Cerca nel quotidiano:


Aci: “Ospedale, le nostre proposte sulla nuova viabilità”

Secondo Riccardo Heusch, presidente della commissione Traffico e Viabilità dell'Automobile Club, il parcheggio nell'area dell'ex Pirelli sarebbe un'occasione da cogliere al volo

mercoledì 27 dicembre 2017 09:21

Mediagallery

La notizia del cambio di viabilità interna e dei nuovi accessi all’ospedale di Livorno è stata data venerdì 15 dicembre da Quilivorno.it in vista dell’effettiva modifica che è entrata in scena definitivamente lunedì 18 dicembre (clicca qui per consultare le modifiche approntate). Dopo circa 10 giorni dall’attuazione del nuovo piano messo in pratica dalla Asl locale a farsi sentire è l’Automobile Club di Livorno tramite il presidente commissione “Traffico e Viabilità” Riccardo Heusch. “Sicuramente una revisione alla viabilità interna all’area ospedaliera era cosa dovuta – scrive il dirigente dell’Aci – Sarebbe superfluo stilare l’elenco delle criticità che venivano puntualmente a crearsi a causa della possibilità di doppio ingresso sia lato via della Meridiana, sia dalla sponda di via Gramsci. Una situazione a dir poco caotica contraddistinta da un continuo via vai in entrata e in uscita, che veniva per giunta aggravata dall’inevitabile commistione, e conseguente sovrapposizione-collisione, di divergenti necessità tra veicoli privati e mezzi sanitari”.

Due proposte, in entrata e in uscita- “Il nuovo progetto di viabilità però ha già mostrato anch’esso di avere lacune e problematiche da risolvere con urgenza – continua Heusch – sia al fine di evitare nuovamente il ripetersi di lunghe code bloccate in fase di uscita all’altezza di via della Meridiana, sia per limitare anche le pericolose manovre che auto e scooter sono costretti a effettuare per evitare l’ostacolo in mezzo alla carreggiata, rappresentato dai mezzi intenti a svoltare da via Gramsci nell’operazione d’ingresso nell’area ospedaliera. Se per quest’ultima casistica la soluzione che ci sentiamo di suggerire sarebbe semplice da mettere in pratica (il varco dovrebbe necessariamente essere arretrato all’interno dell’area ospedaliera, al fine di creare la capienza necessaria per ospitare almeno cinque auto in attesa del rapido ma pur sempre necessario controllo da parte dell’addetto alla sicurezza), il rimedio per via della Meridiana si presenta leggermente più articolato”.

Programmare il semaforo – “Va da sé che il nuovo semaforo, installato di recente per regolare l’immissione nell’incrocio con viale Carducci, andrà certamente riprogrammato nella sua tempistica – sottolinea il presidente della commissione “Traffico e Viabilità” dell’Aci -un ritocco indispensabile per allungare la parentesi della luce verde e far defluire il traffico fuori dall’ospedale. L’ideale poi sarebbe addirittura l’installazione di un semaforo intelligente, in grado di rilevare l’entità della lunghezza della fila in transito verso il viale e regolare di conseguenza i propri automatismi”.

Parcheggio all’ex Pirelli: cogliere l’occasione – “Un discorso supplementare e sul quale ragionare a parte sarebbe l’operazione di recupero dell’area ex Pirelli – sottolinea Heusch -limitrofa al lato nord del perimetro ospedaliero. I capannoni, nelle condizioni di estrema fatiscenza in cui si presentano oggi, non possono in alcun modo costituire strutture degne di essere catalogate nella cosiddetta ‘archeologia industriale’ degna di tutela. Anzi, tali ruderi rappresentano soltanto un’offesa al decoro dell’intera area. L’Amministrazione Comunale ha il dovere morale di prendere una decisione riguardo alla riconversione della zona, argomento di cui purtroppo si parla a livello progettuale ormai da decenni senza giungere però a risultati concreti”.

Sosta e stalli intorno all’ospedale – “Quello della razionalizzazione del traffico e degli stalli per la sosta intorno all’ospedale potrebbe quindi costituire lo spunto vincente – scrive nella sua nota Riccardo Heusch -nel momento più opportuno, considerati anche i paralleli tagli già annunciati dalla Giunta ai parcheggi ricavati sul marciapiede lungo viale Alfieri, di fronte al Poliambulatorio. Un potenziamento degli stalli in via della Meridiana, ottenuto grazie al recupero dell’intera superficie coperta sino ad ora dai già menzionati capannoni, sarebbe una scelta utile all’intera comunità labronica. La quale fruirebbe, sia in veste di paziente che in quella di semplici visitatore, di un parcheggio a pagamento posticipato (ovvero con pagamento proporzionale alla durata della sosta). Un parcheggio magari appoggiato da un servizio di trasporto via navetta, per condurre gli utenti ai padiglioni sullo stile dell’ospedale pisano di Cisanello”.

 

Riproduzione riservata ©

17 commenti

 
  1. # federicolivorno

    ….. parole parole parole….

  2. # u8go nogarin sono otto

    nemmeno a New York….

  3. # Populista e Leghista

    Io ci farei una bella rotatoria

  4. # frangiac

    farci un bel parcheggio auto , sarebbe un’ottima soluzione, però occorre moderazione ai prezzi, non deve essere un approfitto

    1. # Marco

      I parcheggi dovrebbero essere gratuiti altro che moderazione nei prezzi, guarda caso nessuno si sognerebbe di mettere i parcheggi dei supermercati a pagamento ma quelli degli ospedali…perché no? Stiamo tornando veramente indietro in tutto ed il che è preoccupante. Mettiamoci poi la vergognosa iniziativa di togliere i parcheggi dell’ambulatorio per farci la pista ciclabile ed il tutto diventa agghiacciante. Povera Italia!

      1. # francesco

        Forse Lei non sa che i parcheggi dei centri commerciali sono su terreno privato e perciò non sono mai a pagamento ! Questo non significa che vicino a tutti gli ospedali ci debba essere la possibilità di parcheggiare senza problemi , molto vicino a pagamento non esoso, più lontanto anche gratis come a Cisanello ! La ex Pirelli sarebbe la soluzione ottimale che nessuna Giunta ha mai voluto prendere in considerazione e non si riesce a capire il perchè. Tra l’altro ora esistono parcheggi multipiano in struttura metallica come a Siena che possono essere smontati facilmente e di costo irrisorio ma evidentemente i tecnici livornesi ne sono all’oscuro !

  5. # Ale

    Via la pirelli tanto ci sono rimasti solo calcinacci, al suo posto un bel parcheggio multipiano grande come l’odeon a gratis o con tariffa di 50centesimi/ora e con piano riservato al parcheggio del personale dell’ospedale. Questa sarebbe la vera svolta, tutto il resto è secondario

    1. # sololoro

      si al parcheggio, ma non capisco perchè serve quello riservato al personale sanitario. Qualsiasi altro lavoratore non ha il parcheggio assicurato vicino all’ingresso del proprio lavoro, e neanche gratis, qualcuno neanche a pagamento lo trova perchè è zona con lettera… perciò a piedi, o autobus (ammesso di poterci contare con la puntualità!!! o bici/scooter, anche con acqua /vento o solleone, se proprio vuoi andare in macchina con parcheggio a 10/15 m a piedi !!!! Anche questi sono da considerarsi privilegi!!!

      1. # Ale

        ma per favore…dei posti per il personale servirebbero ad eliminare auto intorno ai padiglioni e a permettere che le auto stesse stiano al sicuro e sopratutto che il personale uscendo dall’ospedale sia al sicuro da balordi!!!…in più lascerebbero liberi posti ai residenti intorno all’ospedale……suvvia!!

  6. # giancarlo

    NUOVI INGRESSI ???? SONO STATO STAMATTINA IN OSPEDALE : PIOVE DAPPERTUTTO I SOFFITTI HANNO L’ARMATURA PIENA DI RUGGINE, L’INFISSI SONO DI NUOVO MARCI…STA FRANANDO, VOI PENSATE A GLI INGRESSI. ASPETTIAMO UN ALTRO PO’ A COSTRUIRLO NUOVO! FACCIAMOLO DOPO AVER MODIFICATO LA VIABILITA’

    1. # Paolorossi

      Hai proprio il senso dell’economia! Infatti farlo nuovo e cementificare un altro po’ di ettari di terreno livornese costa molto meno che avere la volontà costruttiva di manutenzione e restauro del vecchio! Hai proprio ragione! E magari nell’area del vecchio spianato tutto e ci costruiamo 500 appartamenti. Proprio come fare il nuovo stadio da serie A per il Livorno distruggendo un’altra area di verde rappresentata dall’ex ippodromo. Ma dove si vuole andare a Livorno con questa mentalità anni 50!!

      1. # Morchia

        I conti vanno saputi fare. Se pensi che mantenerlo alla lunga costi meno che fare un ospedale nuovo ti sbagli di grosso. Il resto di quel che dici è tutta fantasia. Io ancora non capisco perché tra una cosa vecchia e una nuova preferite quella vecchia e decadente, senza parcheggio e in pieno centro, quindi difficile da raggiungere anche dai mezzi di soccorso. Boh…

        1. # Marco

          Ma quale in pieno centro!. L’ospedale di livorno è facilmente raggiungibile perchè collegato ad arterie viarie che scorrono bene ( se non fosse per i semafori ma capisci che spostare un semaforo costa infinitamente meno che costruire un nuovo ospedale). Secondo te un ospedale a montenero sarebbe più facile da raggiungere?

          1. # Morchia

            Secondo me si, basta buttarsi sulla variante e in 2 minuti ci sei. Comunque sul “dove” se ne potrebbe anche discutere, ma sull’avere un ospedale nuovo o uno vecchio non c’è nemmeno da pensarci.

      2. # giancarlo

        Se tu credi che ristrutturare il vecchio ospedale costi meno che ricostruirlo è una tua valutazione . inoltre con la nuova “trovata” togliere parcheggi , si complica ancor di più. Tutto questo in un contesto urbanistico che non è certamente l’ideale per un complesso ospedaliero !

  7. # kristy

    Area ex Pirelli, secondo me, in gestione a privati, con contratto di locazione a scalare la riconversione in parcheggio.

  8. # RESIDENTE STUFA

    I RESIDENTI NECESSITANO DELLA LETTERA!!! NON E’ AMMISSIBILE DOVER PAGARE IL PARCHEGGIO PER ANDARE A CASA NOSTRA!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive