Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Cream Tea, letture in inglese per gli studenti del Cecioni

Venerdì 10 Giugno 2022 — 15:30

Il progetto, svoltosi al Parchino Odeon, è curato dal Dipartimento di Inglese del Liceo Cecioni e coinvolge studenti delle classi IV e V del Liceo Linguistico, ma anche dei Licei Scientifico, Artistico e delle Scienze Umane, con la collaborazione di ex alunni

Gli studenti del triennio classi IV e V del Liceo Linguistico hanno dibattuto in lingua inglese di letteratura e vita nel corso di cinque "tè letterari". "Madrina" del progetto la docente Cecilia Paladini che ha sottolineato come la lettura integrale di libri nella lingua originale, l'inglese, sia diventata un metodo di apprendimento al Linguistico Cecioni

Gli studenti delle classi quinte del Liceo Linguistico il 9 giugno hanno condiviso con la comunità livornese, nell’atmosfera familiare e accogliente del “Parchino Odeon“, il progetto di lettura con il quale gli studenti del triennio del Liceo Linguistico dibattono in lingua inglese di letteratura e vita. Il “CREAM TEA”, ormai in calendario tra le attività del Liceo Cecioni da diversi anni, prevede cinque “tè letterari” in lingua inglese che si svolgono a scuola tra gennaio e maggio. Quest’anno, per l’ultimo incontro, si è pensato invece di utilizzare un luogo esterno, per condividere il percorso anche  con una parte di  comunità al di fuori della scuola. Il progetto è curato dal Dipartimento di Inglese del Liceo Cecioni e coinvolge studenti delle classi IV e V del Liceo Linguistico, ma anche dei Licei Scientifico, Artistico e delle Scienze Umane, con la collaborazione di ex alunni che tornano a condividere passione e competenze nella scuola che li ha formati. Gli studenti sono chiamati a riflettere sul “grande potere della letteratura di nutrire l’umano che è in noi”,   e a confrontarsi, attraverso una serie di incontri che favoriscano un clima di condivisione, di autentico scambio di idee su testi letterari letti integralmente su alcuni temi principali  quali l’importanza dell’incontro con “l’altro” e la letteratura come “palestra per sviluppare empatia e nutrire la nostra umanità”. Attraverso la metodologia del “debate” gli studenti e le studentesse esprimono i propri originali punti di vista purché legittimati da un pensiero logico supportato da approfondimento e riflessione.
Ma il Cream Tea non si ferma, e sarebbe già tanto, solo a questo poiché uno spazio rilevante viene dato alle altre lingue studiate, alle lingue di origine e e all’espressione dei personali talenti. Così anche ieri sera, si sono alternati sul palco, intercalando gli argomenti letterari, cantanti, violoncellisti e violinisti, ballerini, attori. Ieri sera, insieme ai tanti studenti protagonisti, c’erano genitori, professori, esperti  che sono stati invitati a dare un contributo sui temi affrontati. La serata è stata aperta dal saluto e dalle congratulazioni della Dirigente scolastica, Cristina Grieco, che ha sottolineato quanto sia importante “ che ciò che si fa a scuola sia condiviso, soprattutto quando si tratta di occasioni in cui i nostri ragazzi si mettono in gioco e ci mostrano che cosa sanno fare, in questo caso con la lingua inglese, ma ovviamente questo vale per tutte le loro competenze”. E’ poi seguito il tradizionale intervento della docente Cecilia Paladini, da anni “madrina” che ha sottolineato come la lettura integrale di libri nella lingua originale, l’inglese, sia diventata un metodo di apprendimento al Linguistico Cecioni, con il quale, si impara ad entrare in contatto diretto con gli autori nella lingua originale e a trattare romanzi e poesie dei quali gli studenti diventano “esperti” e che fanno propri con un grande senso di orgoglio. Infine l’ideatrice del progetto, la docente Claudia Tirendi ha illustrato gli obiettivi del Cream Tea che coinvolge studenti e docenti interessati di tutti e cinque i licei del Cecioni e nasce dalla volontà di rendere gli studenti capaci di un approccio olistico allo studio, così come richiesto, tra l’altro al colloquio finale dell’esame di Stato. Per maggiori informazioni: brochure del progetto “CREAM TEA” e il programma con i “contenuti” della serata dell’8 giugno.

Condividi:

Riproduzione riservata ©