comportamento in genere, ad eccezione delle segnalazioni degli agenti del traffico e nel rispetto comunque delle regole di comune prudenza e diligenza.

        3. # Cetriolo

          Ministero dei Lavori Pubblici, direttiva del 24 ottobre 2000.

          “I dossi prefabbricati devono essere approvati; quelli eventualmente collocati su itinerari di attraversamento dei centri abitati, lungo le strade più frequentemente percorse dai veicoli di soccorso, di polizia o di emergenza, o lungo le linee di trasporto pubblico, devono essere rimossi.”

      2. # fabio1

        Togliamo anche i semafori perchè anche in quel punto i mezzi di soccorso rallentano.

      3. # fabio

        lo sai vero che senza dossi ci sarà bisogno di più mezzi di soccorso?

      4. # Alfonso

        Gianluca trovati un’altra scusa, in tutta EUROPA ( noi ci siamo dentro o no?)….I DISSUASORI ESISTONO e la Ambulanze vanno uguale a salvare i feriti…A meno che tu non abbia paura della dentiera….

  18. # tassoni

    ma speriamo. oggi ero li che facevo ginnastica (zona scoglio della ballerina) è passata una moto, avrà fatto 120km, roba da pazzi!!!!

  19. # Marco

    Gli autovelox non possono niente contro colpi di sonno ed inversioni ad U!! Se viaggiare deve diventare un patimento solo perchè con la scusa di far cassa devono piazzare autovelox ovunque con limiti di velocità impraticabili fate una bella cosa chiudete tutti i centri abitati alle auto e cacciate fuori i vaini e fate tram che passano ogni minuto e che vanno in ogni via. A Firenze la linea tram è eccezionale, a Livorno cosa avete fatto, signor vece per primo, oltre a disseminare la strada di ostacoli e congestionare il traffico per nulla?

  20. # luca

    Vanno messi anche sull’aurelia tra i rex e antignano.. altrochè!

  21. # Fabio

    Bravissimo, autovelox per incrementare entrate e sicurezza zero se volete veramente bene ai cittadini installate rallentatori come ci sono in tutti i paesi civili se vai veloce dopo il primo ti fermi e vai a piedi. Se uno va forte perché ha bevuto o è drogato l’autovelox manco lo guarda e rimane un pericolo.

    1. # acciuga

      ….. ma si becca il multone !!…i punti tolti che devi fare il corso per riacquistarli…. ma per cosa pensi che li mettano gli autovelox…. per le entrate, certo non per la sicurezza !!!

  22. # emme

    Mi sembra una battaglia persa. In una società in avanzata fase di degenerazione sarebbero troppe le cose da fare. Sensibilizzare i giovani nelle scuole? Ero piccino che veniva detto; e quanti anni occorrerebbero per sperare di ottenere qualcosa!.La scuole dovrebbero insegnare troppe cose, ma purtroppo non riescono neppure a fare quello che dovrebbero. La situazione sociale influenza anche queste, purtroppo. Fondi spesi male, poi contribuiscono a peggiorare le cose.Quindi ben vengano le azioni repressive, ma su tutti i fronti. Non solo su divieti di sosta e strisce blu.Il sequestro preventivo dell’auto dovrebbe essere esteso anche ai casi di mancato pagamento delle multe od altro

  23. # esiliato

    Non esistono ricette magiche. Purtroppo serve tempo per educare e far capire che i controlli ci sono … e però bisogna farli con continuità! Devo però dire da esiliato, che quando torno in città, percepisco una faciloneria diffusa nell’affrontare la strada, dai pedoni ai camionisti passando per tutte le categorie, in misura maggiore che altrove.

  24. # Virgilio

    Via Salvatore Orlando no? in assoluto è la strada dove le macchine vanno più forte. Due o tre anni fa il sindacato ha chiesto al sindaco di mettere un semaforo a chiamata o un autovelox. Lui è venuto ma ha detto che in quel momento non c’erano i soldi. La prossima tragedia è lì. Ogni giorno rischi al cambio del turno

  25. # Paolo

    Sig.ri vigili per cortesia vorrei conoscere come mai il rosso all’incrocio della rosa dura circa 15 secondi,di conseguenza i mezzi passano tutti con il rosso.Spesso mi sono ritrovato allo scatto del verde sulla mia corsia con qualcuno che arrivava “sparato” dalla parte opposta ,con le conseguenze che potete immaginre.Perchè non installate una telecamera che consenta di multare coloro che passano con il rosso.Tutto ciò rappresenterebbe un buon deterrente …od è meglio che prima ci scappi il morto…

  26. # Bimbone

    Sono tutti con il telefonino in mano….auto e scooter…ci vorrebbero leggi severe con ritiro immediato della patente x chi telefona mentre guida….poi vanno bene telecamere ed autovelox .

  27. # Berry

    DISSUASORI, DISSUASORI, DISSUASORI….Chi non li vuole perchè ha paura gli caschi la dentiera?…..

  28. # ahibodde

    ma cosa volete sperare? ora le macchine sono wifi, connect, tomtom, tra poco guidan da sé insomma si va in macchina a guardare i videi invece di guardare la strada, poi succede casino e ci si chiede perché

    1. # mi fate ride

      Si infatti. Dicono di non guardare il telefono poi sulle macchine moderne c’è ogni tipo possibile di optional che altro non è che fonte di distrazione. Poi anche le pubblicità di molte auto fanno vedere guidatori distratti da cose superflue che grazie ai sensori della macchina si fermano prima di tamponare qualcuno o di investire una bambina che va a scuola. Cosa si vuole sperare se si lanciano questi prodotti per di più con questi messaggi INEQUIVOCABILI?

  29. # Maros

    buongiorno
    volevo rilanciare un appello di “iniziare” magari a mettere un cartello di avviso a rallentare per ingresso in centro abitato già all’altezza dei cimiteri di antignano direzione nord per il passaggio in via del littorale perchè i veicoli sfrecciano davvero a forte velocità complice il rettilineo, non aspettiamo come al solito la prima vittima per iniziare.
    Dico rilanciare un appello perchè dal 2006, data in cui mi sono trasferita ad antignano, preoccupata per la forte velocità ho chiesto ai vari commercianti come mai in quella zona non ci fosse nè un cartello tanto meno dossi rallentatori, figuriamoci autovelox: la risposta è stata che loro avevano provato a lanciare appelli e comunicare con la allora amministrazione ma sono rimasti inascoltati. bisogna intervenire. grazie

  30. # Ivano

    Gli autovelox non servono a niente,ci vogliono i rallentatori ogni 20 mt solo in questo modo le auto e le due ruote rallentano,e telecamere a circuito chiuso,nella zona dei tre ponti gli scooter anno l’abitudine di tagliare la curva, è sul viale Italia ci sono molti automobilisti che fanno l’inversione di marcia a U . E togliere la patente di guida chi supera i 70 anni non hanno più i riflessi di un tempo

  31. # Paolo

    Viale Italia velocità massima 30 all’ora. Tante autovelox funzionanti in maniera alternata.Così a mio avviso, gli incidenti non possono succedere perchè a 30 all’ora come pigi il pedale del freno, sei fermo. Tutt’al più un coccettino.

    1. # mi fate ride

      Ecco il tipico commento fenomenale, quello di chi ha capito veramente tutto. Ma sai cosa c’è? Che vi ci starebbe bene che vi obbligassero a guidare per davvero a 30 per kilometri e kilometri. Guarda quando vai in macchina sul viale italia avvertimi perchè ti voglio vede coi miei occhi che non ti schiodi da 30!!!!

  32. # Stefano

    Ci vorrebbe che I vigili facessero bene il suo lavoro e non pensare solo a fare le multe…

  33. # luca di ardenza

    Beh! A questo punto dopo tutti questi commenti, consiglierei anche il coprifuoco.

  34. # fraLI

    E’ inconcepibile che un sindaco non sappia che gli autovelox non possono essere installati su strade come il viale Italia, né si possono installare dossi per rallentare le auto su percorsi privilegiati per i mezzi di soccorso. Il codice della strada lo vieta. Sta usando la tecnica di Salvini? Proclami e basta per prendere consensi? Lo strumento per il controllo della velocità i Vigili ce l’hanno, ma lo mettono sulla variante dove possono starsene in macchina e aspettare, sul viale Italia dovrebbero fermare i trasgressori e…addio voti!

  35. # Tom Mik

    Ia dove sono tutti i vigili?
    Io non ne vedo mai uno per strada!
    se, magari ogni tanto, i fosse un vigile lungo mare per multare chi va forte o fa invesione ad U non ci sarbbero problemi.

    1. # massimo

      prova ar barre vedrai li trovi 😀

    2. # Alfonso

      O davanti ala Comune…….

  36. # Cittadina

    Dissuasori di velocità,semafori a distanza ravvicinata e se necessario anche autovelox, tutto deve essere fatto per salvare anche solo una vita.
    Basta morti assurde.

  37. # michele

    che il semaforo di piazza mazzini non era regolamentare fu fatto notare qualche mese fa nel contesto stalli blu, e per tutelarsi dagli incidenti per cui sarebbe stato responsabile il comune è stato spento! a monte c’è un errore di progettazione della pista ciclabile costruita dopo il semaforo già esistente…dimostrazione dei geni che ci governano sono incompetenti! riguardo agli autovelox sono favorevole ma in concomitanza con più controlli da parte delle forze dell’ordine che non si vedono mai! riguardo le rotatorie sono invece scuse e spreco di denaro pubblico perché gli incidenti aumentano basta vedere i recenti sul viale nazario sauro!…io sono convinto che i semafori siano l’unica disciplina che gli automobilisti rispettano soprattutto se vengono messi quelli con le fotocamere….come ci sono lungo il viale a mare di viareggio

  38. # lido

    Caro sindaco gli autovelox o altro andrebbero messi anche ad Antignano in via del Littorale alcune moto o auto senza contare gli autobus sfrecciano ad altissima velocità incuranti del fatto che sono in un centro abitato.
    Prima o poi accadrà un incidente grave anche li è inevitabile
    Perciò prego intervenite

    1. # Giorgio67

      Pensa che in quel tratto pare si possano fare i 90. Chiedi in Comune !! Te lo dico perché sono già accaduti incidenti gravi

  39. # robb

    Potete mettere tutti i velox che volete ma non risolveranno assolutamente niente, basterà solo a far rallentare auto e moto solo in prossimità di essi per poi farli riprendere tranquillamente oltre i limiti di velocità.
    A questa città non servono Velox tutor o dissuasori(Pericolosissimi), basterebbe un minimo di senso civile a partire dagli insegnamenti in famiglia, non c’è una volta che esca di casa in moto e che un motorino (il solito scooterino 50/125) non mi sbuchi dal niente saltando precedenze, stop, semafori rossi, per non parlare della gente che in macchina non ha ancora imparato a stare nella propria corsia o a mettere una freccia ogni tanto. Sono tutte cose che causano centinaia di incidenti ogni anno e che velox / tutor non risolveranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.