Cerca nel quotidiano:


In Goldonetta “Enoch Arden”, una storia di mare e d’amore

“Enoch Arden” è un poema in versi che il compositore tedesco Richard Strauss musicò sul finire dell’800. Potremo ascoltarlo per la prima volta a Livorno giovedì 8 marzo, alle 21, in Goldonetta

Giovedì 8 Marzo 2018 — 08:35

Mediagallery

E’ una storia in musica di mare e d’amore, romantica e commovente, una storia di gente umile: è “Enoch Arden” un poema in versi che il compositore tedesco Richard Strauss musicò sul finire dell’800 basandosi sul testo di Alfred Tennyson del 1864, un autentico bestseller dell’epoca (vendette 17.000 copie il giorno stesso della sua uscita e raggiunse le 70.000 in poco tempo): potremo ascoltarlo per la prima volta a Livorno giovedì 8 marzo, alle ore 21 in Goldonetta per la rassegna “Classica con gusto” della Fondazione Goldoni in collaborazione con il M° Carlo Palese e Menicagli pianoforti. Protagonisti della serata l’attore, autore e regista Dario Garofalo, che ha personalmente curato l’adattamento in prosa dell’opera con la traduzione poetica di Carlo Faccioli ed il pianista Carlo Palese, artista premiato in importanti concorsi pianistici internazionali e con un’attività concertistica che lo ha portato in vari paesi europei e negli U.S.A. nonché in Italia, sia in veste di solista che in formazioni cameristiche con collaborazioni con artisti di prestigio

In “Enoch Arden” si intersecano molti temi “eterni” – spiega Palese – il viaggio, il ritorno, il mare, gli affetti, il senso della famiglia e l’agire per amore degli altri. Strauss ne fece un melologo per voce sola e pianoforte, cioè un’opera che fonde recitazione e musica. Così, i casi della vita di Enoch ed il suo travagliato amore per Annie, diventarono grazie alla musica quadri pittorici di grande intensità emotiva. Strauss seppe fondere con ritmo cadenzato ed ipnotico i versi di Tennyson producendo miracolose suggestioni. Personaggi e situazioni vengono caratterizzate da precisi temi musicali, veri e propri leit-motiv che affiancano la lettura del poema.

Quando il musicista tedesco attese alla composizione dell’opera, oltre 30 anni dopo, la società di fine secolo era molto diversa dal mondo di Tennyson, ma seppe cogliere la potenza di questo testo e decise di accostarvi la musica, rivolta a sottolineare, caratterizzare e scandire il ritmo della storia. Forse è  stato proprio questo incontro di epoche diverse a produrre il capolavoro, con una musica fortemente suggestiva la cui magia conquista fin dal primo ascolto. Richard Strauss, che è stato tra gli autori più importanti del periodo tardo romantico, ha legato il suo nome ad opere meravigliose come Salomè ed Il Cavaliere della rosa ma è conosciuto anche per l’apertura del suo poema sinfonico “Also sprach Zarathustra” (Così parlò Zarathustra), utilizzata da Stanley Kubrik per il celeberrimo film “2001: Odissea nello spazio”. Come di consueto, la serata sarà aperta dalla presentazione del concerto da parte dello stesso M° Palese e si concluderà con il buffet finale offerto dagli organizzatori.

Info: 0586- 20.42.90 il martedì e giovedì ore 10–13, mercoledì, venerdì e sabato ore 17 – 20. Tutte le informazioni sul concerto su www.goldoniteatro.it

 

 

Riproduzione riservata ©