Cerca nel quotidiano:


Vaccino day per 45 operatori, giornata storica anche per Livorno

Vaccino Day per 45 operatori sanitari, tra loro due figure di spicco: il direttore dell'ospedale Carneglia e il primario di malattie infettive Sani. Tra i vaccinati anche Favuzzi, coordinatrice ostetriche. La soddisfazione di Casani, Giani, Salvetti e Gazzetti

Domenica 27 Dicembre 2020 — 12:41

Mediagallery

Giani a Livorno per il vaccino day: "La Toscana è pronta dal 7 gennaio 2021 a tornare in zona gialla, ma basta un non nulla di distrazione per far cambiare i nostri numeri che al momento ci vedono tra le prime 5 Regioni di Italia più virtuose per il basso numero di contagi. Non abbassiamo la guardia"

Vaccino Day all’ospedale di Livorno (insieme a quello di Lucca e Massa) per 45 operatori sanitari: 8 medici, 18 infermieri, 2 amministrativi, 8 tecnici, 6 oss, 1 specializzando, 1 estar, 1 dirigente sanitario. Sono stati loro, selezionati da un algoritmo, i primi a vaccinarsi domenica 27 dicembre al reparto Cord dell’ospedale di Livorno aperto di domenica per l’occasione. Tra i 45 anche due figure di spicco, due figure simbolo, due testimonial come sono stati definiti: il direttore dell’ospedale Luca Carneglia e il primario di malattie infettive Spartaco Sani (eccoli insieme dopo la somministrazione del vaccino e nelle due foto più in basso durante il vaccino. Foto principale una delle dosi di vaccino arrivata a Livorno e in basso trovate due video relativi al trasporto e alla consegna dei vaccini “Svs gestione servizi azienda regionale che trasporta i vaccini per la Regione Toscana”). Entrambi, Carneglia e Sani, concordi nell’affermare: “Ansia, preoccupazione? Assolutamente no”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Paola Favuzzi, coordinatrice delle ostetriche, anche lei nell’elenco dei 45: “Nessuna preoccupazione. Contenta di averlo fatto”. Così come Camilla Banti, infermiera: “Se ho dormito serenamente? Certo. Nessun ansia anzi semmai ho l’ansia che tutti si vaccinino e spero che tutto questo risalto mediatico aiuti verso questa direzione”.
Presenti al Cord, per questa giornata, la direttrice generale della azienda USL Toscana nord ovest, Maria Letizia Casani (diretta Fb USL Toscana nord ovest), il presidente della Regione Eugenio Giani (diretta Fb USL Toscana nord ovest), il sindaco Luca Salvetti, il consigliere regionale Francesco Gazzetti. Casani: “Quella di oggi (27 dicembre, ndr) è una giornata storica nella lotta al coronavirus. Tutti insieme, in tutta Europa, viene dato l’avvio a questo percorso lungo e complesso. Colgo l’occasione per ricordare quanto sia importante che vengano comunque rispettate, sempre, tutte le misure di precauzione che conosciamo: mascherina, distanziamento e lavaggio delle  mani”. Salvetti: “Solo pochi mesi fa ci dicevamo quando sarà pronto il vaccino e oggi averlo a disposizione anche qua a Livorno ci riempie il cuore. E’ senz’altro un giorno importante dopo mesi di sofferenza. Quando sarà il mio turno mi vaccinerò. Assolutamente sì”. Di giornata importante, significativa, ha parlato anche il consigliere regionale Francesco Gazzetti: “Essere arrivati a questo punto è il segno di quanto sia stata rilevante e significativa la ricerca. Europa unita nel nome della speranza. Se mi vaccinerò? Certo, ho già espresso la mia volontà di farlo”. E’ arrivato anche il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani: “E’ un giorno storico, quando leggeremo le cronache del 27 dicembre 2020 diremo che è stato il primo mattone a fare da argine tra la popolazione e questo nemico invisibile, quanto subdolo. Il vaccino potrà costruire questa immunità, progressivamente, di massa. Per quanto riguarda l’organizzazione e la distribuzione delle dosi da Careggi nei 13 presidi ospedalieri le cose sono andate molto bene. Sono contento”. E sul futuro colore della Regione ha aggiunto: “La Toscana è pronta dal 7 gennaio 2021 a tornare in zona gialla, ma basta un non nulla di distrazione per far cambiare i nostri numeri che al momento ci vedono tra le prime 5 Regioni di Italia più virtuose per il basso numero di contagi. Non abbassiamo la  guardia”.

Riproduzione riservata ©