Cerca nel quotidiano:


Nubifragio: 9 morti. Nogarin: stima danni per 3,78 mln. Eni: riaperta l’Aurelia. Rio Ardenza: via la passerella. AiutiamoLi e Comune: c/c per donare

Rimossa la passerella in acciaio lunga 50 metri, che sosteneva la tubazione della fognatura, completamente distrutta dalla furia delle acque. Mercoledì 13 settembre alle 16, in Duomo, si sono svolti i funerali della famiglia Ramacciotti-Garzelli. Quilivorno.it ha rispettato la richiesta della famiglia non pubblicando immagini o resoconti della funzione

Mercoledì 13 Settembre 2017 — 06:30

Mediagallery

E’ stata trasmessa alla Regione Toscana la richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza per l’alluvione del 10 settembre scorso (in fondo all’articolo trovate le prime foto e i video inviati dai lettori e le immagini aeree dei vigili del fuoco). La richiesta porta la firma congiunta di Filippo Nogarin, sindaco di Livorno, di Alessandro Franchi, presidente della Provincia di Livorno e sindaco di Rosignano Marittimo, e di Lorenzo Bacci, sindaco di Collesalvetti.

Aperta una inchiesta – La procura di Livorno ha aperto un’inchiesta. Si indaga per disastro colposo. Al momento non risultano indagati.

La stima dei danni del nubifragio – clicca qui.

AiutiamoLi e un fondo del Comune di Livorno, al via raccolta fondi per le famiglie colpite dal nubifragio (clicca qui per i dettagli).

Rimossa la passerella nel rio Ardenza – Eseguita, grazie ad una gru della società Bettarini, la rimozione della passerella in acciaio lunga 50 metri che sosteneva la tubazione della fognatura, 350mm, per l’attraversamento del Rio Ardenza, completamente distrutta dalla furia delle acque. Il peso dell’infrastruttura rimossa si aggira intorno alle 20 tonnellate. La tubazione trasportava le acque della fognatura nera dalla stazione di sollevamento dei Tre Ponti (illesa) al depuratore del Rivellino, posizionato nel quartiere Venezia. La potenza delle acque ha spostato di circa 300 metri la pesante e grande struttura in acciaio. Contestualmente inizieranno i lavori per posizionare la nuova tubazione, tramite sonda teleguidata, direttamente sotto il Rio Maggiore.  Tale moderna tecnologia è già stata utilizzata da Asa a Stagno per realizzare una tubazione. Ciò consentirà in tempi brevissimi la messa in servizio della nuova condotta fognaria.
La società Ireti, del gruppo Iren, si è immediatamente attivata, lasciando un cantiere a Viterbo, per diventare operativa a Livorno dal 13 settembre. Nessun giorno è stato perso nella pianificazione ed esecuzione dei lavori per consentire una veloce normalizzazione della situazione.

I funerali delle vittime – Si sono svolti mercoledì 13 settembre alle 16, in Duomo, in forma strettamente privata, i funerali della famiglia Ramacciotti-Garzelli. Le esequie di Roberto, Simone, Filippo Ramacciotti e Glenda Garzelli erano  aperte alla cittadinanza ma la famiglia ha chiesto espressamente di escludere telecamere, fotografi e giornalisti in chiesa né cariche ufficiali delle Istituzioni con fasce e gonfaloni vari. Per questo motivo la redazione di Quilivorno.it non mostrerà ai suoi lettori alcuna immagine o alcun resoconto delle esequie.
Stessa modalità per il funerale di Martina Bechini in programma per mercoledì ore 16 alla cappella mortuaria del cimitero dei Lupi. L’ultimo saluto a Raimondo Frattali è stato alle 11 alla chiesa della Santa Annunziata dei Greci in via della Leccia. Nessuna funzione funebre invece per Roberto Vetusti la cui salma è stata trasportata dalla camera mortuaria direttamente al tempio crematorio. Per la famiglia Ramacciotti-Garzelli alle 10 di mercoledì 13 settembre è stata aperta la camera ardente al Duomo dove si sono portate centinaia di persone per l’ultimo saluto alla famiglia.

Viabilità a Stagno – E’ stato riaperto mercoledì 13 settembre nel pomeriggio il tratto di Aurelia a Stagno davanti alla Raffineria Eni la cui chiusura, per consentire le operazioni di rimozione acqua e detriti aveva causato non pochi problemi alla viabilità in quel settore. Stagno infatti risultava isolata dalla città di Livorno se non tramite la Variante che, proprio perché unica via, in queste ore risultava congestionata nelle ore di punta.

Ritrovato il corpo dell’ultimo disperso – Salgono a nove i morti in seguito alla “bomba d’acqua” (tra le 2 e le 4 sono caduti sulla città di Livorno oltre 250 mm) che ha colpito la città nella notte fra il 9 e il 10 settembre. La mattina di martedì 12 settembre le squadre dei vigili del fuoco, composte da unità del Nucleo Sommozzatori, da specialisti SAF Fluviali e del Nucleo Cinofili, hanno individuato e recuperato il corpo di Gianfranco Tampucci (67 anni), ultima persona dispersa nell’esondazione del Rio Maggiore. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Livorno insieme alla Misericordia di Antignano. Della salma si è presa cura poi il servizio funebre della Svs subito dopo. L’uomo, trascinato brutalmente dalla piena del rio esondato, è stato rinvenuto a circa 800 metri dalla sua abitazione di via Sant’Alò.
L’ottava vittima è stata invece ritrovata nel pomeriggio dell’11 settembre, nel giardino di una villa in zona Tre Ponti. Lì giaceva privo di vita il corpo, trascinato per circa 3 chilometri, di Martina Bechini, la ragazza livornese di 34 anni dispersa da domenica 10 settembre. Si era sposata il 15 luglio ed era tornata dal viaggio di nozze i primi di agosto. Il marito di Martina, Filippo Meschini, si è salvato (ritrovato in gravi condizioni di salute in via Pacinotti, all’Ardenza la mattina di domenica 10 settembre) ed è attualmente ricoverato in ospedale.
Le altre persone decedute a causa  dell’alluvione sono Simone Ramacciotti, la moglie Glenda Garzelli, il figlio di 4 anni Filippo, e il nonno Roberto Ramacciotti deceduti all’interno dell’abitazione in viale Nazario Sauro all’alba di domenica 10 settembre. Il nonno abitava nell’appartamento sovrastante il piano terra e sarebbe stato proprio lui a cercare di salvare il piccolo di 4 anni rimanendo incastrato nel fango e nei detriti. Ramacciotti è riuscito a salvare solo l’altra nipotina, Camilla, di 3 anni. Nulla da fare per il figlio e la nuora.
A perdere la vita a causa del nubifragio è stato anche Raimondo  Frattali, 70 anni. E’ stato trovato morto in via della Fontanella. Frattali, bancario in pensione e amante della caccia, era in compagnia della moglie Cristina quando alle porte dell’alba di domenica 10 settembre è stato sorpreso dal maltempo. L’uomo è rimasto incastrato nella sua villetta in zona Montenero Basso. Sua moglie è riuscita a mettersi in salvo salendo sul tetto della casa.
Altra vittima è il giovane di 22 anni, Matteo Nigiotti, morto in un incidente stradale sulla SS. A 06 lungo la via Emilia, poche centinaia di metri a nord del bivio con Santa Luce. Le cause del terribile scontro, un frontale fra due auto che procedevano in direzioni opposte, sono da accertare. Nella strage causata dall’alluvione da annoverare anche Roberto Vestuti di 74 anni.

Nuove aree stoccaggio rifiuti – A tutela delle condizioni igienico-sanitarie e ambientali, e per garantire la gestione dei rifiuti urbani generati dall’emergenza, il sindaco Nogarin ha emesso un’ordinanza contingibile ed urgente in materia di smaltimento dei rifiuti di diversa tipologia provenienti dai siti alluvionati (tronchi, radici, rifiuti ingombranti, RAEE ed altri materiali prevalentemente non separabili dal fango, nonché veicoli).
Premesso che Aamps mantiene il suo consueto servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani, l’ordinanza prevede che fino a mercoledì 13 settembre i cittadini e i soggetti coinvolti nelle operazioni di emergenza, possono conferire nei seguenti punti di raccolta:
– parcheggio tra via Gioberti e via Allende per i rifiuti urbani;
– parcheggio tra via Allende e via Cattaneo (area esterna davanti al centro di raccolta Aamps) per i rifiuti urbani ingombranti;
– area adibita a spettacoli viaggianti presso il Modigliani Forum per il parcheggio dei veicoli;
– parcheggio di via del Littorale, nei pressi della sede della proloco di Quercianella, per i rifiuti urbani;
– parcheggio ai “Tre Ponti” per i rifiuti urbani;
– parcheggio in Via di Montenero (prima di piazza delle Carrozze) per i rifiuti urbani;
– via Peppino Impastato, nei pressi della rotatoria, per i rifiuti urbani.
Da giovedì 14 settembre, si potrà invece conferire soltanto in due aree: il parcheggio tra via Gioberti e via Allende per i rifiuti urbani, e il parcheggio tra via Allende e via Cattaneo (area esterna davanti al centro di raccolta AAmps) per i rifiuti urbani ingombranti.
I veicoli rinvenuti nel corso delle operazioni di gestione dell’emergenza vengono invece collocati nell’area parcheggio in prossimità del Modigliani Forum di Porta a Terra (quella destinata agli spettacoli viaggianti). Tale area è controllata dagli stessi soggetti coinvolti nella gestione dell’emergenza.
Entro il 15 settembre Aamps procederà alla rimozione dei materiali presenti nel parcheggio di via del Littorale a Quercianella, nel parcheggio dei Tre Ponti, in quello di via di Montenero e in via Peppino Impastato, in vista del ripristino della destinazione d’uso di tutti i siti di stoccaggio individuati, che avverrà al termine di tutte le operazioni.

L’aiuto della Banca di Castagneto – clicca qui.

Il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti (foto Lanari e clicca qui per la diretta Fb del ministro) – “Sono qui, anzitutto, per portare la vicinanza del governo alla città e per dire che questa tragedia che viviamo oggi a Livorno non crediamo sia per l’Italia una situazione di emergenza. Sarebbe un gravissimo errore. I cambiamenti climatici ci impongono un cambiamento di passo. Perciò io dico ai sindaci: puntate tutto, in attesa di un autunno difficile, sulla manutenzione della città. Bisogna pulire tombini e fiumi. E mi appello anche alle Regioni affinché le centinaia di milioni stanziate in questa legislatura per le infrastrutture vengano spese bene e in fretta”.

Divieto di balneazione su tutto il litorale livornese – Il sindaco ha emesso una ordinanza di divieto temporaneo di balneazione, in via provvisoria e precauzionale, su tutte le aree del litorale per tutelare la salute pubblica. A seguito del violento nubifragio e dell’ondata d’acqua della notte scorsa, la piena dei rii che attraversano l’area urbana di Livorno ha interessato anche le infrastrutture dei servizi fognari e dei sollevamenti in molti punti della città. Sono pertanto interdette alla balneazione-  fino alla comunicazione da parte di Arpat degli esiti favorevoli dei campionamenti delle acque– le seguenti zone: “BELLANA”, “NETTUNO”, “TERRAZZA MASCAGNI”, “PIAZZA MODIGLIANI”, “SAN JACOPO”, “ACCADEMIA SUD”, “SCOGLIERA LAZZERETTO”, “SANTA LUCIA”, “RIO FELCIAIO”, “ROTONDA D’ARDENZA”, “RIO ARDENZA”, “RIO BANDITELLA”, “ANTIGNANO”, “ANTIGNANO SUD”, “AMERIGO VESPUCCI”, “MIRAMARE-MAROCCONE”, “CALAFURIA”, “CALIGNAIA”, “ROGIOLO”, “QUERCIANELLA”.

 

Riproduzione riservata ©

132 commenti

 
  1. # Eli

    Manca la luce alle sorgenti

    1. # Chiara

      Viale Ugo Foscolo ancora senza luce

    2. # Luca

      Ad ora che sto scrivendo ore 19,12 dell 11 settembre, sono 25 ore che sono senza corrente in via Paganucci, zona non colpita dalla calamità…menomale che ENEL ha detto di essere stata efficiente!

  2. # Paolo

    Hanno funzionato perfettamente tutte le vasche di colmata costruite dopo il ’93.

    1. # Andrea

      Zona 5 querce siamo allagati.Ti riferivi a quelle vasche vicino a via del Giaggiolo?

  3. # Sonia

    Un macello la signora che abita sotto di noi quindi al piano terreno a la casa allagata

  4. # Luca

    Alla guglia niente luce..

  5. # Paolo

    Via della bassata niente corrente

  6. # antonio favino

    Il primo pensiero va a chi a perso la vita.
    Per quanto riguarda invece i danni, forse non possiamo e non dobbiamo dare solamente la colp a la tempesta che si è abbattuta sulla città.
    Ad Ardenza il fiume ha straripato allagando garage e distruggendo auto, anche a causa dei detriti che hanno otturato la luce sotto il ponte sul rio ardenza, detriti e resti delle strutture posticce del locale sorto sulle macerie della vecchia carrozzeria ardenza.
    Quanto di costruizuine regolare e non abusiva c’era?
    Questa risposta la pretendiamo noi che abbimo subito i danni.

    1. # ANTONIO FAVINO

      NON CI SONO PAROLE PER RINGRAZIARE I VOLONTARI TUTTI, IN PRIMIS I RAGAZZI, PER IL LAVORO ED IL SOSTEGNO MORALE CHE DA IERI, CI STANNO DONANDO. I CONDOMINI DEL CONDOMINIO GHISLERI, SARANNO LORO GRATI PER TUTTA LA VITA.

    2. # ANTONIO FAVINO

      NON OPPORTUNA E FUORI LUOGO LA POLEMICA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ROSSI. MENTRE LUI PARLA, NOI LIVORNESI TUTTI, SINDACO IN TESTA, STIAMO LAVORANDO. “ROSSI, DIVENTA UN PO’ PIÙ LIVORNESE, RIMBOCCATI LE MANICHE E SPALA IL FANGO, O PERLOMENO STAI ZITTO”

      1. # Favicchio

        Carissimo Favino,
        Le maniche rimboccate il tuo sindaco ce l’ha come sempre (con le mani appoggiate alla vita).

        1. # Antonio Favino

          Ognuno ha il suo ruolo. Il Sindaco (che non è mio, ma della città), ha il suo. Tu, se vuoi, vieni a darci una mano in via Ghisleri, che abbiamo tanto bisogno di aiuto.

  7. # Nena

    Certamente davanti a tanta violenza si rimane impotenti ma se fosse stata fatta un po’ più Di prevenzione i danni sarebbero stati minori. I tombini non possono ricevere se coperti e mai puliti

  8. # Gadi Polacco

    COMUNICATO STAMPA
    ————————————-
    LA COMUNITA’ EBRAICA DI LIVORNO, IN SEGNO DI LUTTO PER I TRAGICI EVENTI CHE HANNO COLPITO LA CITTA’ , NELL’ESPRIMERE CORDOGLIO PER LE VITTIME E VICINANZA A QUANTI HANNO PATITO DANNI, RINVIA LE INIZIATIVE PREVISTE PER IL POMERIGGIO PER LA GIORNATA EUROPEA DELLA CULTURA EBRAICA 2017.

    La Comunità Ebraica di Livorno esprime le proprie condoglianze dinanzi alle vittime causate in queste ore dal maltempo ed è vicina a quanti hanno patito danni e alle Istituzioni chiamate ad affrontare questa difficile prova.
    In segno di lutto ritiene opportuno rinviare , a data da destinarsi, le iniziative previste per oggi pomeriggio a Villa Henderson in occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica 2017.

    Comunità Ebraica di Livorno Onlus

    Livorno, 10 settembre 2017

  9. # marco62

    La famosa tassa fiumi e fossi come viene gestita? È vero che è un’ondata eccezionale ma è anche vero che se i letti dei fiumi e dei suoi piccoli affluenti fossero curati forse si potevano ridurre i danni. Comunque aldilà della polemica un caro ricordo va sicuramente alle persone che sono decedute.
    Caro Sindaco il famoso allerta meteo non ha funzionato, ho sentito che ha dichiarato che non eravate stati avvertiti, ma chi vi doveva avvertire se non l’ufficio stesso della Protezione civile di cui Lei ne è a capo? Siete una manica di incompetenti.

  10. # Danny

    Ma si potrebbe sapere il nome dei dispersi ??? In modo che qualcuno possa dare notizie !!!

  11. # Andrea Giani

    Bellissima mia Livorno, solo due giorni fa ti ho lasciato dopo tanto tempo che non ti riabbracciavo forte forte. Oggi il cuore si ferma davanti alla furia del maltempo che si porta via anime labroniche. Un pensiero di amore per chi è volato in cielo e un abbraccio grandissimo a tutti i miei concittadini flagellati dalla violenza dell’acqua. Forza Livorno!!!

  12. # Marco

    Questa è la risposta della natura ai continui danni provocati dall’uomo.

    Le temperature di questa estate e la mancanza prolungata di pioggia sono una prova tangibile di quello che ci aspetta nei prossimi mesi.

    Condoglianze ai familiari delle vittime.

  13. # Max

    Bisogna dire che nell’alveo del rio ardenza erano cresciute piantagioni di canne anche nel tratto dal ponte dell’ardenza al mare. L’ente preposto si è ben guardato dal fare pulizia. E che dire della foce, sempre interrata? Ora piangiamo, ma poi le responsabilità andranno accertate.

    1. # Stella

      Concordo! Il letto del fiume a Ardenza era sparito sotto la vegetazione, cresciuta bella rigogliosa! Rossi dice che il Consorzio di Bonifica aveva pulito gli alvei dei fiumi e dei rii, sì, col cavolo!…

  14. # Dante

    In via del vigna manca ancora la luce

  15. # Cuore Liburnia

    Il Consiglio di Amministrazione della CLS, Cuore Liburnia Sociale, esprime la propria vicinanza e solidarietà verso i nostri concittadini colpiti dalla tragedia di queste ore. Inoltre ringrazia tutti gli operatori che nonostante il momento di grande difficoltà, hanno garantito la continuità nell’erogazione dei servizi.

  16. # Matteo

    Un pensiero per Raimondo caro collega di tanti anni, ed un abbraccio alla famiglia. Matteo

  17. # Livorno123

    Caro sindaco, invece di pensare a costruire le rotatorie e a fare le piste ciclabili, pensi a mandare qualcuno a sturare tutti i tombini della città.

    1. # Fulmine

      Un commento peggiore non potevi farlo …..

    2. # Fulmine

      Ottimo commento ..!!!! Di meglio non potevi sicuramente scrivere complimenti

    3. # Populista e Leghista

      Caro Livorno 123 quando fanno le piste ciclabili e le rotatorie beccano i vaini dall’Europa invece fare manutenzione nei letti dei canali o pulire i tombini devono tirare fori i soldi loro,ecco perché non lo fanno

  18. # Stefano Di Bartolomeo

    La nostra città e stata devastata, morti , interi quartieri o frazioni di Livorno allagati o sommersi dal fango, ponti e alberi crollati argini di fiumi che hanno ceduto alla furia del’ acqua.
    Centinaia di persone ,Vigili del Fuoco, Protezione civile Associazioni di Volontariato da ieri stanno lavorando per soccorrere e aiutare chi ha bisogno.
    Il mio pensiero va alle vittime alle loro famiglie il mio ringraziamento a tutti i soccorritori alle forze dell’ordine.
    Livorno saprà rialzarsi.
    Stefano Di Bartolomeo
    Presidente Anmil Livorno

  19. # Gp

    Ma è possibile allertare i cittadini se peggiora l’allerta meteo mi ricordo che ogni tanto venivano mandati per provare sms da parte della protezione civile. Ma chi è il capo della protezione civile a Livorno forse il Sindaco?

    1. # Orso

      Io abito forse ad un chilometro e mezzo in linea d’ aria dalla palazzina dove e’ successa la tragedia .Se stamani non aprivo il pc e accendevo la tv ,non mi sarei accorto di niente …
      Sono fenomeni imprevedibili , dovresti dare allerta per ogni perturbazione che arriva .

      1. # Karl

        Qualcuno ha sottovalutato il fenomeno atmosferico. Già la Liguria al mattino aveva emanato il codice rosso. Un ragazzo 24 enne empolese appassionato di metereologia con una pagina in FB, aveva previsto una ondata di fortissimi temporali ,tanto da scrivere che la Toscana sarebbe stata la Regione in Italia più colpita.

  20. # Enrico

    Una cosa schifosa riguarda l’ENEL che nonostante si chiami per sapere quando sarà il possibile rispristino di energia in Via Montebello e zone limitrofe, ( che manca dalle prime ore del mattino ) non risponde e non si fa sentire nemmeno tramite email. In un Paese civile dove i consumi vengono pagati a peso d’oro, almeno i servizi nei momenti in peggiori dovrebbero rispondere con cortesia e comprensione. Ovvio che la cosa non finirà così.

    1. # Francesco

      È domenica il personale è ridotto e quello che c’era è stato dirottato dove serve (a Pisa)

      1. # Enrico

        La tua ti pare una risposta eh?

  21. # Elevat Ascensori S.r.l.

    Gent.li lettori,
    a seguito della triste e devastante emergenza che ha colpito la nostra città, vi preghiamo e vi raccomandiamo di non usare gli ascensori e segnalare, alla vostra azienda di manutenzione di fiducia, qualsiasi essa sia, la presenza di acqua nella fossa dell’ascensore e, se possibile, staccate la corrente dell’impianto.

    Vi ringraziamo per l’attenzione e vi salutiamo.
    Elevat Ascensori S.r.l.

  22. # Francesco

    Quercianella senza luce da 13 ore

  23. # Chiara

    Quercianella ancora senza luce!!!!

  24. # Antonio Caprai

    Il cambiamento climatico è una realtà. Ne dobbiamo tenere conto e prepararci ad affrontare con grande professionalità e collaborazione con e fra i cittadini. Mi metto a disposizione, appena trascorsa l’emergenza (ora è questione di protezione civile) per cercare di evitare altre tragedie. Chi vuole può rintracciarmi per telefono oppure al Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa. Per posta elettronica a: [email protected]

  25. # Entecollinelivornesi?

    Ma quei bollettini che paghiamo delle colline livornesi a cosa servono ? Senza polemica ma qualcuno mi deve far capire ….

  26. # max

    Al posto delLa foce del rio ardenza , s’era creata una spiaggia che ha fatto tappo al regolare deflusso in mare e tutti lo sanno, invece di liberare l uscita a mare del rio sé pensato alle alghe, non costava nulla prendere la sabbia e buttarla a sx. Al dila della Cordigliera.Condoglianze per le famiglie che hanno perso i propri cari, e che serva di lezione per le generazioni future almeno spero.. Massi

  27. # Mario di Borgo

    Una qualche responsabilità e’ da attribuire alla scarsa manutenzioni degli scarichi delle strade, vediamo come il nostro sindaco gestirà questa grave calamità, la situazione è drammatica, se non ci fossero state le Associazioni di Volontariato e la Croce Rossa le conseguenze sarebbero state ancora più drammatiche. La generosità e’ il carattere migliore dei livornesi nei momenti di grave difficoltà e le Istituzioni…???…Ricordiamo che a Livorno ci sono diversi presidi militari, perché non intervengono…???….i mezzi ci sono e sono efficienti….

  28. # Cicci

    Vorrei dire dove vanno a fini i vaini della tassa sulle colline visto gli eventi di stanotte

  29. # Livorno

    Un grandissimo plauso a tutti noi livornesi con il cuore enorme che in questi momenti viene fuori.condolianze a quelle famiglie che hanno subito un lutto

  30. # Michele

    E’ facile in questi momenti dare la colpa a destra ed a sinistra, accusare il sindaco di non aver fatto determinate cose, ecc, piuttosto pechè non insegnamo noi genitori ai nostri figli a non buttare pacchetti di sigarette, bottiglie, lattine, brick, bicchieri, ecc. dentro le feritoie, ai bordi delle strade? L’educazione, a quanto pare, non fa parte della nostra cultura!!!
    Guardiamoci in faccia, una parte di colpa di questa tragedia è nostra!!!
    CONDOGLIANZE SINCERE AI FAMILIARI DELLE VETTIME

  31. # Max

    Vorrei fosse fatta una semplice, banalissima riflessione: come è possibile che in una città come Livorno , che non ha nel proprio perimetro urbano nessun corso d’acqua degno di questo nome ma solo dei minuscoli canali, anche in presenza di un evento climatico certamente eccezionale, possiamo avere un’alluvione di questa portata, con danni ingentissimi e soprattutto con numerose vittime? Io credo che sia necessario accertare le eventuali responsabilità, per dare ai cittadini tutti le risposte che è giusto far pervenire.

    1. # Ranieri

      Un ragionamento del genere lo puoi fare per una città in cui tutto funziona e dove la gente s’impegna per il proprio miglioramento. In questo caso avrebbe senso stupirsi. Ma sei a Livorno, non poteva che andare così. Manca la cultura di base, in questo contesto è impossibile fare prevenzione.

    2. # Giovanni

      per quanto riguarda il rio maggiore, parte come un autostrada a grande circolazione poi allo stadio si trasforma
      in una provinciale dove in molte occasioni l’ingorgo è inevitabile e lo scarico in mare è poco più di un buco

  32. # pepe

    sindaco allarme arancione o rosso cosa cambia ci si metteva tutti a fermare l’acqua e agguantare i muri ? invece di fare rotatorie piste ciclabili e semafori assurdi bisogna stasare i tombini e pulire le foglie che intasano le fogne tutti gli scarichi sono pieni . il sottopasso alla stazione si allagherà sempre è all’aperto chi l’ha progettato e deve esse un genio!

  33. # Divo

    Un grazie alla CEI che ha elargito 1 milione di euro alla Caritas per l’emergenza e fronteggiare i pruni soccorsi a Livorno, la Chiesa sempre vicina nelle calamità.

  34. # Anacleto

    Sorgenti via della fiera di Sant’Antonino , via Modigliani , ancora senza energia elettrica da stamani alle 03.30!!

  35. # Bruno

    Elargito ciò che gli italiani elargiscono con 8permille.

  36. # Ilario

    I frutti della tassa sulla bonifica si vedono tutti. Non avevo dubbi, erano (e sono) soldi ben spesi — e che risultati! Complimenti & tante grazie, al prossimo bollettino.

  37. # Sicurezza

    Ieri ho costantemente monitorato il meteo e verso le 24 segnalava allarme rosso e bastava vedere i temporali con copiosi fulmini x capire lo stato di emergenza a colline e’ successa l’esondazione dopo le 04.00 c’erano almeno 4 ore x far intervenire la protezione civile. Un ns. amico si e’ trovato in pochi minuti con l’acqua all’altezza della gola e solo per miracolo e’ riuscito a forzare a buio le porte chiuse contro la forza impetuosa dell’acqua ed uscire all’aperto. Andavano messi dei presidi lungo gli argini a tutela dei cittadini.

  38. # benedetto

    Ho il sospetto che í laghetto artificiale in zona fonte all’amore sia esondato, creando un’onda che ha portato con sé detriti ed alberi caduti. L’onda con i detriti ha fatto diga al ponte di collinaia formando un grande lago che poi ha fatto più a valle un effetto tipo Vajont raggiungendo l’altezza dei guardrail del ponte in via grotta Delle fate. Penso che solo una onda di questo tipo avrebbe potuto raggiungere quella altezza.

  39. # Ricc

    Siamo tutti d’accordo che questo e’ stato un evento eccezionale, ma se si faceva un po’ di prevenzione pulendo gli alvei dei torrenti in secca da mesi e sturando tutti i tombini visto che sono in gran parte otturati da sporcizia di vario genere, forse avremmo avuto qualche danno in meno non credete?A chi spettano questi lavori?Che qualcuno si assuma le sue responsabilita’.

    1. # Gioia

      Il consorzio di bonifica, i soldi li prende però!

  40. # Ignazio

    Ma la tassa delle colline cosa si paga a fare? E poi finitela di dire che era imprevedibile. Dopo un’estate così cosa ci si poteva aspettare se non una pioggia così violenta? Quindi andavano puliti per bene tutti i corsi d’acqua, senza parlare di quelli tombati.
    Ci provano a prendere in giro i cittadini, con termini come bombe d’acqua …..dovevano prevenire…e non lo hanno fatto.

  41. # Allerta meteo

    Alle 00.40 di sabato ho mandato un msg a mio figlio perche’ era allerta meteo ROSSO.

  42. # Protezione civile

    Nel 91 in collinaia c’era stata una piccola esondazione la zona e’ conosciuta x questo pericolo perche’ non hanno allertato la protezione civile?

  43. # andrea

    Forte puzza di gas o altri idrocarburi in zona Fabbricotti ma credo in tutta la città

    1. # luk

      c’è una grossa perdita di idrocarburi in porto , zona Ugione . Forse è un grosso sversamento proveniente dall’Eni !!!! ora… ore 14.35 del 11.09.2017

  44. # Libero

    Consorzio di bonifica idraulica di Livorno, se ci sei, batti un colpo!

  45. # Sandra

    Via Montebello senza energia elettrica. Enel dovrebbe comunicare qualcosa, invece nulla………

  46. # Orso

    Io mi ricordo quando fu coperto il rio vicino all ‘ Ardenza . Dato che , a causa di QUEL rio , si e ‘ verificata una STRAGE , e’ giusto che vengano accertate responsabilita ‘ PASSATE , relative a lavori , permessi e concessioni .
    E responsabilita’ ATTUALI , ossia la CORRETTA MANUTENZIONE .
    Da un punto di vista di responsabilita’ istituzionale ovvio che quelle passate ricadano su chi governava allora , non certo sulle amministrazioni precedenti .
    Pero’ chi governa adesso non puo’ cavarsela con una sfumatura di colore ; con l’allerta rossa il rio avrebbe ucciso comunque …
    Suona TRAGICAMENTE beffardo aver sentito solo poco tempo fa parlare di citta ” ” green “, solo perche’ si sono ristrette le carreggiate delle strade per mettere qualche pista ciclabile …
    Ed un’ altra cosa sulle responsabilita’ ; e’ facile criticare quando non siamo al timone.Mi ricordo le critiche di Grillo al sindaco di Roma Alemanno per la nevicata , per non parlare dell’ alluvione di Genova .
    Qui ci sono stati PIU’ MORTI CHE PER L’URAGANO IN FLORIDA .
    E non e ‘ accettabile . Che vengano fuori , senza far sconti a nessuno , responsabilita’ statali , regionali , PROVINCIALI ( a che servono e quanto costano questi enti ?),comunali . Per non parlare del CONSORZIO DI BONIFICA DELLE COLLINE LIVORNESI , quello che ci spedisce puntualmente il BOLLETTINO DI PAGAMENTO .

    1. # ANGUS

      Concordo in pieno. Giusta analisi. C’è da aggiungere, non detto da me, ma da esperti, che il Rio Ardenza e tutti gli altri (si parla di fiumiciattoli, no del Rio delle Amazzoni), erano invasi dalle canne che hanno fatto tappo. Forse, dico, forse, con un po di manutenzione i danni sarebbero stati minori. Al solito c’e da chiedesi, dove vanno a finire i soldi versati al Consorzio di Bonifica. Forse a pagare lo stipendio di 150 impiegati e 5 operai?.

    2. # Orso

      Correggo due sviste :
      Il rio cui mi riferivo e’ ovviamente quello coperto vicino allo STADIO ; e la responsabilita’ della costruzione delle opere fatte in passato ovviamente non ricade sull’ amministrazione ATTUALE .

  47. # Bigfoot

    Come sempre in questi casi la corresponsabilità è di diversi attori anche se l’evento è totalmente straordinario per la nostra zona, difficile prevedere questi scenari e soprattutto evitare disastri come questo episodio.
    Scusate se vado controcorrente, però i forti temporali sono iniziati sabato sera alle 20:30, era stato diffuso l’allerta meteo anche se arancione e non rossa. Io NON sarei rimasto a dormire nei piani bassi dell’abitazione, sopratutto se si trova in un seminterrato sotto il livello del piano stradale. In passato mi è successo ho avuto un’esperienza simile in nord Italia e mi ero spostato a dormire al primo piano. Ci vuole sempre Coscienza nel gestire la propria vita e quella dei propri familiari.
    Un abbraccio a tutti i parenti delle vittime e a chi è stato colpito duramente da questo cataclisma.

    1. # Orso

      Non vai controcorrente ; vai solo contro lo scaricabarile . Pratica italica che mette d’ accordo TUTTI I PARTITI , vecchi e nuovi .
      Nessuno escluso .

  48. # Andrea

    La prima cosa che e’ riuscito a dire il sindaco alla TV nazionale e’ una disquisizione sul colore…..la prima cosa che ha detto il governatore Rossi e’ che lui aveva mandato il bollettino e quindi era a posto…pensate sempre e solo a voi……VERGOGNATEVI ! TUTTI !!!!

  49. # Gp

    Ho sentito alla radio rai un intervista ad un funzionario nazionale della protezione civile che ha detto una cosa riguardo l’allarme arancione che rappresenta il grado più elevato di allarme in presenza di torrenti e piccole vie d’acqua se così fosse e penso che un responsabile non dica alla radio nazionale cos’è non vere sarebbe molto grave quello sostenuto dal sindaco di Livorno che l’allarme arancione era un allarme non pericoloso e pertanto non tale da allarmare la popolazione ( non vi sembra molto superficiale il suo atteggiamento)

  50. # Kristy

    Specie con un estate senza pioggia come quest’anno occorreva manutenzione di pulitura letti e sponde dei torrenti e delle fognature. Almeno per limitare i disagi.

  51. # Giulio

    “Sindaci: occorre manutenzione della città. Pulite tombini e fiumi”

    Io non simpatizzo per Nogarin, ma prima tolgono i fondi ai comuni poi escono con queste affermazioni. E ovviamente la coperta è corta. Se sistemi una strada, mancano da una parte, e così via.

    Certo, l’unico pensiero immediato è che i fondi invece che andare in piste ciclabili inutili e rotatorie che hanno solo peggiorato il traffico cittadino, fossero andati per questi lavori di manutenzione sarebbe stato sicuramente meglio.

    E d’ora in avanti andranno per FORZA previsti sempre più fenomeni del genere quindi necessariamente fatte operazioni di bonifica e manutenzione.

    Ma è un discorso così, da profano, dettato solo dal buon senso. Vanno poi viste tante cose, credo….

  52. # Bozzolo63

    Scusate ma se ficordo bene fino a non molto tempo fà anche per le allerte gialle mandavano un sms a chi si era registrato addirittura partiva una chiamata sul fisso, a me ne sono arrivate alcune, poi più nulla anche sabato sera non cè stata allerta tutto silenzio, vorrei ricordare che un’anticipo lo aveva dato alle 21.00 con uno scroscio che ha allagato viale carducci e parte dell’aurelia. Mi sa che la macchina della protezione civile abbia dormito un pò.

  53. # Lorenzo

    Dobbiamo rivedere la progettualità cittadina in base a queste nuove modifiche climatiche allargando e scavando in profondità per quanto possibile i canali come il Rio Maggiore e programmando almeno una volta l’anno in estate un completo check un dei corsi e pulizia dei tombini. Dobbiamo piantare più alberi anzichè abbatterli, perchè e loro radici tengono fermo il terreno che altrimenti frenerebbe portandosi via tutto il fango. Una volta queste bombe d’acqua erano solo immaginazione e in questi anni ogni amministrazione comunale se ne è lavata le mani. È’ ora di ripeterlo all’infinito: PREVENZIONE, PREVENZIONE, PREVENZIONE!!

  54. # lev

    La manutenzione dei corsi d’acqua? ma l’avete viste le foto dall’alto dei vigili? in particolare quella dello Stillo…l’alveo appare una striscia insignificante nei confronti della superficie occupata dall’acqua esondata…Occorre ridare spazio ai fiumi e rivedere le scelte urbanistiche nelle zone a rischio…ci sara’ sempre la possibilita’ di eventi disatrosi..nessuna opera potra’ mettere al sicuro gli edifici costruiti in zone di espansione

  55. # Riccardo Carboncini

    cosa abbiamo fatto per meritarci questo ?

  56. # donatella

    Morire perche’ non siamo leggere un avviso di percolo,perche’ investiamo i ns soldi in propaganda o pseudo progetti
    di citta’ utopistiche sullo stile di Topolinia,dove il rappresentante della citta’ non ha avuto un momento per ricordare
    i morti,o dare conforto a chi si trova nel fango.Ecco se un ministro bacchetta i sindaci ,un motivo ci sara’;
    e sopratutto io eleggo il sindaco perche’ le sue scelte il suo lavoro mi rappresenti,perche’ mi faccia vivere meglio,
    perche’ io cittadino sia tutelato ,perche’ abbia un lavoro,una casa,delle cure, ho tutto questo? e non parliamo dello scempio delle paiante

  57. # Orso

    Un’ amara osservazione .
    Se uno dalla tv della propria citta ‘ volesse avere aggiornenti su vendite di materassi e di vasche da bagno , non avrebbe problemi.
    Per avere notizie in tempo reale del PIU’ GRANDE DISASTRO DEL DOPOGUERRA , invece , meno male che c’e’ Rete4 …
    Idem per il canale regionale , forte di ben 49 giormalisti , per il cui bel servizio pubblico ci fanno pagare il canone in bolletta elettrica .

  58. # Prevenzione?

    e’ sicuramente presto prima di esprimere la propria opinione su questo evento catastrofico che ha colpito Livorno in maniera tragica, ed esprimere vicinanza e solidarietà’ e il minimo che si possa fare ..
    ma sentire i politici parlare e scaricare colpe e sentenze fa veramente male soprattutto in questo momento.
    Si il solito teatrino … indipendentemente dal colore.
    Personalmente o notato Circa 14 , 15 anni fa una struttura costruita o ricostruita sotto il ponte del Rio Ardenza.
    Ne fui sconcertato da subito al tempo .. ma come e’ stato possibile ottenere permessi e costruire una civile abitazione all’ altezza del Rio ? Forse anche al di sotto. Bo’.
    Ho sempre pensato che prima o poi sarebbe successo qualcosa da ricordare in malo modo.
    Ovviamente questo enorme diluvio a coinvolto ben altro e distrutto tutto quello che ha incontrato.
    Credo inoltre che dopo questa catastrofe andranno riviste le leggi per dare abitabilità’ e permessi a civili abitazioni nell’arco di determinate centinaia di metri, voglio dire non puoi permettere di far dormire famiglie sotto il livello dei rii torrenti e fiumi.Anche questa e’ prevenzione certo non basta solo tenere pulito.
    Una cosa sono oggetti o cose che si tengono garage altro valore anno le persone.

  59. # joannis

    Se non erro il Ministro ha detto più pulizia tombini e fiumi. Faccio notare che in tutta la città sono anni che i tombini non vengono puliti. Vi sono tombini colmi di terra con erba che vi cresce e di conseguenza anche i tubi sottoterra sono pieni di terra, poi vi sono alcuni tombini che ci sono nate piante di fico (vedi piazzetta davanti lo scoglio della Regina) ed alcuni tombini colmi terra con era sul viale Italia dal cantiere Benetti in giù. Poi chiedo per i fiumi non dovrebbe pensarci il Consorzio di bonifica ? VISTO E CONSIDERATO CHE OGNI ANNO INCASSANO SOLDI PER LA BONIFICA E NON FANNO NULLA? CHE FINE FANNO TUTTI QUEI SOLDI ? CI SI PAGANO LO STIPENDIO? LO DICANO AL MINISTRO DOVE VANNO A FINIRE I SOLDI PER LA BONIFICA:

  60. # Morchia

    Sono schifato (a nemmeno 24 ore dal disastro e dalla tragedia) dalle polemiche sul colore dell’allarme (Nogarin), su quello che doveva fare il comune (Galletti e Rossi), la regione, il consorzio di bonifica, su dove va o dovrebbe andare il Sindaco (vedi commenti di Gazzetti)!!!!
    Ora si deve pensare ad aiutare la gente in difficoltà: cari politici, pochi discorsi in televisione, alla radio e meno interviste, per lo scaricabarile in cui siete campioni del mondo c’è tempo, ora TESTA BASSA E PEDALAREEEE!!!!!! Il popolo livornese non vi merita e ve lo sta dimostrando coi fatti. Abbiate l’umiltà di mettervi al servizio – perché questo dovete fare – di chi sta spalando mota dalle case. Grazie!

    1. # Giudice

      Riposati, perché per Livorno questa tragedia è la più grande delle sconfitte. Non si dimostra di essere una città capace nella tragedia, lo so dimostra nella vita si tutti i giorni e in questi i livornesi sono maestri di fallimento.

      1. # Andrew

        Giudice ti voglio sindaco di Livorno…hai scritto parole sacrosante…grazie…da domani dobbiamo avere più rispetto per le nostre città, i gesti dei singoli,i comportamenti improntati a senso civico e rispetto per le cose valgono cento volte le scelte dei politici…il cambiamento arriva dal basso…

      2. # madmax68

        Giudice….ma ti posso tocca!!!!! Se un piace vai via!!!! I livornesi faranno bene non ti preoccupare.

        1. # Franco Rossi

          Uno che scrive un commento con questi contenuti vai tranquillo che non vive a Livorno. Troppo lucido e ragionato per essere di un livornese.

      3. # Morchia

        L’altro messaggio probabilmente non me lo hanno pubblicato perché ritenuto offensivo nei tuoi confronti. Il tuo, invece, che offende tutti i livornesi in un momento in cui non ne abbiamo proprio bisogno, lo hanno pubblicato.
        Cercherò di risponderti in modo pacato. I livornesi hanno molti difetti, ma certamente non hanno nessuna responsabilità in ciò che è successo. La colpa sta nella cattiva gestione del territorio, che fa capo alle varie amministrazioni (comunale, provinciale e regionale) che si sono succedute nel tempo. Ora, queste stesse amministrazioni, nei loro attuali rappresentanti, farebbero bene a parlare poco e lavorare tanto, ma tanto, ma tanto tanto, per rimediare il rimediabile, anziché perder tempo in inutili polemiche.
        Il tuo commento è quindi assolutamente fuori luogo, inopportuno e privo di rispetto per chi soffre. Ed è altresì evidente che sei uno di quelli che non si sono bagnati nemmeno i piedi.

        1. # Andrea Risaliti

          E invece ha ragione! Anche le amministrazioni che chiami in causa tu son fatte da persone, anche loro sono livornesi come noi. Siamo incapaci come classe dirigente e perdenti come cittadini.

          1. # Orso

            Credo , e spero di aver capito , che Giudice dica che i Livornesi dovrebbero cercare di fare bene anche oltre l’emergenza.
            Emergenza dove i Livornesi non stanno facendo bene , e giuro che ho i brividi e le lacrime agli occhi mentre lo scrivo .
            STANNO FACENDO BENISSIMO .
            E i primi sono proprio ragazzi giovanissimi , I BIMBI , proprio quelli che tante volte noi “adulti” , io per primo , accusiamo di menefreghismo , di stare sempre con il telefonino in mano .
            In questi giorni sono a centinaia , motorino e PALA IN MANO .
            SCUSATE per il giudizio che a volte diamo di voi , e GRAZIE .
            Purtroppo , per motivi seri , non posso aiutare fisicamente .Aiutero’ in altri modi , lo dico per evitare battute stupide .
            A Firenze nel 66 ebbero gli Angeli del fango , accorsi da tutto il mondo .
            A Livorno un e’ accorso nessuno , e I BIMBI DER FANGO ‘un hanno fatto discorzi .
            MOTORINO E PALA e via , dove serviva .
            Gli andrebbe fatto un monumento , con la pala in mano sul motorino .
            AI BIMBI DER FANGO, la citta ‘ di Livorno .

          2. # Andrea S.

            Ragazzi per favore basta…io purtroppo sono all’estero per lavoro a 2000 km…è due giorni che piango…..non vi posso leggere…..ha ragione Orso…ora zitti e lavorare…..fatelo anche per me…potessi verrei a piedi…vedere su tutti i telegiornali europei la mi Livorno in quello stato mi sta sconvolgendo….per favore uniti e avanti !

  61. # divo

    Adesso o dimissioni volontarie del Sindaco, mantenendo inalterata l’inchiesta della Procura della Repubblica sulle responsabilità derivanti dalla mancanza di manutenzione degli scarichi stradali, tombini e delle aree prospicenti i bacini esondati, oppure procedere con il Commissariamento, i presupposti sono tutti presenti. Livorno vuole sicurezza non polemiche inutili sul colore dell’ allarme…..

  62. # orestino

    Disastro colposo, le responsabilità maggiori sono ascrivibili a chi doveva effettuare o vigilare sulle manutenzioni di scarichi tombini ed argini dei bacini. A nulla sono valse le segnalazioni dei cittadini al Comune, l’allerta doveva essere fatta dal Sindaco. Adesso dimissioni o commissariamento…..non ci sono alternative. Qui siamo incapaci a prendersi anche le responsabilità.

  63. # basta

    Occorre il cambiamento di passo, il Sindaco deve fare il suo mestiere, manutenzione dei bacini e manutenzione dei tombini, non e’ stato fatto alcunché in questi anni, dimissioni o commissariamento. Senza il Volontariato le Associazioni e la Croce Rossa la situazione sarebbe ancora più drammatica, il resto immobilismo con polemiche sulle responsabilità, adesso si deve fare non fare discorsi pleonastici.

  64. # walter

    L’operatività e la gestione dell’allarme spetta al Sindaco, il colore, rosso o arancione, e’ afferente alle dimensioni del Territorio. Qui non e’stato fatto alcunché. Non ci rassegneremo, la città conta più morti di un uragano in Florida, la responsabilità sulle conseguenze e’ solo di chi non ha vigilato né sulla manutenzione dei tombini né sul corso dei bacini d’acqua. Dimissioni….

  65. # Claudia tampucci

    Grazie di cuore bimbi della curva e non solo perché ci avete aiutato oltre fisicamente anche moralmente…siete i numeri 1. Per quanto riguarda l’esercito…ma cosa aspettate a mandarli…vergogna!

  66. # Una mamma

    Un abbraccio a giusy e marco per la perdita della giovane nuora. Con affetto

  67. # Enrico

    ” Il Consorzio di Bonifica è un Ente che progetta, esegue, mantiene e gestisce opere di bonifica, concorre alla realizzazione delle attività di difesa del suolo per contenere alluvioni ed evitare gli allagamenti…..” Davvero complimenti! Un ente che invece invia bollettini della tassa medioevale con puntualità estrema!

  68. # Alessandra

    solidarietà per l’accaduto, ma guardando cosa è successo la colpa non si puo dar a nessuno, è stato un evento UNICO che negli anni addietro mai nessuno si sarebbe aspettato, le condizioni meteo della nostra penisola stanno mutando e ahime livorno, genova, la spezia e tutta questa parte di costa nord occidentale ne hanno subito e ne subiranno le conseguenze.
    Comunque campioni del mondo in politica a cercare il pretesto per scalzare il 5 stelle usando ogni avvenimento per andargli contro invece di pensare alle persone che sono per strada.
    Ho visto che qualcuno si lamenta del non intervento VOLONTARIO dei militari, li mi sono un attimina basita, perchè se uno allo stadio urla 10 100 1000 nassiria e fa continuamente l’aggressore nei loro confronti, come pensate che vi possano minimamente aiutare se non comandati? Perchè sinceramente se io tratto il mio vicino male per una vita e nel momento del bisogno gli chiedo una mano, a meno che non sia un SANTO dubito questi mi aiuti volentieri se non obbligato a farlo, e siccome le forze in campo sono tante, protezione civile, vigili del fuoco, 118 e non me ne voglia chi sto dimenticando, l’esercito non è stato mobilitato. Per quelli che pensano che manutenzionando i corsi d’acqua si sarebbe potuto evitare vi comunico che per 1 METRO QUADRATO DI TERRENO A LIVORNO sono caduti 250 litri d’acqua in 2 ore, è una cosa impossibile da prevedere ne tantomento da contrastare.

    1. # Cotetino imbestialito

      Ma cosa stai dicendo…l’esercito non esce volontariamente perché allo stadio urlano contro di loro???? Ti ricordo che l’esercito è un organo dello stato e quindi dovevano essere i primi ad uscire….quando ci sono da fare le missioni all’estero ben retribuite non si fanno certo pregare….

  69. # nedo

    Che tristezza…. ma vi sentite? sembrate i famigerati politici che tanto criticate, solo che loro sparlano dal seggiolone…. e voi lo fate dalla tastiera… al loro posto fareste lo stesso…

  70. # rena

    Un consiglio al sindaco ,di piantarla lì con la polemica del colore dell’emergenza anche se avessero dato allerta rosso sarebbe stato uguale , avrebbe dovuto far evacuare ardenza collinaia in via n.sauro in un giorno e mezzo non so se ci sarebbe riuscito invece deve cominciare a pensare come risolvere il problema dei torrenti tombati e fare qualcosa per aiutare il deflusso delle acque ai tre ponti a Genova stanno deviando il Bisagno proprio per evitare queste cose e a quanto si legge sulla stampa ci sono anche i soldi per fare questi lavori gli enti devono presentare i progetti possibilmente non in tempi biblici

    1. # Alvaro Giusti

      Abbi rispetto. Prova a metterti nei suoi panni. Sarà indagato per omicidio colposo e disastro colposo. La sindaca di Genova si è presa 5 anni per la stessa situazione. Nogarin ormai è politicamente finito, chi vorrebbe un sindaco o un amministratore o un politico che porta un simile fardello??

      1. # ALBERT

        Non è che il dottore gli ha detto di fare il Sindaco

  71. # marco60

    sono d’accordo anch’io con le dimissioni del sindaco perchè a pisa il sindaco oltre ad avere il nostro codice arancione ha fatto transennare le principali vie di allagamento e alla gente di stare all’erta invece il nostro sindaco è stato negligente.Dimettiti Subito

  72. # orestino

    Non aspettiamo niente da questa Amministrazione Comunale, non illudiamoci solito immobilismo, sono incapaci di gestire queste emergenze, stessa cosa a Roma e nelle città presidiate dal Movimento Cinque Stelle. Se non ci fosse il Mondo del Volontariato, la Croce Rossa e la Caritas la gente sarebbe ancora in preda alla paura per l’alluvione. Hanno la grande responsabilità del mancato allarme per evacuare le zone, la responsabilità per la manutenzione dei tombini degli scarichi e delle aree prospicenti i bacini. Ma a queste cose ci penserà la Procura della Repubblica, in attesa delle dimissioni o del più che probabile Commissariamento. Ci sono nel mezzo morti e case distrutte.

  73. # Marco

    Scusate ma cosa credete che 3 anni di governo Nogarin avrebbero potuto risanare i disastri architettonici dal 1945 al 2013? Vogliamo parlare di chi ha reso abitabile una buca? Di chi ha dato i permessi per costruire case nel letto dei torrenti e via discorrendo? Nogarin secondo la vostra testa avrebbe dovuto demolire mezza città e ricostruirla di sana pianta. Il caro governatore Rossi invece che quando lo intervistano alla televisione sembra il messia sceso in terra in 10 anni di carica non poteva pensare di liberare i canali ostruiti da 30 anni? È lui la prima carica politica in toscana.

  74. # Nacci

    Voglio ringraziare di cuore tutto il personale viaggiante dei treni che percorrono in ambedue i sensi la tratta Livorno-Quercianella della tirrenica. Stamani ero ad aiutare i miei suoceri (solo garage allagati) che abitano in via Scozia alla scopaia. Mi sono accorto che TUTTI i treni che transitano,quando arriva no all’altezza della stazione di ardenza terra,fischiano in onore delle vittime.Grazie Ragazzi, anche questo ci fa piacere!

  75. # gabri

    ma se invece di piangere sul latte versato in comune e anche nei rimanenti uffici ambientali della provincia si studiasse a fondo il problema ed invece di inventere bidoncini per la differenziata ecc..ecc..si assumesse persone magari stagionali con l’intento di pulire i torrenti, i rii e le fognature non sarebbe meglio? in collinaia c’e pieno di posti con le canne.tutte piegate, tutte con sacchetti di plastica e sporco all’estremita’.ma non vi viene mai in mente di fare queste cose. per tutta l’estate non c’e mai stata acqua. era tutto asciutto. si puliva benisssimo.Ah gia’! ma si deve fare le riunioni di giunta poi 60 giorni per accettarle,poi si deve organizzare.si fa prima a morire!

  76. # Claudina

    VI chiedo in favore, aiutate le famiglie che abitano in zona Limoncino Via del Cerro,Via delle Vallicelle, sono rimaste isolate a causa del ponte rotto, il commune non ha fatto nulla per adesso, si parla di ripristinare una strada chiusa 50 anni fa,che passa su dei terreni di proprieta’ e I residenti intanto sono li che aspettano che si risolva la situazione,perche’ ci sono persone che devono andare al lavoro, bambini e anziani che hanno bisogno di assisatenza,di cibo e di tantissime alter cose.
    Capisco che ci sono tantissimi altri posti allagati e famiglie sfollate,ma non LASCIAMOLI SOLI ad aspettare che qualcuno decida il da farsi.Grazie

  77. # Condominio via ghisleri

    A quasi 4 giorni dall’evento i condomini di via Ghisleri sono ancora senza acqua e luce, ci può aiutare qualcuno in modo tale da poter sistemare ciò che ci rimane?? Basterebbe già un collegamento provvisorio all’acquedotto…
    Un grazie all’esercito ed ai tanti volontari che con noi hanno spalato tonnellate di fango e detriti.

  78. # Orso

    A Firenze avevano gli Angeli del fango , che accorrevano da tutto il mondo .
    A Livorno non e’ accorso nessuno , e quei giovanissimi livornesi , I BIMBI, che accusiamo spesso di menefreghismo , di maleducazione , di stare sempre col cellulare in mano , alla zitta hanno preso in mano LA PALA , e col MOTORINO sono andati dove serviva un aiuto .
    I BIMBI DER FANGO.
    Mi vengono i brivido , vi ho visti a centinaia , pieni di mota , trafelati ,BIMBE E BIMBI BELLI COME IL SOLE .
    Spero che un giorno la cittadinanza vi dedichi UN MONUMENTO , sul motorino con la pala in mano .Ve lo deve .
    GRAZIE BIMBE , GRAZIE BIMBI , e scusate per il giudizio troppo superficiale che a volte diamo su di voi .

  79. # Mediceo

    Nonostante non sia un simpatizzante di Nogarin non penso, in tutta coscienza, che sia il momento di fare certe affermazioni ne di buttarsi a piè pari su eventuali responsibilità politiche. C’è un momento per piangere, c’è un momento per commemorare e c’è un momento per ricostruire. Ho sentito e letto tante cose in questi giorni. È una mancanza di rispetto non individuare gli eventuali responsabili di ciò che di gravissimo è accaduto ma lo è anche il parlare estemporaneamente, fuori luogo.
    C’è un momento per tutto. Ci sarà anche per questo sicuramente, non dubitate.

  80. # baby

    La protezione civile doveva avvertire e presidiare .. non partecipare attivamente dopo il disastro…. la prevenzione non e’ nel nostro DNA e soprattutto nel nostro portafoglio …comunque poi si vogliono i condoni di baracche costruite in posti improponibili …e allora decidiamo da che parte stare. Il dolore piu’ grande è che il destino porta via sempre i migliori … giovani vite che avrebbero cercato di costruire un mondo migliore ….

  81. # gianfranco

    scusate tutti, ma invece di dilettarvi con espressioni inutili andaste a da re una mano a quei ragazzi splendidi che stanno spalando mota?io non posso perché a 76 anni ho dato al volontariato 12 anni della mia vita-grazie

  82. # gianfranco

    scusate utti,ma invece di dilettarvi con espressioni inutili andaste a da re una mano aquei ragazzi splendidi che stanno spalando mota?io non posso percè a 76 anni ho dato al voontariato 12anni dellamiavita-grazie

  83. # Marcello

    Personalmente ho segnalato piu’ volte al Comune la pericolosita’ e la trascuratezza nonche’ mancanza di pulizia, SCRITTO ANCHE LA PAROLA AI LETTORI SU QUESTA RUBRICA ti hanno risposto???? SEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

  84. # Anna

    Foce del Rio Ardenza chiuso per la spiaggia e Riomaggiore? Chiusa pure quella…. forse …non è dato sapere e all’interno dell’Accademia nessuno controlla e tutti stanno zitti

    1. # Andrew

      Tradotto in italiano comprensibile cosa vuol dire il suo commento? Cosa chiede esattamente?

      1. # ANNA

        ..AAAA…ENDRIU…HO DETTO CHE LA FOCE DEL RIO ARDENZA è PIANO PIANO DIVENTATA SPIAGGIA….. ATTREZZATA DOVE TU PRENDI IL SOLE D’ESTATE ….è SEMPRE STATA SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI, MENTRE LA FOCE DEL RIO MAGGIORE NON è VISIBILE DAI CITTADINI PERCHE’ RIMANE ALL’INTERNO DELL’ACCADEMIA…VATTELA A VEDERE VAI…MAGARI SU GOOGLEEARTH E POI DIMMI CHE VEDI….SE I TORRENITI HANNO LA FOCE CHIUSA…DOVE PENSI CHE SCARICHINO …

  85. # Delusa

    Sono contenta che ci siano stati tanti aiuti in alcune zone interessate perché da noi non si è visto nessuno se non due con le pale ma senza cariola le segnalazioni fatte al numero 824000 risultati niente anzi siamo ancora in attesa di sapere dove andare ad approvvigionarci d’acqua…siamo un condominio di 12 famiglie non aggiungo altro…

  86. # PaoloC

    Questa mattina ho scritto al sindaco Nogarin di aiutare gli abitanti delle zone alluvionate chiedendo ad ASA che per almeno 19 giorni eroghi gratis o a prezzo bassissimo l’acqua che sarà sicuramente usata per ripulire dal fango. Ancora non ho avuto risposta. Sapete che bolletta arriverà tra due mesi? Vi lascio immaginare.

  87. # Traf

    Anziche stare a scrivere commenti inutili venite a darci una mano colla pala.
    Boni solo a fa discorsi da piazza cavallotti..

    1. # Andrew

      E lei vada a letto presto invece di andare oltre la mezzanotte per scrivere questi commenti provocatori o magari faccia tardi ma per leggere un buon libro che insegna anche bene l’italiano. In tal modo domani sarà più riposato e lavorerà più ore con la pala. Cordialmente.

      1. # ALBERT

        Questa non l’ho capita. Le va bene se scrivo a quest’ora

  88. # Fabrizio

    Volevo allegare una foto…come posso fare ?

  89. # Arconada

    La responsabilità è del fenomeno abbattuto si Livorno e nessuno ci poteva fare niente. Il Comune era nella possibilità di informare dettagliatamente coloro che erano in pericolo facendoli uscire dalle abitazioni ed allertare i 2000 volontari disponibili tramite SMS e organizzare sia la prevenzione che il soccorso………ma la superficialità ha vinto
    …….Come spesso accade.

  90. # lucaM1977

    Sono uno delle centinaia, forse migliaia,di persone che si sono rimboccate le maniche in questi giorni per amore della propria città e senso di altuismo e solidarietà. Non eroi, ma cittadini e livornesi, si noi livornesi che anche nelle calamità più recenti, e non, che hanno flagellato altre aree d’Italia siamo sempre partiti in gran numero e con la voglia di rendersi utili. Oggi è il giorno del rispetto assoluto, dei primi funerali, il momento di piangere i morti, senza dimenticarsi che ancora molto, moltissimo, c’è da fare perchè la città e piccole frazioni limitrofe sono ancora ferite, ed in alcune aree quasi distrutte. Quindi che tacciano i leoni da tstiera, quelli che “era meglio se i politici avessero fatto….” , i metereologi da strapazzo i tuttologi. Livorno ha bisogno di fare e non di chiacchiere ora più che mai. Proprio per questo non posso non esprimere un senso di profonda amarezza, se non rabbia, verso il “mondo” dell’Accademia Navale; mentre la parte sud di Livornio domenica annaspava nel fango ferita e straziata i cadetti bianchi candidi giravano sul lungomare come un pugno in un occhio ad una città sporca di melma. Mai un aiuto, mai un mezzo di soccorso da una realtà sempre più avulsa dal contesto cittadino, proprio quella Accademia dentro i cui cancelli sfocia questo maledetto Rio Maggiore si è dimostrata sorda nei confronti del grido di dolore della città che la ospita. Se hanno una coscienza almeno si vergogniino

    1. # Bob

      È vero li ho visti anche io ed è vero come un organo militare si sia disinteressato di tutto ciò.
      Sarebbe veramente da chiedere a qualche ammiraglio cosa gli è passato per la testa

  91. # traf

    andreino alias andrew

    te lo ridico in italiano più semplice, comprati la pala da obi e vieni a spalare

    poi quando hai finito vai all’edicola e prendi i romanzetti rosa che leggi quando vai a lettino la sera

  92. # ANGUS

    La BCC qualcosa ha fatto. E’ una banca, ma almeno ha cercato di dimostrare sensibilità. Ora toccherebbe al Comune “congelare” il pagamento della TARI, per quelle zone maggiormente colpite. Non è niente, ma dimostrerebbe un minimo di rispetto. E già che ci siamo. vediamo se il nostro amico Stato, proroga il pagamento dell’IRPEF di Novembre a quelle persone che hanno perso tutto, e sono in grandissima difficoltà per la ricostruzione. Le sospensioni delle imposte, dovrebbero essere fatte per 12 mesi e non per 15 giorni, come si usa fare di solito in questi casi.

  93. # Andrew

    Non vorrei contraddire in un colpo solo “LucaM” e “Traf” però sono 4 giorni che svuoto cantine e garages allagati e portiamo la roba “in superficie” e sia ieri in zona Stadio sia oggi in Ardenza ho visto persone in mimetica targata “Marina Militare” svuotare locali dai mobili e da roba ormai da buttare aiutando la Misericordia. Considerata la giovane età credo fossero proprio quei cadetti di cui parlava Luca (non ho la certezza matematica) e li ho visti arrivare con gli autobus…Traf, forse ho esagerato con i toni e per questo ti porgo le mie scuse (magari eravamo spalla a spalla a lavorare insieme questi giorni senza saperlo), ma la mia vorrebbe essere una riflessione costruttiva: troppo spesso ho visto questi canali pieni di sacchetti di spazzatura, materassi, a volte reti e altri oggetti di tutti i tipi…forse i canali non vengono puliti a dovere come molti scrivono…forse gli allarmi non sono stati tempestivi….forse è vero tutto e non è vero niente…però ritengo che le situazioni si migliorano e si prevengono con il concorso di tutti, amando la propria città nei gesti di tutti i giorni e non solo rispondendo prontamente a seguito di una tragedia come questa….puntare il dito è facile, assumere un comportamento civico e lungimirante è cosa assai più complessa…tra qualche settimana tutto verrà dimenticato, ma se ognuno di noi da domani utilizzerà al meglio il ricordo delle immagini di questi giorni forse avremo una città migliore e saremo cittadini migliori…detto questo mi taccio e scusate

  94. # andrea

    …caro Luca, io lavoro in Accademia e ti assicuro che molti di noi sono a spalare il fango!!!