Cerca nel quotidiano:


Ufficiale: lunedì 8 si torna a correre al Caprilli. Salvetti: “Struttura recuperata a 360 gradi”

Il Ministero ha stabilito 8 riunioni di corse al galoppo fino al 22 dicembre. L'entusiasmo del sindaco Salvetti: "Adesso la struttura è tornata a vivere tra eventi e ippica. Si concretizza così uno dei tanti punti importanti del programma elettorale"

Giovedì 4 Novembre 2021 — 16:55

di Giacomo Niccolini

Mediagallery

Adesso è ufficiale. Dopo anni di inattività e abbandono si riaprono ufficialmente i cancelli dell’ippodromo Federigo Caprilli per le corse al galoppo. Tornano quindi i cavalli all’interno della spettacolare struttura baciata dal salmastro che già da qualche mese era nel mirino dell’Amministrazione per quanto riguarda restyling e ammodernamenti necessari per iniziare nuovamente a gareggiare allo steccato. La data ufficiale per il nuovo inizio stabilito dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf), da cui dipendono le corse dei cavalli sul territorio nazionale, è quella di lunedì 8 novembre quando, intorno all’ora di pranzo, torneranno a scalpitare gli zoccoli dei cavalli da corsa sul terreno verde del Caprilli.
Insieme alla data dell’8 novembre il Mipaaf ha decretato anche le date del 17, 20 e 27 novembre 2021 e del 4, 11, 18 e 22 dicembre 2021 con una montepremi ordinario di euro 246.400,00.
Con le corse riaprirà anche il bar all’interno della struttura, “Pizzino al Galoppo”, progetto portato avanti da Fabio Langella, Ottone Sante e Paolo Lami il cui sipario doveva già alzarsi per Halloween ma, per motivi tecnici, ha dovuto inevitabilmente posticipare l’apertura ufficiale nel giorno in cui torneranno i cavalli all’ippodromo.
“Intanto aspettiamo che concretamente prenda corpo il programma dell’8 novembre e quindi ci siano partenti, proprietari, fantini tutti insieme pronti a far rivivere il Caprilli – ha commentato il sindaco Luca Salvetti davanti al  decreto ministeriale uscito nel pomeriggio di giovedì 4 novembre – Convinto che vada tutto come deve andare devo fare innanzitutto un ringraziamento al Ministero perché ha colto l’impegno di Livorno nel restituire al Paese uno degli ippodromi storici italiani. Il Mipaaf, che ha attivato tutto un sistema di rapporti per arrivare a questa conclusione, ha colto questa nostra volontà forte e come hanno detto loro è merce rara in questo momento storico in Italia. Il mio grazie va anche a Silvio Toriello di Sistema Cavallo (gestore dell’attività dell’Ippodromo Caprilli per due stagioni, ndr) per quello che, anche a livello di rapporti e di prospettiva ha fatto in questi mesi. Adesso il cerchio è chiuso: l’ippodromo è rifunzionalizzato a 360 gradi: dopo gli eventi e i concerti, che in accordo con il gestore che risulta predisposto al riguardo, dovranno essere mantenuti nel periodo estivo proponendo un determinato programma, torna l’ippica e i cavalli. Si concretizza così uno dei tanti punti importanti del programma elettorale. Si parla infatti di 110mila metri quadri nel cuore della città che non potevano essere lasciati lì in abbandono. Una soddisfazione doppia. Tra un anno e mezzo ragioneremo anche in maniera più concreta del futuro definitivo di quello spazio. E nel frattempo lavoriamo affinché l’impianto di illuminazione sia ripristinato entro la prossima estate in modo da poter fruire del programma corse serale”.

Riproduzione riservata ©