Cerca nel quotidiano:


Ritirata la candidatura 2021 a Capitale Italiana della Cultura

Il sindaco: "Lavoreremo per candidarci nel 2022, oggi non siamo pronti. Modigliani? Un punto di partenza". Per la Toscana le candidate 2021 rimangono Volterra, Pisa e Arezzo

Giovedì 23 Gennaio 2020 — 16:53

di Filippo Ciapini

Mediagallery

Salvetti: "Ora non siamo pronti. Candidarci richiede un impegno notevole per tutta la macchina comunale con il sindaco chiamato ad un impegno nazionale. Io in questa fase voglio concentrare le risorse sulla mia gente"

Fare un passo indietro per farne “cento” avanti in futuro. È questo in sintesi il motivo alla base della decisione del sindaco di ritirare la candidatura di Livorno a Capitale Italiana della Cultura del 2021. Decisione comunicata nel corso della conferenza stampa del 23 gennaio. “Lavoreremo per candidarci nel 2022, oggi non siamo pronti. Vogliamo presentare una candidatura che non sia una vetrina elettorale ma un pilastro su cui far poggiare la nostra città”. Per la Toscana le candidate rimangono quindi tre (Volterra, Pisa e Arezzo) per un totale di 42 città chiamate a contendersi la “fascia” che nel 2020 è andata a Parma. La città vincitrice sarà colei che avrà sviluppato maggiormente la propria identità migliorandosi sia dal punto di vista culturale che produttivo. Ecco perché, in vista della candidatura per il 2021, la mostra dedicata a Modigliani per Salvetti è solo l’inizio di un percorso volto, appunto, alla riscoperta e valorizzazione di tutte quelle identità e tradizioni che da sempre hanno contraddistinto Livorno. “Il nostro è stato un atto di buon senso – ha continuato l’assessore alla cultura Simone Lenzi – È chiaro che già da febbraio 2020 ci muoveremo in vista del 2022 costituendo un Comitato tra gli stakeholders del territorio nominando un coordinatore. Vogliamo correre per vincere”. Sì perché gli investimenti della sola amministrazione in strutture, progetti ed eventi non possono bastare. L’idea di Livorno capitale italiana della cultura 2022 seguirà il filone nato dall’idea di Marco Leone, presidente della Fondazione Goldoni: “Livorno ha una storia importante ma un presente opaco. La candidatura era e sarà l’occasione per farci la stessa domanda, chi siamo? Il nostro territorio deve ritrovare il proprio talento guardando al futuro e tutto questo ha bisogno di lavoro”. Un lavoro che come detto è iniziato con la mostra sul pittore e che proseguirà ripercorrendo storie e tradizioni livornesi, a cominciare dal numero zero del festival Mascagnano in programma nell’estate 2020. Le leggi Livornine, e quindi Livorno città dei mondi e porto aperto, saranno gli altri simboli identitari su cui puntare. “Parlando con chi ha vinto – Parma, Matera, Pistoia – ho capito che la struttura comunale viene messa a dura prova con il primo cittadino chiamato ad impegno in giro per l’Italia. In questa fase preferisco stare vicino ai miei cittadini dando priorità alla riqualificazione del territorio. Tra un anno saremo pronti per candidarci”.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # giancarlo

    non commento !!!

  2. # StefanoL

    Bravo Sindaco. Mi piaci sempre di più.

  3. # Marcovaldo

    Saggia decisione. La città non è pronta, e siccome Livorno ha solo bisogno di cose fatte bene, è bene non farle tanto per farle.

  4. # Andrea

    Finalmente contiamo in regione con il nuovo sindaco!

  5. # VOLTONE

    ” Marcovaldo ” ottimo commento , abbiamo un ottimo Sindaco SEMPRE FORZA LIVORNO

  6. # Stefano

    Ma come si fa!!!

  7. # Giuseppe

    La città non è mai stata né mai sarà pronta….

  8. # Gino

    Boia, tutti contenti che la città non è pronta. Fatevi una domanda e datevi una risposta.
    Ma in che cosa è pronta questa città?

  9. # Eli

    Ha fatto bene perché è vero,la città non è pronta e se i cittadini non cambiano mentalità purtroppo non lo sarà mai perché non si può parlar di cultura quando vige il menefreghismo il pressappochismo e maleducazione e lo dico con profondo rammarico perché amo la mia città ma se non sarà un cambiamento dei cittadini per primi la vedo molto difficile la candidatura anche per il 2022 e oltre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.