Cerca nel quotidiano:


Terapia del dolore con l’ausilio della cannabis, attivo un ambulatorio e via ad incontri conoscitivi

La dott.ssa Cristiana Salvadori (foto) autrice di questo intervento: "La controindicazione assoluta alla Cannabis è la disinformazione". Per info e prenotazioni 3474416479 (Marta) o 0586 401357

Giovedì 9 Gennaio 2020 — 10:00

Mediagallery

L'esperta: "L’azione della Cannabis su un dolore cronico migliora la qualità della vita di chi la assume e riduce la percezione del “male”. Ciò consente di ridurre i farmaci per il dolore"

pubblichiamo un intervento della dottoressa Cristiana Salvadori, dopo l’intervista del settembre 2019 in cui annuncia, tra l’altro, importanti novità in qualità di esperta in materia: un ambulatorio e degli incontri conoscitivi sull’utilizzo terapeutico della cannabis

Quando percepiamo un dolore (uno qualsiasi: un lutto, una paura, un abbandono, una malattia, un trauma, una infezione ecc…) i nostri sistemi di compenso (nervoso, endocrino, immunitario, psicologico) trovano un nuovo equilibrio ma quando si supera una certa soglia di resistenza, per la durata dello stimolo o l’entità di dolore percepito, il sistema necessita di ulteriore compenso con attivazione dei meccanismi dello stress cronico ed esaurimento. La Cannabis terapeutica agisce su un nostro sistema interno detto Endocannabinoide che regola il “colore” della percezione degli eventi andando a regolare tutti gli apparati. È noto che condizioni come l’innamoramento, una vittoria, il raggiungimento di un obiettivo, un buon pasto gratificante, l’attività fisica, il ridere, un certo rapporto con gli animali, lo shopping non ci cambiano la vita ma cambiano il modo di affrontarla e percepirla (questo intendo per colore!). Questa è l’azione della Cannabis su un dolore cronico: migliora la qualità della vita di chi la assume e riduce la percezione del “male”. Ciò consente di ridurre i farmaci per il dolore (antinfiammatori, cortisonici, oppiacei…), di dormire meglio e di provare una sensazione di minore ansia e agitazione. Tutte le patologie che comportano dolore possono beneficiare del trattamento con Cannabis terapeutica (tipo, quantità e modalità di somministrazione vengono preparate ad hoc per ciascuno sulla base delle indicazioni del medico) come: malattie reumatiche, Fibromialgia, morbo di Crohn, Colite ulcerosa, fuoco di Sant’Antonio in cui permane bruciore, spasticità o ipertono nel morbo di Parkinson e di Alzhaimer, lombalgie, nevralgie anche da diabete ecc… La controindicazione assoluta alla Cannabis è la disinformazione: essendo ad oggi un trattamento personalizzato, serve solo la pazienza per fare in modo che il prodotto funzioni.
Da gennaio e tutto febbraio a Livorno abbiamo attivato un ambulatorio di terapia antalgica con prescrizione della cannabis terapeutica presso un ambulatorio in viale Carducci adiacente la farmacia Farneti. Inoltre verranno organizzati incontri conoscitivi sull’utilizzo terapeutico della cannabis. Per info e prenotazioni chiamare il numero 3474416479 sig.ra Marta o lo 0586 401357.

Dottoressa Cristiana Salvadori (foto)

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # MCK Biogardening

    Finalmente… per tutti quelli che vengono a chiederci info sull’uso e reperibilità della cannabis terapeutica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.