Cerca nel quotidiano:


Si alza il sipario su Effetto Venezia 2019. Il programmone

Mercoledì 31 luglio serata d’apertura; ogni sera, dalle 19 fino alle una, tanta musica e spettacoli. E il 4 agosto chiusura con i fuochi d'artificio. Sul palco principale grandi artisti tra cui Nigiotti, Morgan e Tatangelo

martedì 30 Luglio 2019 19:15

Mediagallery

Si parte con Effetto Venezia 2019, la grande festa d’estate che Livorno propone ogni anno (quest’anno è la 34esima edizione) nel caratteristico quartiere de La Venezia tra ponti e canali navigabili (per il programma giorno per giorno clicca qui oppure clicca sul link al pdf in fondo all’articolo per scaricare e conservare il programma completo). Mercoledì 31 luglio serata d’apertura della manifestazione che si protrarrà fino a domenica 4 agosto; ogni sera a partire dalle 19 fino alle una (foto tratta da livorno-effettovenezia.it).
Alle 18.30 del 31 è previsto il “taglio del nastro” della manifestazione in Fortezza Vecchia (nella sala del bastione La Canaviglia). Una breve cerimonia alla presenza del sindaco di Livorno Luca Salvetti, delle autorità cittadine e degli sponsor della manifestazione. In occasione della prima serata del 31 luglio sul palco principale (ore 22.30) di piazza del luogo Pio con Radio Stop Festival saliranno sul palco: Paola Turci, Anna Tatangelo, Alexia, Shade, Federica Carta e tanti altri…
Impossibile elencare tutti gli eventi in programma dato il loro numero elevato. Da segnalare la mostra su Cappiello, la personale di Silvia Bartolini La forma del silenzio, la mostra-mercato di artisti e artigiani e il ritorno dei fuochi d’artificio tanto amati dai livornesi per il 4 agosto, serata finale. Mentre venerdì 2 agosto, tra gli appuntamenti extra musicali, da segnalare la presentazione sul palco di piazza del Luogo Pio alle 20.30 della nuova formazione del Livorno Calcio.

Effetto Venezia è un evento del Comune di Livorno in collaborazione con Fondazione Teatro Goldoni; con il contributo della Regione Toscana e Fondazione Livorno; con il sostegno di Esselunga, OLT, Toremar, Porto di Livorno 2000, Benetti, Lusben, Lorenzini &C, Banca Cras e con la collaborazione di Autorità di Sistema Portuale nel Mar Tirreno Settentrionale,  Citysightseeing Livorno, AAMPS, Nuova Kros, Sebach.

Riproduzione riservata ©

60 commenti

 
  1. # Claudio

    Mi fa molto piacere, è veramente tanto tempo che a Livorno manca uno spettacolo pirotecnico professionale, la cosa richiamerà sicuramente moltissime persone anche da fuori Livorno, favorendo notevolmente l’indotto economico della serata e lo spettacolo sarà sicuramente gradito. Mi dispiace leggere i soliti post incernierati sui cani e relative leggende metropolitane tanto care ai più fanatici. Non abbiate paura, non è mai successo niente, probabilmente la paura maggiore è nei padroni, padroni che spesso e volentieri sono terrorizzati dai fuochi e invece portano i loro cani in luoghi come concerti all’aperto e così via, dove i decibel emessi sono notevolmente più alti rispetto a quelli dei fuochi e il tempo di durata è notevomente maggiore. Credo che il rispetto sia doveroso e che ogni tanto è bene ricordare che una città non può essere solo ed esclusivamente a misura di cane.

    1. # Carletto

      I fuochi sviluppano enormi quantità di polveri sottili molto tossiche. E’ inutile mettere divieti su scarichi e veicoli se poi si incentivano questi spettacoli da terzo mondo per la “gioia ?” di pochi.

      1. # goccioline alla sera.

        Le polveri dei fuochi non sono sottili e non sono tossiche.

        1. # Carletto

          Caro goccioline alla sera informati un po’ meglio, i fuochi d’ artificio rilasciano grandissime quantità di prodotti pericolosi per la salute tra cui piombo, bario, stronzio, rame, zinco etc. proprio sotto forma di polveri sottili, vedi
          https://urbanpost.it/quanto-inquinano-i-fuochi-dartificio-di-capodanno-molto-e-sono-dannosi-per-la-salute-e-lambiente/
          o anche:
          https://www.bafu.admin.ch/bafu/it/home/temi/aria/dossier/smog-invernale-aria-densa/anno-nuovo-a-tinte-vivaci–fuochi-dartificio-e-inquinamento-atmo.html
          se poi pensi che per il divertimento di pochi sia permesso danneggiare la salute altrui allora è un altro discorso.

          1. # goccioline alla sera

            Le esalazioni di urina sui marciapiedi invece fanno bono ai polmoni? E chi è allergico ai cani o chi ne ha paura? Per il divertimento dei padroni si può danneggiare la vita altrui?

          2. # Rottaveggio

            Infatti dovrebbero vietare i cani in città, lo puoi avere solo se hai il giardino.

          3. # Fabio1

            volgiamo parlare delle candele scintillanti che ogni genitore mette sulla torta di compleanno del proprio bambino piccolo? credo facciano più danno loro che lo smog delle navi in porto…

      2. # Nerd

        Allora caro Carletto diamoci una patta e viviamo da cavernicoli. Se adesso vogliamo puntare il dito su uno spettacolo di fuochi che dura si e no un quarto d’ora è cosa grave. non mi sembra che quando li fanno a Pisa per San Ranieri sia uno spettacolo per pochi. Demonizzare tutto è sbagliato. Allora non accendiamo i condizionatori perchè è uno spreco energetico non indifferente, non facciamo venire Luna Park, concerti e chi ne ha più ne metta perchè a monte c’è una centrale elettrica che deve bruciare di più per produrre energia, non mangiamo la pizza cotta a legna perchè quei forni producono polveri sottili e la lista non finisce quì.

    2. # Emanuele

      Non è mai successo nulla solo soldi buttati via. Sarebbe interessante visto che ti interessa il solo ritorno economico se una serata di fuochi porta più soldi dell’indotto economico che portano i cani. Veterinari, industria farmaceutica, addestratori, cacciatori, allevatori, soccorritori, forze di polizia, industria alimentare rappresentanti e venditori di cibo x cani, industrie articoli per cani ovvero migliaia di persone che campano coi cani e felicità dei loro padroni non solo una notte di fuochi ma tutto l’anno!

      1. # Emme

        Questi sono i livornesi simbolo di una trasformazione della cittá in ambito turistico e culturale. Senza dilungarci troppo sui commenti, un commento neutrale di una persona normale, sarebbe: ” Come si fa !!!””

    3. # AnToNiO

      Ora che 2 fuochi richiamino persone da fuori l ivorno…parliamone!! Quindi mi dici che vai in trasferta a vedere i fuochi?

    4. # #fai

      Panem et circenses !!

    5. # luca

      Infatti il primo commento è il tuo…..
      Della serie inizio a piangere ed a lamentarmi prima che lo faccia qualche altro.
      Complimenti, sei arrivato primo…..

    6. # Michele

      Io ci porto i bimbi a vedere i foi!!

    7. # FABIO

      eh si, m’immagino migliaia di persone che accorrono da tutta l’Italia..

  2. # Carlo

    Effetto Venezia ? una festa paesana per una città paesana. Il tutto si risolve in cene in Venezia a prezzi più alti e con cibi, spesso, di scarsa qualità, bancarelle stereotipate, avvenimenti di ambito cittadino … comunque … ognuno può fare quello che crede. Io non ci vado…!!!

    1. # Dario

      Bravo! Stai a casa così risparmi!

  3. # Silvano Mazzamauro

    Effetto Venezia andrebbe spostato al Picchianti,onde evitare problemi nel centro

    1. # Dario

      Però diventerebbe Effetto Picchianti!! 😂

      1. # stefano voir

        ahahahahahahahahhah………

  4. # maurizio

    carletto,potevi risparmiartelo questo tuo pensiero.per caso hai un cane ? per un evento pirotecnico pensi alle polveri ? per te forse è da terzo mondo.a me piacciono molto come penso a tanti livornesi,non è che tutti i giorni ci sono i fuochi

  5. # adriano

    infatti invece di inquinare con i fuochi fare dei giochi di acqua , abbiamo i fossi mettere le apparecchiature sull’acqua sarebbe semplicissimo, sig claudio. ma. che è stato morso da un cane da piccolo…………?si parla di effetto venezia non di cani

  6. # TASSA SUI CANI

    E ci vuole ma la tassa sui cani nelle aree urbane vedrai a tanti gli passerebbero le ruzze. Tanto per fare un esempio piazza magenta è inagibile alle persone normali invece di essere destinata ad anziani e bambini è destinata al pascolo di cani h24. Questa è veramente la Livorno che vogliamo?

    1. # Sossio di shangai

      Ci vuole anche la tassa sugli animali umani perchè quello l’uomo è, che si credano i proprietari del pianeta. Comunque sanzioni severe a chi non raccoglie le deiezioni.

      1. # antonino

        ci sono già le tasse per gli uomini

    2. # elisa

      Guarda hai ragione sui padroni che non raccolgono le deiezioni, tanto è che proprio in piazza magenta spesso e volentieri ce le hanno prese le multe, alla tua domanda se è questa la Livorno che vogliamo io personalmente penso che sarebbe meglio una Livorno piena di cani che molto spesso di esseri umani ignoranti e maleducati. Che poi quando passi di li spesso l’odore è di urina umana e io ce li ho visti urinare all’albero.
      Proponi una tassa sugli esseri umani incivili , mettiamoli la medaglietta e stai sicuro che si risana i conti comunali !

    3. # Sapete solo sparlare

      Prima di sparlare sui cani bisognerebbe sciaqquarsi la bocca….le vere bestie sono altri umani…

      1. # FABIO

        non so te ma le feci di altri umani non infestano ogni angolo di Livorno e non le ho mai pestate..
        Sarebbe il caso che i Livornesi capissero che il cane non è un figliolo.. l’umanizzazione degli animali significa non fare neppure il benessere loro.

    4. # antonino

      parole sante

  7. # Silvia

    Claudio non esistono solo cani che vanno nel panico per i botti e che rischiano infarti, ma anche tanti altri animali tipo uccellini che possono morire, ma giustamente l essere umano deve divertirsi..e poi chi se ne frega se qualche altro essere della terra muore, IO ESSERE UMANO SONO IL PADRONE DEL MONDO….. DEL resto che se.ne frega!!!!

    1. # Marco

      Ma ci credete davvero a quello che dite? Io di cani morti per la strada il primo gennaio quando a Livorno si facevano i fuochi non li ho mai visti. Tutte balle tutte paranoie

      1. # elisa

        Morti non saprei ma che il 1 gennaio si fa la conta dei cani scappati per la paura dei fuochi si !!!

        1. # Marco

          Allora dovrebbero denunciare i padroni per mancata custodia chi ha un cane ne è responsabile come chi parcheggia la macchina senza freno a mano se ne va e questa travolge qualcuno. Diritti e doveri vanno a braccetto. Poi ci dica pure quanti cani fuggono, il numero esatto e la fonte. Le città sono a misura d’uomo non a misura di cane che è sempre stato un animale di appoggio per le attività rurali non per fare le giratine al centro commerciale o per occupare le aree verdi pubbliche come piazza magenta oramai assolutamente inagibile a bambini, anziani e persone normali in generale.

          1. # Elisa

            Se leggi topolino mica è colpa mia, se leggi i giornali o segui i vari tg le trovi le notizie sui cani scappati per la paura dei fuochi, poi se ti diverte fai tu la conta. Che i cani siano nati per attività rurali portarmela te la fonte perché io non l’ho mai sentito. Comunque ripeto molto spesso i cani sono meglio degli umani, ma parecchio parecchio MEGLIO.

    2. # FABIO

      sarebbe l’unica utilità dei botti.

  8. # Emme

    Leggere simili commenti diverte ma fa riflettere e dimostra se ce ne fosse ancora bisogno il livello degli esseri definiti umani che gravitano nel nostro comprensorio cittadino. Da noia tutto… Magari quelli che si lamentano vivono in condomini in zone degradate circondati da mini cani da appartamento perennemente arrabbiati perchè costretti a vivere reclusi! Intanto leggetevi questo articolo sui livornesi…https://www.rollingstone.it/gonzo/livorno-destate-san-diego-dinverno-chernobyl/469286/#Part1

    1. # FABIO

      infatti doveva anche scrivere qualcosa sui cani..

  9. # Michele

    Io ci porto i bimbi a vedere i foi!!

    1. # elisa

      bravo cosi le polveri sottili le respirano i bimbi mentre li porti a vedè i foi!!!

      1. # Morchia

        E le scie chimiche dove le metti?

  10. # AMARE LIVORNO

    non fare i fuochi è civiltà , oltre che un modo per non buttare via i soldi ….ma evidentemte a questa nuova giunta gli avanzano ……

    1. # Fabio1

      ora mi segno la novità del rapporto che c’è tra fuochi e civiltà.
      la precedente amministrazione risparmiava questo denaro ma non li ha nemmeno investiti nei giovani che ha fatto lavorare come volontari in questa kermesse (e ne andavano anche fieri)

    2. # Marco

      A Sidney, Londra o New York fanno degli ispettacoli pirotecnici colossali… Vuoi dire che Livorno dovrebbe dare lezioni di civiltà a queste grandi città mondiali? Hahahahah

      1. # Karl

        Basta vedere Firenze per la festa del Patrono San Giovanni.

        1. # elisa

          A Firenze li fanno al piazzale Michelangelo non in pieno centro città!!!

  11. # StefanoL

    Mamma mia… quanto disfattismo e polemiche inutili, fini a se stesse. Non ho parole. Livornesi alla frutta. P:S: Sono livornese anch’io e più vado avanti e meno me ne vanto. I fuochi inquinano! Ma fatela finita e godetevi la vita giorno per giorno, nessuno di noi sa, quando sarà… meditate gente… pensate anche a quanta gente vorrebbe vedere due fuochi, accarezzare un cane, passeggiare fra una moltitudine di gente, incontrare, parlare praticamente…VIVERE, e non può farlo e allora… divertitevi, godete di quello che vi è permesso di fare, di vedere… VIVETE!

    1. # Pippo

      Stefano sante parole…..qui sembra che la gente l’abbia morsa il cobra….sono sempre polemici…..godetevi la vita…..ce n’e’ 1 sola!!!!!
      A effetto Venezia andateci come alle altre feste locali….però 2 vaini spendeteli quando sortite di ‘asa sennò ci si lamenta che si vole le cose ma sempre a gratisse!!!!
      Se i negozi e i locali non incassano poi ci si lamenta che a Livorno non ci s’ha nulla!!!!
      Riflettiamo ……

  12. # Ferdinando

    Meno Effetto Venezia più ripresa di Livorno

  13. # GIGI

    EFFETTO VENEZIA NON E’ CHE UNA MANIFESTAZIONE LIVORNESE, NON CREDO PROPRIO CHE VENGANO
    PERSONE AL DI FUORI DEL CIRCONDARIO DI LIVORNO.
    MI CHIEDO INVECE PERCHE A LIVORNO NON C’E’ STATO MAI UN POLO FIERISTICO , ANCHE RELATIVO
    AL MARE E NON SOLO.

    1. # emilio

      ALLORA RIMANI A PISA….E NIENTE MARE PERO’!!!!!!

    2. # FABIO

      per fare che tipo di fiere esattamente? se non c’è è proprio perché la domanda non esiste.

  14. # Marco

    Ma state tranquilli e fate un po’ piu’ ATTIVITA’….:) ma è possibile che vi dia noia tutto ??? se si fa’ perche’ si fa’, se un si fa’ perche’ un si fa’…..
    vi dovete rassegnare, la festa piace ai piu’, i fuochi piacciono ai piu’ e quindi mutismo e rassegnazione….
    A DA’ RETTA A TUTTI CI SI DOVREBBE RINCHIUDE IN CASA..

  15. # Mike

    L’ unica cosa che fa veramente male a Livorno non sono né i cani….ne i fuochi…ma i Livornesi

    1. # FABIO

      giusto, mandiamoli via da Livorno e facciamoci rimanere i cani. Le differenze sarebbero minime tra l’altro.

  16. # Pietro

    Leggo certi commenti e mi vergogno di essere livornese.
    Perché non mettete il filo spinato per far entrare nessuno da fuori così in città riescono a imperversare il fiorfiore dei Livornesi con motorini..cannottiera e infradito…..quelli si che portano avanti il buon nome di Livorno nel mondo.
    Non voglio cadere in politica ma il partito del no a Livorno ci stava proprio bene.

  17. # Stefano

    Dovreste pensare alle centinaia di aerei che ogni giorno ci passano sopra la testa; producono un inquinamento atmosferico inimmaginabile. Di questo non ne parla nessuno? Altro che fuochi !!llk

    1. # FABIO

      Le scie chimiche!!!

  18. # Traf

    Mike parla per te e per il tuo circuito di conoscenze,. Da livornese non conosco tanta gente che passa il tempo a parla’ di foi, infradito, fancazzismo vario. Ogni tanto domandatevi con chi andate a giro o se vivete solo di social…

  19. # Dep

    Bravo Stefano, niente foi e niente aerei

    Ci puoi dire qualche sana attivita’ da compiere?

  20. # Ferdinando

    Scie chimiche e terrapiattismo mancavano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.