Cerca nel quotidiano:


“No a un sindaco sceriffo e fake news, sì a calma e rispetto delle regole”. Comune: i servizi garantiti

Il primo cittadino analizza la situazione in città, legata all'emergenza sanitaria, in undici punti. "Continuano i controlli ma serve rispettare ancora le regole"

Lunedì 23 Marzo 2020 — 08:46

Mediagallery

Il sindaco rassicura: "Andremo a gestire ancora meglio gli afflussi negli esercizi commerciali che vendono alimenti nell'area mercatale, gli esercenti comunque hanno dimostrato grande responsabilità e organizzazione intelligente"

A fine giornata di un’ennesima domenica surreale, quella del 22 marzo, dettata dal clima di emergenza sanitario che vige in tutto il Paese, il sindaco Luca Salvetti ha inviato alcune considerazioni ai media cittadini suddivise in 11 punti. Una sorta di vademecum e al contempo un’ampia riflessione che tocca più argomenti dal numero dei contagi in città, al grande “grazie” che si merita chi ogni giorno è in prima linea a combattere questo virus, fino alla rassicurazione che il primo cittadino fa: “Non serve un sindaco podestà che mette l’esercito in strada. Servono invece amministratori capaci di di gestire l’emergenza attraverso la linearità e sostenendo la gradualità degli interventi che il Governo propone”.

1) Il Governo ha emanato un nuovo decreto con ulteriori restrizioni per limitare ancora di più il rischio di contagio. Noi siamo pronti ad applicare e a far rispettare le nuove disposizioni così come faranno le amministrazioni di tutte le principali città toscane e del paese.

2) La città di Livorno in rapporto alla popolazione ha uno tra i tassi più bassi di contagiati dell’intera Toscana. Un dato confortante da cui partire con nuovo impegno per la prevenzione.

3) Sul fronte sanitario voglio ringraziare le centinaia di medici e infermieri che senza soluzione di continuità si stanno adoperando per curare e salvare vite umane.

4) La città è pressoché deserta, lo è nel fine settimana, lo è anche durante la settimana dove però c’è la necessità di diminuire ancora le uscite che al momento sono permesse dal decreto.

5) Già da domani (lunedì 23 marzo, ndr) andremo a gestire ancora meglio gli afflussi agli esercizi commerciali che vendono alimenti nell’area mercatale, gli esercenti comunque hanno dimostrato grande responsabilità e organizzazione intelligente.

6) Sui supermercati e sui mercati cittadini il Governo si è ancora una volta espresso chiaramente. Devono rimanere aperti, chiuderli significherebbe creare il caos e la caccia ai generi alimentari, chiuderli nel fine settimana provocherebbe afflussi maggiori e maggiore confusione il venerdì o il lunedì.

7) Il lavoro in città della polizia municipale e delle altre forze dell’ordine è stato intenso, si parla di oltre 11mila controlli e un numero importante di sanzioni che hanno colpito chi infrangeva la legge e hanno sensibilizzato coloro che erano comunque all’interno dei limiti di movimento consentiti dal decreto.

8) A coloro che, comprensibilmente preoccupati, invocano poteri straordinari anche di limitazione della libertà individuale con l’esercito in strada, dico che Livorno e le altre città italiane, non hanno bisogno di sindaci sceriffi o di podestà. Servono invece amministratori capaci di gestire l’emergenza attraverso la linearità e sostenendo la gradualità degli interventi che il Governo propone. L’anarchia istituzionale, la catena di comando messa in discussione e il quadro delle competenze cancellato, creerebbero solo caos.

9) In questa situazione che limita l’incontro tra le persone il nostro spazio di comunicazione è diventato ancora di più quello della rete dei telefonini e dei social, per questo serve fare una raccomandazione ad un utilizzo intelligente delle varie piattaforme che non possono diventare luoghi dove si fanno circolare false informazioni o giudizi infamanti che riguardano singoli cittadini o istituzioni. Chi contravviene a questo dovrà risponderne nelle sedi opportune.

10) Sul fronte politico che, in un quadro del genere, deve ad ogni costo assumere connotati di buon senso evitando inutili polemiche e squallida caccia al consenso, devo ringraziare le componenti della maggioranza e quelle dell’opposizione che si sono poste in maniera costruttiva nel rapporto con questa amministrazione e con il sindaco cercando di dare un contributo alla cittadinanza.

11) Chiudo con una raccomandazione: manteniamo la calma, diamo forza al senso di comunità, condividiamo i comportamenti virtuosi e siamo tutti pazienti, restiamo a casa e ci usciremo prima e meglio.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # Supermercato

    Mi dispiace leggere della “necessita”di lasciare aperti anche la domenica i supermercati…purtroppo io che lavoro in un supermercato posso garantire che ci sono persone che con la scusa di uscire a fare la spesa si presentano in negozio anche 3 volte al giorno. Queste non è necessità.. è una scusa!!!! Lasciare aperti i supermercati anche la domenica vorrebbe dire utilizzare questa scusa….la necessità è un’altra cosa. La spesa si può fare tranquillamente dal lunedì al sabato….anche se l’orario dei supermercati è ridotto…in linea di massima siamo tutti aperti tutto il giorno…c’è proprio bisogno di comprare le uova alle 19.30? O la domenica??? Pensateci….

    1. # Ma avete una casa che fa schifo?

      Un sistema semplicissimo per ridurre gli accessi ripetuti nei supermercati: spesa minima 50 euro a scontrino!
      Cosi si va una volta e basta per più giorni senza fare avanti e indietro 100 volte la settimana

    2. # Trolley

      Ci sono file enormi per fa la spesa, ci manca anche chiude la domenica

      1. # Elly

        Le file ci sono perché le persone vanno nei supermercati per un oggetto..poi ci tornano per altri 2..oppure marito e moglie con due carrelli..aprite gli occhi..la spesa andrebbe fatta una volta alla settimana e i supermercati sono aperi 12 ore al giorno

  2. # Palmira

    Finalmente Livorno ha un sindaco capace è equilibrato non possiamo che dire GRAZIE Luca per come stai gestendo questo difficilissimo momento-

  3. # Milena

    Le sue parole ,Signor Sindaco, mi danno la sicurezza di un bambino che si affida ai genitori. Le sue parole sono semplici e autorevoli. La ringrazio con ammirazione.Milena

  4. # Carlo53

    Salvetti si sta dimostrando un sindaco all’altezza del suo incarico, oltretutto sta gestendo questa situazione al meglio. Bravo Luca!

  5. # 0586

    In effetti la nuova amministrazione comunale si sta comportando egregiamente e con rispetto dei cittadini e del grave momento che la città di Livorno sta passando. Bravo Sindaco

  6. # Marzio

    Gentile Sig. Sindaco
    Leggo con attenzione e rispetto le Sue note giornaliere. Questa però mi é sembrata con un aggiunta di polemica sterile politica. Gli sceriffi e , non ci voleva, meno che mai i Podesta ,;se lei vede la televisione, si accorgerà che molti cittadini italiani non rispettano i dettami dei Decreti Ministeriali e non sono tutti come i miei concittadini Livornesi.
    Ne viene quindi una necessità solo di ordine pubblico per fare rispettare le regole e nulla a che vedere con sceriffi e podesta.
    Un abbraccio e buon lavoro

  7. # PirataTirreno

    Pienamente d’accordo con i commenti precedenti…. un solo appunto:
    quando si ringraziano …”Sul fronte sanitario voglio ringraziare le centinaia di medici e infermieri che senza soluzione di continuità si stanno adoperando per curare e salvare vite umane.”….. per cortesia non dimentichiamoci più del “reparto” ambulanze e dei suoi volontari. Sarebbe molto gratificante anche soltanto il “non dimenticare”.
    I pazienti che vengono trasportati in ospedale, non ci arrivano con il teletrasporto!!

  8. # Giorgia

    Bravo sindaco. Evviva le tue parole. No a sceriffi si ad amministratori lucidi calmi e determinati

  9. # Sandro65

    Per ora dell’Esercito non c’è stato bisogno, e speriamo vada avanti così. Non è questione di giocare allo “sceriffo”, semmai di mettere in campo ogni risorsa per garantire l’ordine, se la cittadinanza si dimostra poco collaborativa. Se si riesce senza l’esercito bene, se no, va usato anche l’esercito. E senza gridare all’attentato alla democrazia e “sardinismi” vari, qui va tutelata la salute pubblica, altro che ” sceriffo”.

  10. # indignata

    Nelle zone limitrofe c’è TROPPA GENTE IN GIRO…. troppe macchine, troppi scooter, troppo… Venite in via degli etruschi… Mai visto un controllo ed io sono in casa rinchiusa dal 6 marzo.. lo vogliamo capire che il sistema sanitario non ce la farà a curarci tutti… Invece di guardare la D’Urso e i vari GF guardate trasmissioni come quella di Mentana sulla 7 stasera. Altro che paura ed è giusto AVERE paura.

  11. # Gabriella

    Sono pienamente d’accordo. Finalmente abbiamo un Sindaco capace, che sta gestendo al meglio una situazione molto difficile e che sta cercando di rivalutare una città.
    Grazie Luca

  12. # Amedeo Salvi

    Complimenti Sindaco avanti così …Facciamo Livorno ancora più bella e sempre all’avanguardia: “Noi siamo di Livorno…..”…Si ricorderà sicuramente come cantavano al tempo del Cipriani…..

  13. # giovanni

    sig.sindaco ma le strade quando le fai disinfettare per ora zona s.jacopo fabbricotti non si è visto niente? Grazie