Cerca nel quotidiano:


Il Festival AnniSettanta prosegue con i “Disperati Erotici” alla Barrocciaia

L'ingresso alle mostre, agli incontri e ai concerti è gratuito

lunedì 12 novembre 2018 10:33

Mediagallery

I Disperati Erotici all’Osteria La Barrocciaia (piazza Cavallotti, 13) saranno i protagonisti del sesto appuntamento del Festival AnniSettanta, in programma mercoledì 14 novembre  alle 21. Ancora musica dunque, e ancora nel suggestivo locale di Tommaso Scalzi, dopo il grande successo della tappa di mercoledì scorso con il Trio della Cattiva Strada che ha omaggiato la musica e la poesia di Fabrizio De Andrè.

Il percorso a tappe che sta animando la scena culturale e artistica livornese dal 26 ottobre, è stato ideato dalla TST Art Gallery in collaborazione con Taragaruz, Mondadori Bookstore Livorno, Gian Marco Casini Gallery, Itinera e L’osteria La Barrocciaia. “AnniSettanta” ha il patrocinio gratuito del Comune di Livorno.

I Disperatici Erotici Trio, attivi già da un anno nella scena musicale toscana, propongono musica italiana di qualità in maniera spesso scanzonata e talvolta irriverente, attraverso personalizzazioni, insolite citazioni e rivisitazioni in chiave swing, latin ska-reggae. Nella serata di musice live di mercoledì prossimo il trio proporrà  le più belle canzoni di Fabrizio De Andrè e Lucio Battisti, due cantautori che hanno segnato indelebilmente gli anni Settanta. I Disperati Erotici Trio, guidati dalla sapiente voce schitarrata di Marco Magnani, sostenuti dalle morbide note del basso di Andrea Marianelli e sobbalzati dalle percussioni di Filippo Sgrani, accompagneranno il pubblico in un viaggio senza tempo in direzione ostinata e contraria.

Marco Magnani – pistoiese di nascita ed empolese di adozione, a soli 8 anni entra alla Scuola Comunale Mabellini di Pistoia, presso la quale consegue il diploma del quinto anno in oboe. Negli anni seguenti si dedicata allo studio del pianoforte e della chitarra. Attualmente impegnato con Disperati Erotici Trio (swing latin reggae), Banda Zenzero (JukeBoxBand), Quinta Essenza (Mina-Battisti), Cantastorie (duo acustico).

Andrea Marianelli – giovanissimo, inizia lo studio del basso elettrico e successivamente del contrabbasso perfezionandosi negli anni con jazzisti di fama internazionale come Bolognesi e Moriconi.Attivamente impegnato oltre che coi ‘Disperati Erotici Trio’, anche con Tiziano Mazzoni (cantautore pistoiese), Manana Son (Musica tradizionale cubana), Flames (Funk Dance) e molte altre collaborazioni.

Filippo Sgrani – percussionista di scuola afro-cubana, suona congas, bongos, cajon, percussioni minori e vari multi-set. Inizia gli studi nei primi anni ’90 e nel 1994 vince col gruppo pop Nyr il trofeo Roxy Bar, curato da Red Ronnie.  Oggi, oltre a far parte da circa un anno del Trio Disperati Erotici, col quale affronta un repertorio di musica italiana rivisitato in chiave swing, latin, reggae, è membro dei Mambokids, storica orchestra di musica latina diretta da Cesar Martignon.

Il festival AnniSettanta prosegue intanto con le due mostre dedicate: nei locali di TST Art Gallery (corso Amedeo 196) la mostra fotografica di Vincenzo Starnone (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19, mercoledì pomeriggio chiuso) e da Taragaruz (via E. Rossi 23 di fronte al Liceo Classico) la mostra dal titolo “Segni emblematici” del Maestro Renato Spagnoli, curata da Gian Marco Casini Gallery.

Le prossime tappe del festival AnniSettanta

Giovedì 15 novembre (ore 18)da Mondadori Bookstore Livorno (via Magenta, 23), presentazione del romanzo “Un’altra giovinezza veniva dal mare” di Lorenzo Greco, Vittoria Iguazu Editora. L’autore dialogherà con la giornalista Sandra Mazzinghi e con l’avvocato Andrea Ghezzani.

Domenica 18 novembre (ore 17.30) a Palazzo Huigens (Via Borra, 35) un incontro ideato dalla cooperativa Itinera,  “A Livorno negli anni ’70: tutto inizia dal basso”, in collaborazione con Edizioni Erasmo.

Venerdì 30 novembre (ore 18) nei locali della TST Art Gallery, Antonio Valentini, giornalista, penna del Corriere della Sera e docente di comunicazione giornalistica all’Università di Pisa, terrà un incontro dal titolo “Vissuto e aspettative dei giovani negli anni ‘70”.

L’ingresso alle mostre, agli incontri e ai concerti è gratuito.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.